NO SAT: «TIRRENICA, DALLA REGIONE UNA DELIBERA VERGOGNOSA»

Riportiamo integralmente un comunicato del comitato “NO SAT” sulla recente delibera regionale che trasforma un diritto già acquisito (la variante libera e gratuita per sempre) in una concessione a tempo (l’esenzione dal pagamento per trenta anni di un tratto di Tirrenica, anche se è la stessa strada ammodernata). La riunione è fissata per oggi 26 giugno, 17 Comuni stanno dalla parte di Rossi ma molte sono state le osservazioni da parte degli enti cofirmatari.  Per la massima correttezza nell’informazione, i nostri lettori possono leggere integralmente a questo indirizzo la delibera 546 del 21-6-2012.

A questo indirizzo invece gli atti di tutti i comuni che hanno dato parere positivo all’operazione.

___________________

«Una reazione scomposta quella del Presidente Rossi – iniziano i NO SAT – dettata dal protesta crescente dei cittadini che Sabato 30 giugno si riuniranno con le macchine nel blocco della Variante e dell’Aurelia partendo dal contestato casello di Rosignano.

Questo è il giudizio espresso dal coordinamento territoriale NoSat sulla delibera urgente della Giunta Regionale che, improvvisamente, si riunisce e chiede di raddoppiare le esenzioni al futuro pedaggio. Un segnale della evidente difficoltà in cui si trova il Presidente Rossi ora che è stato smentito sia il dogma dell’opera strategica per lo sviluppo della maremma, sia il dogma di un Europa che impone l’autostrada. L’unica arma rimasta al governo toscano, per ammansire i cittadini, ora che il trucco è stato svelato, è di comprarne il silenzio con la promessa di un esenzione per tutti. Ma i fatti evidenziano la contraddizione della politica regionale: la Variante, oggi già senza pedaggio per tutti i suoi 112 Km, verrebbe consegnata ad un privato che la trasformerebbe in autostrada a pagamento; al gestore verrebbe tolto il canone d’affitto, ridotta l’IVA dal 21% al 4%, e gli verrebbe suggerito di concedere un esenzione a tutti per 45 km. Il privato, ossia la SAT, ha già rispedito al mittente la proposta affermando che NON è “bancabile” un progetto autostradale se nessuno paga il pedaggio, dunque se non pagheranno gli automobilisti come propone Rossi dovrà essere qualcun altro a farlo ed il riferimento allo Stato è evidente, ossia sempre i cittadini.

Preso atto che per Rossi il problema dell’autostrada si risolve solo in una mera contrattazione economica di chi paga e nulla interessa se abbia senso o meno indebitarci di 2,4 miliardi per un opera in gran parte inutile, noi continuiamo ad evidenziare la gravità della situazione per la futura viabilità: sottrarre la Variante Aurelia al libero transito significa tornare indietro di 30 anni quando la vecchia Aurelia, unica via alternativa, era tristemente nota per essere la strada della morte. Già oggi, con i primi tre km di Variante trasformata in autostrada a Rosignano, chi vive in zona ha sperimentato gli effetti di tale progetto sulla SP 206 con il drastico peggioramento della qualità della vita.

Spendere 2,4 miliardi di euro, che non abbiamo – conclude il comitato NO SAT –  per tornare a vivere le esperienze negative di 30 anni fa appare l’ultima follia di un amministrazione ferma a progetti del secolo scorso».

Coordinamento Territoriale NoSat

Italia Nostra

Coordinamento dei Comitati e associazioni ambientali prov. di Grosseto

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.6.2012. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “NO SAT: «TIRRENICA, DALLA REGIONE UNA DELIBERA VERGOGNOSA»”

  1. marco

    scherzano col fuoco, questa delibera non sarà priva di conseguenze. Perché Rossi e i sindaci vogliono creare casino? Attenti perché qando le istituzioni sono irresponsabili la democrazia è in pericolo.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 23 giorni, 14 ore, 58 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it