SAN VINCENZO: LETTERA APERTA AL SINDACO BIAGI

Nicola Bertini del Forum per San VIncenzoha scritto una lettera aperta al sindaco di San Vincenzo Biagi su sovracomunalità, Società Parchi e Tassa di Soggiorno che pubblichiamo integralmente. Eventuali repliche possono essere inviate alla nostra redazione. I commenti possono essere inseriti al termine dell’articolo.

________________________

Caro Sindaco Biagi,

la Giunta piombinese ha fatto un contratto di servizio separato con la Società Parchi portandosi via gli utili e compensando in parte i costi dei parcheggi a pagamento della Sterpaia e di Baratti. Per il 2012 di certo sappiamo che Piombino darà alla Parchi 550.000€, non prima d’aver portato via ricavi assicurati per un milione circa. Anziché un contributo si tratta di un prelievo ai danni degli altri comuni soci tra cui quello da Lei amministrato da otto lunghi anni.

Tutto ciò è in netto contrasto con l’articolo 2 della convenzione della società Parchi dove si chiarisce che il patrimonio è gestito secondo criteri di sovracomunalità al di là della collocazione geografica del bene culturale o ambientale in questione. Tutto ciò è in palese e netto contrasto con l’articolo 13 della convenzione dove si stabilisce che il finanziamento deve essere ripartito tra i comuni in modo proporzionale alla popolazione.

Caro Sindaco Biagi, Lei ha dichiarato che il contributo di San Vincenzo sarà pari a 300.000€ per il 2012 ovvero 44€ a cittadino. Per ora Piombino si è preso 450.000€ dalla Parchi ovvero ogni cittadino di Piombino ha incassato 15€ dalla società mentre il nostro comune è costretto a tappare il buco destinandovi più risorse di quante ne stanzi all’ASL.

Dunque pare proprio che Piombino abbia cestinato l’esperienza della sovracomunalità, ignorando le convenzioni sottoscritte tra i Comuni e tra i Comuni e la società Parchi. Del milione di euro derivanti dai parcheggi, Piombino ne darà 550.000 alla Parchi per coprire le spese e si tratterrà un profitto sulla società consortile (ossia di tutti i Comuni della Val di Cornia) di 450.000 euro. Il profitto che incassa Piombino deve essere pagato dagli altri Comuni. Dalle sue dichiarazioni si deduce che San Vincenzo ha già deciso di versarne 300.000, rispetto ai 65.000 del 2011. Se Piombino rispettasse la proporzionalità del contributo alla Parchi dovrebbe versare 1.540.000 € circa oltre a risarcire completamente gli incassi dei parcheggi, invece …

Su cosa faranno gli altri comuni ancora non c’è dato sapere niente. È evidente come tutto questo sia in contrasto con quanto stabilito dagli atti pubblici sottoscritti che, ormai, sono carta straccia.

A queste imposizioni non si può reagire, caro Sindaco, istituendo la tassa di soggiorno per compiacere il capo. Di fronte a simili derive si usano gli strumenti politici che si hanno a disposizione e, qualora non dovessero essere sufficienti, si denunciano le violazioni ai patti e si prende atto che uno dei comuni della Val di Cornia ha scelto l’isolamento.

Siamo da sempre i primi a sostenere che gli interessi particolari dei singoli comuni devono cedere il passo ad obiettivi superiori e se un comune adotta simili provvedimenti ha di fatto dichiarato chiusa la stagione della sovra comunalità con grave danno per tutti. Attendendo una classe dirigente radicalmente differente, il minimo che Lei possa fare, è tutelare diritti ed interessi dei cittadini, Signor Sindaco, anche se questo significa andare un po’ meno d’accordo con un collega influente e riverito, sebbene sempre più solo ed abbandonato.

Nicola Bertini

Forum per San Vincenzo

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.3.2012. Registrato sotto Foto, Lettere, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “SAN VINCENZO: LETTERA APERTA AL SINDACO BIAGI”

  1. martino

    vera e bellissima lettera, complimenti!

  2. giuliano parodi

    grazie Nicola

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 7 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it