PIOMBINO: GRAVE SPACCATURA SULLA TASSA DI SOGGIORNO

Approvata l’imposta di soggiorno anche a Piombino. Sel assente dal consiglio comunale, astenuta Italia dei Valori. Nervosismo in consiglio al limite degli insulti. Una situazione indubbiamente di nervosismo che mostra chiaramente il dissenso per una tassa ritenuta dai più ingiusta.

Piombino, insieme ai Comuni di San Vincenzo, San Gimignano, Fiesole, Castagneto, Monteriggioni ed altri ancora, è stata inserita nell’elenco regionale delle località turistiche o città d’arte. Un requisito fondamentale per l’applicazione della tassa di soggiorno, discussa questa mattina nel consiglio comunale di Piombino.

Il regolamento di applicazione della tassa, che gli assessori Massimo Giuliani e Luca Pallini hanno discusso in diverse occasioni nelle settimane scorse con le associazioni di categoria e con i soggetti interessati, è stato sottoposto all’approvazione del consiglio comunale ed è stato approvato con i voti di PD e Gruppo Misto (Mambrini). Contrarie tutte le altre forze politiche di opposizione mentre dell’Italia dei Valori si è astenuta. Assente dal consiglio comunale Sinistra e Libertà.

La tassa, la cui entità è prevista tra 0,5 e 2,5 euro al giorno, che saranno applicati in modo differenziato secondo le caratteristiche delle strutture, sarà valida per tutte le strutture alberghiere ed extralberghiere, compresi campeggi, agriturismi ecc e per quest’anno sarà in vigore dal 1° aprile al 31 ottobre.

“Le tariffe che abbiamo previsto sono tra le più basse della Toscana e forse tra le più basse d’Italia – ha spiegato l’assessore Giuliani nella sua introduzione. Sono previste inoltre esenzioni per gite scolastiche, per minori di età inferiore a 12 anni, per familiari di persone ricoverate in ospedale”.

L’Italia dei Valori ha proposto quattro emendamenti al regolamento, tra i quali anche la possibilità di far decorrere l’applicazione dell’imposta dal 2013, e la possibilità dell’esenzione dal 16° pernottamento in poi.

Solo quest’ultimo è stato approvato, dopo una lunga discussione tra i gruppi consiliari.

Da parte del Popolo delle Libertà, di Futuro e Libertà, di Gelichi del Gruppo Misto, di Coppola dell’Udc e di Rifondazione Comunista, è stata espressa invece un’opposizione molto netta nei confronti di un’imposta che a loro parere rischierebbe di mettere in difficoltà il turismo nel territorio, in una fase di forte criticità.

“Il sistema pubblico ci pone di fronte a scelte di un certo tipo – ha spiegato il sindaco nelle sue conclusioni – inviterei anche i più forti oppositori a questo strumento, che esiste da anni in Europa nei paesi che consideriamo motori dello sviluppo turistico di qualità, a valutarlo in un’altra ottica. Come possibilità cioè di promuovere un progetto complessivo di promozione turistica del territorio.”

Con la soppressione delle Apt, infatti, si porrà il problema di elaborare nuove strategie di marketing territoriale e i proventi della tassa di soggiorno potrebbero essere utilizzati, dal 2013, anche per elaborare una progettualità in questo senso, che veda la Parchi come uno strumento strettamente collegato.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.2.2012. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “PIOMBINO: GRAVE SPACCATURA SULLA TASSA DI SOGGIORNO”

  1. ASTUTO CACCIATORE

    «La tassa di soggiorno – inizia Mosci – è chiaramente una tassa repressiva per i cittadini, potrà essere chiamata imposta o addizionale ma sempre di tassa si tratta.” e ancora
    “Ma la cosa che riteniamo fortemente sbagliata e da rivedere è il suo impatto iniquo nel mercato del lavoro. Come possiamo infatti accettare che operai che vengono nella nostra città per lavorare, e che spesso trovano accordi con gli hotel per cifre molto basse nella stagione invernale, possano e debbano pagare per pernottare a “scopo di lavoro” e non certo turistico?”
    Queste sono le recenti dichiarazioni di Mosci dell’IDV, che poi ha votato a favore, non riuscendo che a far passare un misero emendamento (quello dell’esenzione dai 16 giorni in poi.)
    Signori viene più voglia di piangere o di ridere ?

  2. Lorenzo Toncelli

    Dopo certe dichiarazioni del capo gruupo IDV in merito alla tassa di soggiorno è quantomeno incomprensibile la loro astensione, come incomprensibile l’ assenza in consiglio comunale del consigliere di SEL che tra l’altro mi risulta il parere contrario di SEL alla tassa di soggiorno e che avrebbe indicato di votare NO. Se questa è stata un’assenza strategica non fà altro che portare nuove contraddizioni da parte di questa forza politica che è in maggioranza ma non è mai quasi daccordo con le scelte della stessa. Legittimo chiedersi perchè continua a voler stare nei banchi della maggioranza.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 17 giorni, 14 ore, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it