FULCHERIS: GIULIANO AMATO OGGI IN POMPA MAGNA, IERI “ODIATO” DAL PD

Il teatro Metropolitan

Riceviamo un commento di  Alessandro Fulcheris Consigliere Comunale PDL e Bruno Lambertini Segretario Provinciale NUOVO PSI sulla lezione magistrale sull’identità nazionale tenuta dall’onorevole Giuliano Amato che ha tenuto al Metropolitan venerdì 2 dicembre sul tema invitato dall’amministrazione comunale  in occasione della festa della Toscana 2011 dedicata in modo particolare al Risorgimento e al tema delle identità nel nostro Paese.

«Nell’attuale centro-sinistra italiano e locale – iunizia il comunicato – l’Onorevole Professor Giuliano Amato è da molti anni considerato un intellettuale stimato, al punto da invitarlo in pompa magna a Piombino, teatro Metropolitan, a tenere una “lectio magistralis”, di fronte ad un Consiglio Comunale aperto e con la partecipazione di Consiglieri vecchi e nuovi, omaggiati di premi e cotillons.

Ma non è stato sempre cosi’.

Fino almeno al 1992-93 il medesimo Professore era considerato una delle menti principali ispiratrici della politica e dei progetti dell’odiato Bettino Craxi.

In effetti il Professore tale fu, soprattutto negli anni’80, sia a Palazzo Chigi che nel PSI, condividendo e contribuendo a costruire il tentativo craxiano di cambiare ed ammodernare la sinistra e l’Italia..

Ne deduciamo che il Pd riconosce oggi ( ma guai a dirlo chiaramente!) tributando onore al Professore, che quelle idee e quei progetti non erano poi così sbagliati e “ anti-democratici” (usiamo dei termini gentili perché allora furono usati termini ben peggiori e definitivi)

Il Prof. dal canto suo, praticamente il numero 2 del PSI, appena il vento cambiò, marziano tra i tanti marziani di allora, abbandonò tra i primi la barca che affondava.

Come le famose tre scimmiette, non sentì, non vide, non parlò.

D’altronde era chiaro a tutti: solo Bettino Craxi “non poteva non sapere”, un ritornello che fu valido per alcuni e non per tanti altri, scivolati come anguille all’ultimo momento da quelle famose “Mani pulite” che colpirono da una sola parte.

Curiosa inversione dei ruoli dunque:

Il Pd, allora acerrimo suo nemico, oggi lo invita per la “lectio magistralis”. Il Professore a sua volta tiene “ la lezione” a chi a suo tempo lo osteggiò fino all’insulto.

Perdono cristiano? No. Ipocrisia della politica!

E così, nella Piombino degli “indignati” contro i rappresentanti della “casta”, degli stipendi dorati e dei profumatissimi vitalizi romani, uno dei maggiori rappresentanti di cotanta virtù viene ricevuto con tutti gli onori.

Noi – concludono –  non abbiamo partecipato perché sarebbe stato ben difficile trattenere l’impulso di portare un bel paniere di uova e una capiente cassetta di pomodori.

Alessandro Fulcheris Consigliere Comunale PDL

Bruno Lambertini Segretario Provinciale NUOVO PSI

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.12.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

10 Commenti per “FULCHERIS: GIULIANO AMATO OGGI IN POMPA MAGNA, IERI “ODIATO” DAL PD”

  1. Riccardo Gelichi

    Alessandro ti sei dimenticato di dire quanto è costata l’iniziativa, lo dirò io : 9.945 euro, visto il periodo….Un saluto, R.Gelichi.

  2. alessandro fulcheris

    Riccardo, mi sono dimenticato volutamente dei 32000 euro che prende al mese, perchè non ho potuto avere dati certi, sono solo voci…

  3. marco mosci

    è costata 9945 euro?? o dove lo hai trovato? mi mandi i documenti magari anche via mail

  4. zeno

    come diceva quel comico…”solo per la precisione”..negli anni 92 93 il PD non esisteva ancora e l’allora Psi era ben lontano dal pensare di confluire in partito di centro destra insieme ai vecchi missini.
    Non vorrei essere troppo impietoso ma l’eventuale lancio di pomodori e uova ad Amato non sortirebbero la stessa storia delle monetine lanciate a Craxi.

