AMERINI: A PROPOSITO DI ZTL E ATTRAVERSAMENTI RIALZATI

Riceviamo e pubblichiamo da Giampiero Amerini un comunicato sulla nuova segnaletica in VIa Giordano Bruno e sui dossi mascherati da attraversamenti pedonali rialsati presenti in città.

«Per la Ztl – inizia Amerini – sono stati istallati ben tre nuovi cartelli, due sulla destra e uno sulla sinistra. A prescindere dal fatto che, con questa modifica, l’amministrazione comunale, di fatto, riconosce che c’era qualcosa di irregolare, il problema della segnaletica non si può dire completamente risolto. Intanto la visibilità dei nuovi cartelli, istallati sulla destra, rimane sempre soggetta alla presenza di camion nella zona di carico e scarico del mercato coperto.

Prima era sufficiente un camion per coprire i segnali, ora ne occorrono due, e questo avviene spesso, quindi il problema rimane.

Il cartello istallato sulla sinistra, che indica la direzione obbligatoria, escluso gli autorizzati, non può essere considerato come indicativo della presenza di una zona a traffico limitato. L’unica soluzione rimane, quindi, quella di arretrare l’inizio della ZTL; meglio sarebbe riportarla alle dimensioni precedenti all’inserimento della zona del Castello. Per quanto riguarda le multe, più di ottomila in sei mesi, credo che dovrebbero essere rimborsate, vista la poca chiarezza dei segnali. Poi, visto che i cittadini quando sbagliano devono pagare, a maggior ragione questo dovrebbe avvenire se a sbagliare è il comune.

Per gli attraversamenti pedonali rialzati, sono stati istallati, dopo la presentazione della mozione, segnali che limitano la velocità a trenta km. orari. Se un limite così basso, per esigenze particolari, può essere accettato in qualche zona del centro, applicarlo sull’unica strada di accesso alla città è, a dir poco, assurdo. Da rilevare che il codice della strada consente ai mezzi di soccorso e di pronto intervento di superare i limiti di velocità stabiliti: con la presenza di dossi o attraversamenti pedonali rialzati questo è di fatto impedito. E, a quanto mi risulta, sono previste sanzioni per chi ostacola il transito di questi mezzi. Anche in questo caso, come per la Ztl di piazza UmbertoI, sono state prese decisioni senza valutare le conseguenze, con leggerezza insomma. In questo caso, in particolare, non si è tenuto conto che tutte le ambulanze, che dai paesi della Val di Cornia si recano all’ospedale di Villamarina, sono costrette a superare quattro attraversamenti rialzati. La perdita di tempo, per un’ambulanza con ferito grave a bordo, costretta, per evitare pericolosi sobbalzi, a rallentare fino a dieci km. orari, è di oltre cinque minuti … che potrebbero essere fatali. Ma questo, a quanto pare, poco importa a chi avuto quella la brillante idea.

Un’idea che, tra l’altro, costa ai cittadini di Piombino circa 8.000 euro per ogni attraversamento pedonale istallato.

In ogni caso – conclude Amerini –  anche per gli attraversamenti pedonali rialzati c’era qualcosa di irregolare: lo dimostrano le modifiche che il comune si è apprestato ad apportate alla segnaletica. In ambedue i casi non si può dire che Piombino stia dando una bella immagine di se stesso, in particolare al comprensorio, anche in considerazione che ha l’aspirazione di divenire comune “guida” della Val di Cornia».

Futuro e Libertà per L’Italia

Amerini Giampiero

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.9.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

10 Commenti per “AMERINI: A PROPOSITO DI ZTL E ATTRAVERSAMENTI RIALZATI”

  1. Roberto Saliti

    Il Comune di Piombino ha almeno altri 3000 comuni in Italia che, nel merito dei dossi stradali, lo hanno preceduto da molti anni. Anche altri stati come Francia, Germania, Spagna, Svezia ecc.. hanno preceduto il Comune di Piombino da oltre una ventina di anni, e nessuno protesta.
    Quindi caro Amerini, tutto il mondo è paese, e senza andare molto lontano, e con la protesta pronta del solito piombinese che non li va mai bene niente, ti dico che; anche il Comune di San Vincenzo non sembra molto attento ai propri malati trasportati su ambulanze, visto che ha disseminato la strada della principessa di dossi, strettoie e quant’altro …. peraltro tutto mal segnalato. (i dossi la notte manco si vedono, e da quanto sono enormi, sull’asfalto ci sono tutti i segni delle coppe dell’olio delle macchine che ci hanno strusciato).
    Amerini, sei diventato proprio come Fini …. ambedue vivete su pianeti sconosciuti.

