CAMPIGLIA: FIRMATO IL PROTOCOLLO PER LA GESTIONE UNITARIA DELLE ACQUE IRRIGUE

i firmatari dell'accordo

la firma del Protocollo

 

i firmatari dell'accordo

Un grande passo verso la riduzione degli sprechi e la razionalizzazione delle preziosissime risorse idriche del territorio”; così l’Amministrazione Comunale, Asa, la Provincia ed il Consorzio di Bonifica hanno accolto la firma del protocollo d’intesa che unifica la gestione delle acque irrigue del comune. Il servizio, in precedenza diviso fra Asa e Consorzio, verrà amministrato totalmente da quest’ultimo. Verrà inoltre salvaguardato il prelievo, da parte di Asa, dell’acqua dagli impianti irrigui per il rifornimento dell’acquedotto “Cornia Industriale”

Con questo protocollo saranno gestiti unitariamente gli impianti irrigui della Fossa Calda ubicati sul territorio comunale. Fino ad oggi, a partire dal 1985 la gestione delle strutture del primo e secondo distretto irriguo della Fossa Calda era affidata al Consorzio di Bonifica Alta Maremma da Provincia e Regione. Il terzo e quarto distretto erano di proprietà di Asa e gestiti dalla stessa Società.

Firmato l’accordo partiranno tutte le procedure tecniche ed amministrative per il passaggio di gestione, con la salvaguardia a favore di Asa del prelievo dagli impianti per il rifornimento dell’acquedotto industriale.

La gestione del Consorzio andrà a regime nel marzo 2012.

la firma del Protocollo

“Grazie all’esperienza maturata sul campo – proseguono i protagonisti dell’accordo – riusciremo a coprire, tramite l’uso delle acque di superficie della Fossa Calda, circa 500 ettari di coltivazioni con una grande razionalizzazione delle risorse e senza intaccare una falda acquifera messa a dura prova dalla carenza di precipitazioni”. “Inoltre – nelle parole del presidente del Consorzio di Bonifica – avere un gestore unico con grande conoscenza del territorio, porterà alla riduzione degli sprechi ed alla possibilità per gli utenti di identificare chiaramente i responsabili del servizio in tutte le situazioni”.

“Questo protocollo – afferma il sindaco Soffritti – è il risultato di un percorso sollecitato in primo luogo dagli utenti finali, gli agricoltori, che attraverso le loro organizzazioni di categoria, hanno richiesto al Comune di farsi parte attiva nella promozione e nella valorizzazione di un accordo che porterà grandi benefici allo sviluppo agricolo del territorio.”

Andrea Fabbri

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.10.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 12 ore, 6 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it