SEL: «CITTA’ FUTURA» PERCHE’ AFFIDATA ALL’ASIU SENZA GARA EUROPEA?

Una parte dell'area di "Città Futura"

Riportiamo un comunicato di Sinistra Ecologia e Libertà che chiede informazioni sull’affidamento ad ASIU dei lavori di bonifica dell’area di “Città futura” a Piombino, senza che sia stata effettuata una regolare gara europea, come prescrive la legge in materia. Riportiamo il comunicato integralmente.

Apprendiamo dalla stampa  locale che  è stato affidato ad ASIU e alla sua controllata TAP il lavoro di bonifica dell’area di Città Futura. Questa decisione è stata presa dalla giunta e comunicata venerdì scorso ai capigruppo consiliari. Ci risulta che ci siano stati due preavvisi di gara pubblicati sulla gazzetta europea rispettivamente il  27 agosto 2010 e il 4 gennaio 2011 con previsione dell’avvio delle procedure di aggiudicazione per il 1 Marzo 2011.

Riteniamo legittimo porci alcuni interrogativi, riassumibili in quattro punti fondamentali:
1) Perché da un preavviso di gara non si è passati  alla gara pubblica ma all’affidamento diretto?
2) Perché si è deciso di affidare un’opera pubblica di tanta portata (13 milioni e 500 mila euro ) senza  passare al vaglio di una gara pubblica in cui selezionare l’evidenza di una società che offrisse, in termini di concorrenza e di economicità , una provata competenza in merito al lavoro di bonifica dei terreni industriali, competenza che non ci risulta sia stata maturata dalla società ASIU?

3) Come é possibile affidare direttamente l’esecuzione di un’opera pubblica che non ha niente a che vedere con i rifiuti urbani ad una società come l’ASIU che opera nel campo dei rifiuti urbani per conto dei Comuni?

4) Come é possibile addirittura affidare dei lavori anche ad una società come la TAP che vede la presenza  di capitale privato?

5) Perché, infine, capitoli di spesa e di utilizzo di denaro pubblico, in quantità tanto considerevole ( nel preavviso di gara era prevista una spesa tra gli 11 e i 12 milioni di euro mentre  nell’affidamento diretto sono  previsti invece 13,5 milioni di euro),  devono  essere  gestiti  con delibera di giunta, senza un precedente passaggio in consiglio comunale?

6) Qual’é il progetto che si prevede di realizzare visto che viene già preannunciata una modifica da sottoporre al Ministero dell’ Ambiente?

Ci preoccupano   questa gestione proprietaria delle istituzioni locali e questo progressivo esautoramento del momento consiliare, vero fulcro della democrazia locale. Decisioni tanto importanti e onerose per la collettività devono vedere il coinvolgimento e il contributo di tutte le forze politiche rappresentate nelle istituzioni elettive cittadine.
SEL , ritenendo che le istituzioni comunali siano un momento fondante della democrazia  nei territori e non un’istituzione appannaggio di  qualche forza politica, per quanto maggioritaria possa essere, chiede  chiarezza  e trasparenza su questa vicenda.

Auspica che le forze politiche di opposizione presenti i Consiglio Comunale facciano sentire forte la loro voce  e vigilino attentamente  sulla trasparenza di certe operazioni.

Circolo “Cento passi”
Sinistra Ecologia Libertà
Piombino VdC

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.4.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “SEL: «CITTA’ FUTURA» PERCHE’ AFFIDATA ALL’ASIU SENZA GARA EUROPEA?”

  1. Riccardo Gelichi

    Alle opposizioni è stata garantita una maggiore efficacia degli interventi e tempi certi, oltre i vantaggi che potrebbero portare in termini di occupazione il lavoro in situ. Sulla fattibilità non mi pronuncio, non ho attualmente elementi e sinceramente non mi appassiona l’argomento. Per il passaggio in Consiglio ci è stato detto che è suffiente la delibera di giunta per questo tipo di affidamento, anche io avrei preferito un passaggio nel Consiglio. Sicuramente vigileremo per verificare gli elementi di garanzia suddetti, anche perchè le bonifiche nel nostro territorio sono prioritarie.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 26 giorni, 11 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it