  2. Giampiero Amerini

    @ Roberto. Premesso che il commento su Fini sicuramente lo hai fatto mentre eri davanti allo specchio … mi permetto di farti osservare che nei paesi europei che hai citato, e che ti posso assicurare conosco abbastanza bene, non esistono dossi e attraversamenti pedonali rialzati sulle strade di accesso alle città. Su quel tipo di strade non esistone neppure limiti di velocita di trenta km. orari, come a Piombino; ti sfido a trovarli. In merito ad avermi “classificato” nella categoria del solito piombinese al quale non va mai bene niente, non voglio ripeterti che lo hai scritto mentre eri davanti allo specchio, ma che dal tuo scritto emerge una totale disinformazione lo posso dire!! Visto che hai citato alcuni paesi europei, forse senza conoscerli, mi permetto di farti osservare che tutti, compreso gli ultimi arrivati, sulle strade principali (tipo quella di accesso a Piombino), usano sistemi diversi per segnalare e limitare la velocità in prossimità degli attraversamenti pedonali. Usano sistemi acustici e visivi (bande acustiche istallate a intervalli prima degli attraversamenti e lampeggianti di vario tipo) che si sono dimostrati notevolmente più efficaci e meno costosi, senza danneggiore i veicoli e i cittadini. Per quanto riguarda gli altri comuni … sono consigliere comunale a Piombino e mi preoccupo della sicurezza dei cittadini di questa città. Non voglio apparire cattivo, ma forse hai perso una grande occasione …….
    Ti saluto cordiamente, Giampiero Amerini

  3. Roberto Saliti

    Le grandi occasioni le perdete sempre voi politici …. tutti nessuno escluso…… quando aprite la bocca. Daltronde non è una novità che la politica italiana ha distrutto e divorato il paese per interessi personali e per accontentare parenti, amici, conoscenti, e andando su le banche, i palazzinari, gli speculatori edilizi, l’alta finanza e tutto il malaffare che ne scaturisce.
    E voi politici locali non vi dovete nascondere sempre con il solito “è colpa del governo centrale e basta” quelli sono ladri di 1° categoria perchè possono attingere alla pentola più grossa, ma anche la politica locale ci mette del suo, con il suo controllo affaristico del territorio, le sue invidie di colore, e la piccola torta che viene sempre spartita tra i soliti.
    Ovviamente caro Amerini non credo che tu faccia parte di questo genere di maneggioni, anche perchè hai sempre fatto l’oppositore …. e agli oppositori è noto che non gli tocca mai niente, poi oppositore di destra in un paese di comunisti (o fore credono loro di esserlo) sfegatati (fino al 1944 però erano tutti fascisti, un mese dopo sono diventati tutti partigiani e perseguitati politici). L’unica cosa che mi fa vomitare è vedere la tua forza politica schierarsi con questa sinistra arraffona di oggi che di sociale no ha più nemmeno il profumo….. mai avrei pensato che il delfino di Giorgio Almirante potesse arrivare a tanto,un comportamento da vero democristiano voltagabbana che ha pisciato sopra i veri valori della destra (valori molto più sociali di quelli espressi dalla sinistra affaristica di oggi).
    Comunque ritornando ai dossi, a mio avviso sono l’unico sistema valido per fare rallentare seriamente le auto.
    E non è vero come dici tu che nei paesi europei non esistono, ci sono eccome, solo due mesi fa ho fatto un viaggio in auto in Francia e Germania e ti posso garantire che all’inizio di ogni paese o frazione ci sono prima i dossi, poi una rotatoria sia in entrata che in uscita , e poi ancora dossi e restringimenti di carreggiata. Ne ho contati a centinaia. Poi se mi dici che in Francia, Germania, Svezia ecc.. i dossi non servono perchè gli automobilisti sono educati ti do ragione …. Ma in Italia visto che la maleucazione e l’inciviltà sono elementi sovrani e comuni quasi a tutti, e vengono amplificati in modo esponenziale quando uno si trova al volante e si sente pilota di formula 1…… allora non bastano nemmeno i dossi …. ci vorrebbero le voragini.!
    Cari saluti

