MOSCHINI: DOPO LA PRESTIGIACOMO UNA MARCIA IN PIU’ PER I PARCHI

Riportiamo integralmente una lettera di Renzo Moschini, dirigente della Federparchi, sul futuro dei Parchi in Italia dopo la gestione “Prestigiacomo”.

«Il passaggio di mano dalla Prestigiacomo a Clini – inizia Moschini – aveva creato anche -ma non solo- per i parchi e le aree protette aspettative e speranze dopo le cocenti delusioni di una gestione ambientale tra le più rovinose che si ricordi. Finora purtroppo la situazione non presenta cambiamenti di rotta significativi se non per una maggiore considerazione e attenzione a situazioni dissestate e commissariate. Troppo poco tuttavia  per poter considerare questo l’avvio di una svolta e di un rilancio che resta una esigenza improrogabile.

Se c’è un aspetto tuttavia che va profilandosi con maggiore chiarezza rispetto anche al recente passato è che il persistere di una situazione a rischio non può  dipendere certo nè principalmente né tanto meno  esclusivamente dai limiti della legge che per questo dovrebbe –si dice- essere modificata se vogliamo rimediare ai nostri guai. Nonostante tutte le manfrine anche ipocrite che hanno in qualche caso finito inopinatamente per mettere sul banco del imputati anche molte  associazioni e sigle ambientaliste accusate nientemeno di favorire –pensa te- il centralismo, è sempre più chiaro che la legge c’entra poco o niente e c’entra invece molto la politica, la sua gestione con le sue tante, troppe inadempienze istituzionali che nessuno può oggi nascondere né al senato né nel paese.

Del resto basta guardare al panorama regionale per avere conferma che i guai per i nostri parchi nazionali ed anche regionali non derivano dalla legge ma dalla mancanza di una politica nazionale di sistema –prevista e voluta dalla legge- ma mai attuata con convinzione. Le inadempienze  del ministero  ormai privo persino  delle sedi e degli strumenti di gestione che la legge prevedeva ma poi abrogati e mai ‘rinnovati’ sebbene  il

Bassanini lo stabilisse, hanno fatto venir meno qualsiasi raccordo con i parchi regionali di cui anche un ministro aveva chiesto d’altronde l’abrogazione. Ora in tutta una serie di regioni i parchi sono a rischio non solo per i tagli pesanti –come in Piemonte- ma anche di riorganizzazioni non ‘istituzionali’ ma ragionieristiche che nulla hanno a che fare con il loro ruolo, anzi lo penalizzano pesantemente.

Ecco perché oggi urge una adeguata e non più rinviabile politica di rilancio che non dipende in alcun modo dalla legge ma da quello che sapranno e dovranno fare il ministero, le regioni e gli enti locali.

Chi ha responsabilità per come sono andate le cose negli ultimi tre anni si può capire che preferisca rifarsela con la legge come scusa; ma gli altri? Davvero credono che qualche aggiustamento di emendamenti magari sui cinghiali sia la condizione per ripartire e rimediare ai danni e in più d’un caso anche a veri e propri misfatti; vedi le aree marine protette, il santuario dei cetacei etc etc?

Perché con il nuovo governo si sono istituiti tavoli dove le Regioni, l’ANCI e l’UPI discutono delle loro questioni e per i parchi al momento non  c’è nulla di simile all’orizzonte? Era stata richiesta addirittura la terza Conferenza nazionale dei parchi che nessuno né prima né ora sembra voler prendere  in considerazione. Vogliamo almeno parlarne ad un tavolo dove i parchi, le regioni, gli enti locali ,il mondo scientifico e dell’associazionismo  possano finalmente fare il punto e decidere il da farsi? O preferiamo che continuino a girare le idee più balorde e grottesche tipo l’affidamento al CFS della gestione dei parchi come abbiamo sentito proporre al Congresso di Federparchi?

Visti anche i risultati deludenti di Rio non è il caso di mettere mano a qualcosa di più serio di qualche ‘manuntezione’ normativa sfasciacarrozze?

Noi ci stiamo lavorando in vista del nostro appuntamento nazionale del Gruppo  Per il rilancio dei parchi fissato per 21 settembre in San Rossore dove vorremmo mettere a confronto posizioni e impegni».

Renzo Moschini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.6.2012. Registrato sotto Foto, Lettere, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 6 ore, 53 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it