SAN VINCENZO: CARABINIERI E FORESTALE SEQUESTRANO GLI ATTI SULL’ECOMOSTRO

Nella mattina di Mercoledì 14 marzo sequestro di atti  presso il Comune di San Vincenzo per la vicenda dell’Ecomostro, azione coordinata dalla Procura della Repubblica di Livorno, titolare delle indagini il pm Luca Masini, che ha delegato i carabinieri di San Vincenzo intervenuti dopo il sequestro penale della palazzina, effettuato dai carabinieri di San Vincenzo e dalla Forestale di Venturina su ordine del Gip (Giudice indagini preliminari) il 7 marzo scorso.

Gli investigatori sono andati negli uffici tecnici comunali ed in particolare nella sezione urbanistica privata. Sono stati sequestrati faldoni di documenti ed anche computer (due negli uffici comunali e due prelevati nelle abitazioni di due tecnici) e proprio perché si è trattato di un sequestro e non «acquisizione» di atti è presumibile ritenere che siano in itinere gli avvisi di garanzia, atti dovuti per il sequestro della documentazione. Gli investigatori sono rimasti negli uffici per molte ore e l’indagine potrebbe anche allargarsi ad altri soggetti.

L’ecomostro, comunque, non sembra essere l’unica questione al vaglio dell’autorità giudiziaria. In ogni caso, proprio nel consiglio comunale di lunedì a seguito di una mozione presentata dal gruppo consiliare «Forum del centrosinistra» con oggetto «Attività edilizia presso l’edificio Torretta all’interno del recinto dell’hotel I Lecci» è emerso come anche per l’amministrazione occorra procedere a demolire e rimettere in ripristino l’area tanto che la mozione è stata approvata all’unanimità. Già in altre occasioni, lo ricordiamo, dove la questione è stata oggetto di discussione, il dirigente Andrea Filippi parlava di demolizione parziale.

Il blitz di ieri assume un carattere «squisitamente tecnico» con sequestro di documenti nell’ufficio del dirigente geometra Andrea Filippi e dell’edilizia privata geometra Daniele Bettini. In effetti, la «mozione» del Forum discussa ed approvata ad unanimità dal consiglio comunale è molto eloquente e ve la riportiamo integralmente.

_________________________________

Oggetto: Attività edilizia presso l’edificio “torretta” all’interno del recinto dell’hotel “I lecci”.

Considerato che nonostante la rilevazione dell’abuso effettuata nell’aprile del 2011, e nonostante siano già abbondantemente scaduti i termini per eseguire l’ordinanza di ripristino dei luoghi emessa dal Comune, l’immobile già ribattezzato “ecomostro” è ancora al suo posto;

Visto che recentemente sono stati eseguiti nuovi lavori alla parte esterna del piano seminterrato e alla strada, puntualmente denunciati a Codesta Amministrazione attraverso una Interrogazione ad hoc presentata dal Gruppo scrivente con discussione pubblica in Consiglio Comunale;

Considerato che neppure dopo tale discussione si è proceduto a far eseguire l’ordinanza pur avendo riconosciuto e verbalizzato come i termini per procedere alla demolizione fossero ormai trascorsi;

Rilevato come siano ulteriormente avanzati i lavori persino nei giorni scorsi quando, oltre a migliorare la strada d’accesso al cantiere, siano stati altresì ammassati grandi quantità di forati comunemente usati per la realizzazione dei muri;

Ricordato che tali attività edilizie vengono svolte in su un manufatto dichiarato in buona parte abusivo, realizzato con sostanziali pesanti variazioni rispetto a quanto autorizzato dal permesso di costruire, e che avrebbe già dovuto essere abbattuto;

Ricordato quanto dispone il DPR 380/11 (Testo Unico sull’edilizia) a proposito dell’inerzia nel far eseguire le demolizioni in seguito ad “Interventi eseguiti in assenza di permesso di costruire, in totale difformità o con variazioni essenziali”;

Il Consiglio Comunale

Richiama al rispetto dell’ordinanza;

Impegna gli uffici competenti a far eseguire i lavori di demolizione e rimessa in pristino dei luoghi con effetto immediato;

Invia la presente mozione alla Procura della Repubblica, agli Uffici di Campiglia e di Livorno del Corpo Forestale dello Stato, alla Presidenza della Regione Toscana e all’Assessorato all’Urbanistica regionale.

Con osservanza

 Nicola Bertini

Maurizio Viliani

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.3.2012. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “SAN VINCENZO: CARABINIERI E FORESTALE SEQUESTRANO GLI ATTI SULL’ECOMOSTRO”

  1. Luca

    Prima la conferenza paritetica della Regione Toscana, ora i Carabinieri in comune…

    Finita l’epoca degli intoccabili anche a San VIncenzo?

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    30 mesi, 17 giorni, 12 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it