  4. Giampiero Amerini

    La mia risposta arriva tardiva solo perchè ero in giro per l’Europa con l’auto (Slovenia, Croazia, Ungheria, Romania e Austria) alla ricerca di dossi e attraversamenti pedonali rialzati … senza trovarli. Ho trovato moltissime bande rumorose prima delle striscie pedonali e molti segnali luminosi di vario genere, oltre ai semafori. Ho trovato anche telecamere, laser e autovelox piazzati in prossimità delle striscie pedonali (Non nei rettilinei e dove non c’è pericolo come in Italia, per fare cassa). Posso assicurarti che funzionano e che con questi sistemi (dati forniti dai funzionari locali) gli incidenti sono diminuti di oltre il 90%. Questi stessi sistemi li ho notati, l’anno scorso, in Portogallo, in Spagna e nella parte della Francia che ho attraversato.Per quanto riguarda le tue opinioni sulla politica, anche se esistono realtà da te descritte (ma non accetto di fare di tutta l’erba un fascio) e su Fini … non meritano risposta, sono solo farmeticazioni di chi non sa cosa dire … e con questo chiudo definitivamente il nostro dialogo.
    Ricambio i saluti

  5. Giampiero Amerini

    @ Roberto Saliti -Per Chiarezza-
    Per chiusura definitiva del dialogo intendo quello relativo alla parte politica, per il resto pronto a dialogare ancora.

  6. Roberto Saliti

    Queste domande non meritano risposta perchè le risposte non le sapete dare ….. e quando le risposte non le sapete dare vi eclissate con le solite frasi di convenienza …” la tua domanda non merita nemmeno risposta”.
    Ti saluto anche io caro Amerini. Però ricordatevi cari politici,tutti nessuno escluso, che se siete li è perchè qualquno vi ha votato, perciò cercate di essere meno presuntuosi e di rispondere alla gente che vi fa le domande e si è rotta di essere presa per i fondelli da questa classe politica composta per la grande maggioranza (non ho fatto di tutta l’erba un fascio) di gente satolla, arrogante, maneggiona e inconcludente.
    Perchè oggi sono solo domande ed espressioni alle volte un pò colorite, ma se andate avanti così fate attenzione, perchè la gente potrebbe passare dalle parole ai forconi. E la storia del mondo e dell’Italiaè piena di riferimenti in tal senso.
    Saluti cari

  7. Perdonatemi, ma non riesco a comprendere questa discussione.

    Roberto lo sai che Giampiero Amerini è un consigliere di opposizione (FLI)? Suppongo di sì, quindi perché devi scrivere quelle cose?

    Da anni GIampiero opera dignitosamente in consiglio comunale a Piombino, e la sua storia sicuramente ha mostrato una coerenza che non può essere sicuramente catalogata tra i “maneggioni”.
    Lui ad esempio non è mai entrato nel PDL, quindi neanche a livello nazionale è mai stato forza di governo, figuriamoci a livello locale dove straborda “democraticamente” il PD.
    Le accuse che fai magari, al limite, possono essere rivolte a chi governa i vari enti ininterrotamente da decine di anni, ma certamente non a Giampiero.

    Per quanto riguarda i dossi secondo me ha ragione da vendere, ed a breve ve lo dimostrerò. Gli automobilisti si educano, non si vessano.
    Un dosso alto 12 centrimenti, quando la legge dice al max 7 cm,spacciato per un attraversamento pedonale, ai miei occhi vale come un autovelox nascosto dietro una curva. Non educa l’automobilista e crea danni ai mezzi di soccorso.

    Ricordarvi poi che i toni su questo giornale devono essere più pacati è superfluo, ma se non tornano tali, sarò costretto a “renderli tali” d’ufficio, modificando le frasi.