  5. Riccardo Gelichi

    Determina Dirigenziale n° 1504 del 25/11/2011

  6. rinaldo barsotti

    Scusa Alessandro ma quando dici: “noi non abbiamo partecipato …” a chi ti riferisci? il PDL c’era ed era rappresentato ai massimi livelli e se non erro grandissima parte dell’ex PSI è a tutti gli effetti PDL di cui anche tu fai parte.
    Sui costi di questa manifestazione non entro se non pre prenderne atto, non conosco le tariffe del nolo della sala, né quali siano effettivamente i costi da sostenere in questi casi tipo i soggiorni ed altro, ma ho fiducia che di certo non saranno “gonfiati”.
    Resta il commento sull’utilità dell’iniziativa e qui ciascuno esprime il suo legittimamente ma non si potrà prescindere dal fatto che un Consiglio Comunale aperto alla cittadinanza che ha riempito la sala è una bella occasione di incontro per celebrare il 150°.
    Su Amato personalmente aggiungo soltanto e a titolo del tutto personale che non mi piaceva prima e non mi piace oggi, pur riconoscendogli uno spessore intellettuale e culturale che nessuno dei presenti in questo dibattito sfiora lontanamente e sopratutto il sottoscritto.
    Pax et bonum, Rinaldo Barsotti

  7. alessandro fulcheris

    Per Zeno: Vuoi che ti conti e ti faccia i nomi di quanti, a quel tempo erano nel PCI e oggi nel PD che sono ancora rappresentati in Consiglio e nelle varie istituzioni e aziende partecipate?? Le sigle sono e rimangono sigle, ma le persone sono ancora tutte lì. 2) Non hai nemmeno letto bene, abbiamo scritto “portare” le uova e i pomodori, non “tirare”….
    Per Rinaldo:”noi non abbiamo partecipato” si riferisce soltanto agli estensori dell’articolo, quindi il sottoscritto (unico consigliere del NPSI eletto in comune in alleanza col PDL) e Bruno Lambertini, segretario provinciale del NPSI…semplice!!

  8. zeno

    gentilissimo signor fulcheris ogni tanto scurioso in questo sito e stavolta mi sono permesso di intervenire perchè al contrario di molti io purtroppo non ho un background che mi spinga verso qualche nostalgia politica.
    Mi creda sono stato , nella mia storia, derubato da giannizzeri del craxismo e troverei di buon gusto, da parte di chi fa politica, rinunciare a forzose e inutili nostalgie.
    Profondo rispetto per il suo impegno politico ma …mi permetto di suggerire…credo sarebbe opportuno stendere un velo pietoso relativamente a quel momento storico.
    molto cordialmente

  9. antonio gramsci

    Ma non vi vergognate tutti che piombino abbia organizzato un simile spettacolo?
    E non fate finta di non capire amato il psi il pd l’unità d’italia sono messaggi massonici del peggiore affarismo di cui piombino è il cancro peggiore.

  10. alessandro fulcheris

    Per Zeno: io penso che come tu dici, avere una nostalgia sia un errore. Bisogna sempre guardare al futuro. Avere invece una identità, un orgoglio, tenere ferma una linea e soprattutto mai tradire, in special modo l’elettorato che ti ha votato sia basilare, sia per chi fa politica che per la vita di tutti i giorni. Io, Zeno, ho questa e me la tengo….anzi ne vado fiero, poi ognuno può pensarla come vuole. Stenderò anche io un velo pietoso su quegli anni quando verrà a galla tutta la verità, a partire dal flusso ininterrotto dei rubli sovietici che arrivavano in Italia fino al fiume di miliardi di cui godeva qualche grande partito di allora, inspiegabilmente rimasto insabbiato sotto tutti i punti di vista.
    Per Antonio Gramsci: (ma non era morto? mah..bentornato!!) Ma che l’hai con me che sono l’unico consigliere che non ci è andato???????

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 16 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it