AUTOSTRADA: «PER L’EUROPA LA VARIANTE AURELIA VA BENE COSI’»

Anche se, complice il cambio di governo e la crisi incombente sul territorio della provincia di Livorno, da un paio di mesi non abbiamo più affrontato il tema Autostrada Tirrenica, su questo “bizzarro” progetto di adeguamente stradale presentato da SAT continuano ad uscire novità. Questo è il turno dell’allegato I – VOLUME 19 delle linee guida della commissione europea sezione trasporti, dove si vede che il tratto di variante Aurelia tra Rosignano e Grosseto viene considerata completata per il corridoio tirrenico. Leggiamo insieme sull’argomento il commento di Giuliano Parodi Responsabile Enti Locali della Federazione PRC Elba- Val di Cornia.

«Nell’ agosto dello scorso anno – inizia Parodi –  all’interno della discussione sulla trasformazione della variante aurelia in autostrada, l’assessore Ceccobao ( a questo indirizzo il video integrale) ribadiva l’impegno a sostenere nel corso della trattativa che sarebbe durata tre mesi tra SAT e Regione Toscana: un pedaggio che prevedeva l’esenzione per i residenti, equilibrato e commisurato al territorio ed alla competitività dell’autostrada.

I tre mesi sono passati e i cittadini della Val di Cornia non sanno a che condizioni potranno percorrere il Lotto 1, ovvero i 4 chilometri di Variante trasformati in Autostrada Tirrenica A12 da Cecina a Rosignano che dal prossimo giugno, quando saranno finite anche le opere relative alla viabilità complementare, saranno a pagamento.

A detta degli ingegneri di SAT dalla prossima estate per percorrere questo pezzo di Variante si dovra’ pagare circa 0,60 centesimi (15 centesimi al chilometro), ma la cifra ancora non è ufficiale, al momento dell’apertura della Tirrenica, anche per effetto delle manovre del Governo Monti potrebbe scattare un arrotondamento a 0,70 o piu’.

Inoltre, quante volte ci siamo sentiti dire da tecnici ed Amministratori che la variante doveva essere trasformata in autostrada perche’ ce lo imponeva l’Europa per il completamento del corridoio Berlino-Palermo,che la variante era inadeguata, addirittura il Sindaco di Piombino la defini’  uno “stretto pertugio”.

Analizzando le carte della Commissione Europea (vedi la foto, ndr) che si occupa di Corridoi Europei, vediamo che: in linea continua (semplice o grassetto) sono riportate le strade giudicate completate, in tratteggiato quelle da fare o riqualificare, ed in effetti c’è la parte Groseto Sud- Civitavecchia, ma la tratta  Rosignano-Grosseto Sud –la Variante Aurelia– non ha bisogno, secondo la Commissione Europea, di alcunché, di nessuna trasformazione o adeguamento, è considerata sufficiente per le esigenze di traffico europeo così come è.

Questo fondamentale documento e il suo contenuto, mettono in discussione uno dei pilastri su cui da sempre SAT e gli Amministratori Locali hanno basato la necessita’ dell’ “appropriazione indebita” del bene comune “variante” al fine di trasformarla in una strada a pagamento.

Chiediamo urgenti risposte e chiarimenti  – conclude Parodi – su questo punto e sul pedaggio del Lotto1, ribadiamo la nostra contrarieta’ al progetto presentato, basato su presupposti falsati, vessatorio per i cittadini ed inutile per la mobilita’ e lo sviluppo, ribadiamo la necessita’ della messa in sicurezza dell’aurelia a sud di Grosseto».

Giuliano Parodi

Responsabile Enti Locali

Federazione PRC Elba- Val di Cornia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.2.2012. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 20 giorni, 10 ore, 49 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it