    Saluti,
    GIuseppe

  8. Roberto Saliti

    Se leggi bene io non ho niente contro Giampiero Amerini, anzi lo stimo e lo ringrazio per quello che fa e per la passione che ci mette. Ovviamente essendo lui un politico credo sia giusto confrontarsi.ed esprimergli il disagio di noi cittadini verso tutto il mondo della politica.
    In quello che ho scritto non c’è nessun elemento che posssa far pensare che io abbia acredine personale nei confronti di Amerini, non condivido le ultime idee di Fini e ovviamente nemmeno coloro che lo hanno seguito e questo se permettete, lo posso tranquillamente esporre senza che nessuno si senta offeso.
    Il resto è interpretazione …… se poi volete foderarvi gli occhi di prosciutto e dire che va tutto bene fate pure. Ma non vi dovete arrabbiare con me se dico che non va bene una mazza, e lo dico sia a chi governa e sia a chi sta all’opposizione.
    Altimenti faccio come quelli su FB che al Sindaco dicono sempre : -Bravo Gianni, avanti così- Sei l’unico vero Sindaco- Sei il meglio- Sei un grande_ continua così-bravo, Gianni per sempre ecc…… Se vi piace così lo posso anche fare, non ci vuole molto:
    Grande Trinchini, vai avanti sempre così, solo tu sei un grande, il tuo giornale è il meglio del mondo,hai sempre ragione tu, sei l’unico e inimitabile……
    A me sembra una boiata.
    Cari saluti ad Amerini che spero non si sia offeso e a Trinchini (in effetti il tuo giornale è abbastanza ben fatto)
    Baci

  9. Graziella Guglielmi

    Sig. Saliti mi dispiace intromettermi ma di fronte a certe affermazioni non si può stare zitti. Dice di non “fare di tutta l’erba un fascio” ma si rivolge a “voi politici” e allora vorrei sapere chi tiene fuori da quel fascio? Chi ha preso voti solo perchè rappresentante di un partito a livello nazionale?, Chi si è presentato come guaritore di tutti i mali? Chi è disposto a salirci in capo per arrivare a qualche gradino che gli sarebbe negato per meriti propri? O forse chi da anni sta dicendo cose vere su come strane cose vengono “vendute” come bene sociale, di come tante promesse scopiano come bolle di sapone? Ma lei è mai andato in Consiglio Comunale, lo ha mai seguito on-line? Ma dove era lei quando cercavamopersone disposte a mettercila faccia e rappresentare un partito di opposizione? Questa non è una difesa di Amerini (che sa benissimo difendersi da solo) è solo, e la perdoni, la reazione di un “politichino” che in quel Consiglio ha lavorato per cercare di far capire come le cose stiano veramente, e che ci poteva ancora essere se… Mi piacerebbe comunque sapere per chi vota! Saluti. Graziella Guglielmi.

  10. Giampiero Amerini

    Avevo deciso di non intervenire più sul problema politico, che è “scivolato” fuori dalla normale dialettica civile: sì, dialettica civile perchè non è troppo “simpatico” sentirsi dire che la forza politica a cui apparteni fa vomitare e non lo è neppure la frase “se andate avanti così fate attenzione, perchè la gente potrebbe passare dalle parole ai forconi”. IO ho sempre cercato di svolgere il ruolo che gli elettori mi hanno affidato nel migliore dei modi, con passione, senza nessun secondo fine e rimettendoci soldi di tasca. Per chi non lo sapesse un consigliere comunale percepisce un gettone di circa 27 euro netti per ogni riunione (le riunioni del consiglio comunale, che tutti possono vedere in diretta da casa tramite internet, iniziano alle 8.30 e di solito terminano alle 19-20 del pomeriggio). Perchè lo faccio? Perchè esiste il volontariato? Perchè esistono gli Hobby? Forse è per lo stesso motivo. Sentirsi paragonare, e con quegli aggettivi, ai politici, che lo fanno per mestiere e che sono pagati più o meno profumatamente, non può fare piacere. Allo stesso tempo capisco che i cittadini sono nauseati dalla politica, a livello nazionale in particolare, (ma anche a livelli più bassi molti non si salvano), e reagiscono … non sempre in modo pacato.
    Per questo non me la prendo, anche perchè ho la presunzione di avere la coscenza a posto. Trinchini e la Guglielmi, che ringrazio, mi conoscono molto bene e … le loro parole lo dimostrano. Non sono offeso, almeno in questo momento, caro Roberto, e ti saluto cordialmente. Il Corriere Etrusco non è una boiata, anzi lo ritengo ben fatto e soprattutto imparziale … e questo credimi non è poco!!!. Un abbraccio a tutti,
    Giampiero

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 26 giorni, 4 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it