SAN VINCENZO: «SINDACO BIAGI, E MO SO “PARCHI TUA”»

Riceviamo e pubblichiamo integralmente da Nicola Bertini del Forum per San VIncenzo e a seguire dalla lista campigliese Comune dei CIttadini che organizza un incontro dibattito sull’argomento il prossimo primo marzo.

«Bei tempi quelli in cui Biagi in Consiglio Comunale assicurava che non c’era correlazione tra l’istituzione della tassa di soggiorno e bilancio della Società dei Parchi a cui Piombino aveva sottratto gli introiti dei parcheggi della Sterpaia.

Il Sindaco aveva persino rassicurato sul fatto che San Vincenzo non era succube delle scelte di Piombino e che certo non sarebbe stata pronta a ripianare debiti creati da altri.

È bastato un mese ed ecco San Vincenzo che accetta di aumentare il proprio contributo alla Società Parchi da 65.000€ di quest’anno, a 300.000€: una differenza che supera il 450%.

Da dove verranno fuori questi 235.000€ e cosa andranno a finanziare visto che di progetti innovativi e rivoluzionari della Società Parchi non v’è traccia? A cosa è dovuto questo esorbitante incremento delle spese per i parchi? Fino a qualche anno fa la Parchi era considerata una società virtuosa e nel 2007 annunciò il pareggio tra costi e ricavi.

Se un Comune deve aumentare del 450% il contributo in un anno siamo di fronte ad un disastro finanziario e San Vincenzo, invece di vantarsi d’essere “capofila” tra i becchi e bastonati, farebbe bene ad esigere che la dirigenza responsabile del collasso della Parchi, venga immediatamente sostituita. Sempre che nelle carenze gestionali, e solo in quelle, sia la responsabilità del crack.

In realtà, per i parchi non c’è nessun piano di sviluppo, ma tante decisioni contraddittorie e dannose. La speculazione edilizia nella tenuta di Rimigliano, gli alberghi di lusso previsti nel golfo di Baratti, le distese di pannelli solari, il progetto di 17 torri eoliche di 150 metri nelle campagne tra Banditelle e Populonia, le cave che devastano le colline, e molte altre ipoteche sul nostro territorio impediscono alla società Parchi di elaborare progetti di valorizzazione e rendono gli altisonanti obiettivi di “marketing territoriale” sbandierati dai sindaci, ridicolo chiacchiericcio propagandistico.

I Comuni hanno avvallato la richiesta del Sindaco di Piombino di sottrarre alla Parchi le entrate dei parcheggi del parco della Sterpaia e di Baratti (un milione di euro) e per coprire il buco di bilancio che ne è derivato hanno deciso di istituire la tassa di soggiorno in tutti i Comuni. Così per la bella pensata di Piombino a pagare di più sarà San Vincenzo che riscuoterà una tassa più elevata.

Ormai i Comuni non sono più legati da vincoli solidaristici trasparenti ed equi, ma procedono con decisioni improvvisate anche per la gestione finanziaria di società partecipate come la Parchi. Sarà solo il Comune di San Vincenzo a dover quadruplicare il contributo o faranno altrettanto anche gli altri Comuni azionisti della società?»

Nicola Bertini

Forum per San VIncenzo

______________________________

COMUNE DEI CITTADINI ORGANIZZA IL 1 MARZO ASSMBLEA SULLA TASSA DI SOGGIORNO

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Una tassa senza scopo turistico, richiesta nella congiuntura peggiore e con una incredibile confusione. Questa è la nostra valutazione sulla tassa di soggiorno che i Comuni hanno deciso di istituire a partire dal 1 marzo 2012. Ma, a due giorni dalla sua applicazione, nessun Comune ha ancora detto ufficialmente quanto dovranno pagare i turisti che alloggeranno negli alberghi, nei villaggi, negli agriturismi. I gestori delle strutture ricettive saranno costretti a comunicare gli aumenti ai turisti che hanno già prenotato o, per non fare pessime figure, ad accollarsi direttamente la tassa da versare al Comune.

Dopo aver detto e scritto che sarebbero stati tassati anche i turisti delle “seconde case”, solo pochi giorni fa i Sindaci hanno fatto marcia indietro ammettendo di “non essere in grado di esercitare i controlli”. Avremo quindi turisti che pagano e turisti che non pagano la tassa di soggiorno, con una inaccettabile penalizzazione delle imprese turistiche che dichiarano le presenze.

Confusione anche sulle esenzioni. C’è chi pensa a tassare solo i primi 15 giorni, chi i primi 30 e chi (come Campiglia nel Regolamento già approvato) per l’intera durata del soggiorno.

Per non parlare della destinazione della tassa. L’unica cosa di cui i Comuni si sono interessati sembra essere la stima degli introiti: 2 milioni di euro in Val di Cornia.

Ma dove finiranno queste somme? Per loro  ammissione, circa un milione di euro andranno a ripianare il buco di bilancio della Parchi dopo che i Comuni hanno deciso di sottrargli le entrate dei parcheggi del parco della Sterpaia e di Baratti. Per il resto nessun programma di sviluppo, ma solo decisioni che indeboliscono la nostra offerta turistica.  Buio anche sul fantomatico “marketing territoriale” da realizzare con le entrate della tassa di soggiorno. Conti alla mano, dovrebbe costare un milione di euro. Una cifra enorme per la quale, prima di chiedere soldi, sarebbe bene spiegare in cosa consiste. Cosa che nessuno ha ancora fatto. Vedremo nei bilanci cosa accadrà realmente.

Di questi argomenti discuteremo nell’Assemblea Pubblica promossa dal Comune dei Cittadini per GIOVEDI 1 MARZO, alle ore 21, presso la Saletta Comunale di Venturina.

Sono invitati ad intervenire cittadini, operatori turistici, amministratori, associazioni di categoria e  partiti».

Campiglia 27 febbraio 2012

CDC

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.2.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “SAN VINCENZO: «SINDACO BIAGI, E MO SO “PARCHI TUA”»”

  1. olimpiadi 2012

    non capisco perchè invece di coltivare il turismo facendo sentire i turisti benvenuti ed invitati a tornare, gli facciamo del brigantaggio cercando di spremerli il più possibile finché sono nel nostro paese…

  2. Gabriele

    Dopo 4 anni di fila, a malincuore non verrò più in vacanza a San Vincenzo. E’ uno scandalo che dal 1 giugno 2012 oltre all’introduzione della TASSA DI SOGGIORNO da pagare per ogni componente della famiglia, si aggiunge il PARCHEGGIO A PAGAMENTO lungo tutto il parco di Rimignano a prezzi a dir poco osceni, 1 EURO l’ora, una vera e propria “estorsione” legalizzata.

    Inoltre, sempre dal 1 giugno, il limite di velocità per l’intero tratto stradale sarà di 50 km/h, limite facilmente superabile per quel tratto. Quindi una famiglia di 4 persone che decide di trascorrere le vacanze a San Vincenzo, per 2 settimane dovrà pagare in più 418 Euro (56 € di tassa di soggiorno + 112 € di parcheggio solo per andare al mare + 250 € per almeno 1 contravvenzione per superamento del limite dei 50 km/h).

    Basta fare “due” semplici conti per scegliere un’altra meta e magari spendere i 418 € per farsi una settimana di vacanze in più, altrove.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 24 giorni, 8 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it