AMERINI: IL COMUNE RIMBORSI LE MULTE DELLA ZTL

Piombino (LI) – Dopo i dossi ed il fantomatico cartello “Benvenuti a Piombino” posizionato in Piazza Verdi a chiusura della stessa, tornano alla ribalta le polemiche sulla ZTL e le migliaia di multe in Piazza Umberto I°. Sull’argomento fa un importante denuncia il consigliere di Futuro e Libertà Giampiero Amerini. LEggiamo l’intervento integralmente.

«Non accennano a placarsi – inizia Amerini – le proteste dei cittadini per le multe al varco Ztl in Piazza Umberto I. Al bar, sulla spiaggia e dovunque c’è un gruppetto di persone, il discorso scivola sempre su questo argomento. Su Facebook è nata una pagina per “I tartassati dalle multe della nuova Ztl di piazza Umberto I a Piombino”, dove sono raccolte le numerose lamentele dei cittadini, e non solo di Piombino. Si tratta di alcune migliaia di multe dall’inizio dell’anno, da quando cioè è stata modificata la Ztl. Un così elevato numero di multe induce a riflettere sulla bontà della segnaletica, e su quella verticale, in particolare, qualcosa di non proprio regolare è stato individuato.

Il Codice della Strada (art. 38 comma 2) precisa che “Le prescrizioni dei segnali verticali prevalgono sui quelle dei segnali orrizzontali”. Evidente che questo sposta l’attenzione di tutti coloro che guidano un mezzo verso i segnali verticali, tra l’altro obbligatori per i pericoli e i divieti. Inoltre, l’art. 79 stabilisce: “Per ciascun segnale deve essere garantito uno spazio di avvistamento tra il conducente e il segnale stesso libero da ostacoli per una corretta visibilità”. Lo stesso articolo, comma 3, stabilisce per le strade urbane lo spazio di avvistamento in metri 50-80. Nel caso del varco Ztl di piazza Umberto I, queste regole non sono rispettate. I cartelli della segnaletica verticale non sono visibili per alcune ore del giorno, ossia quando nel tratto di strada adiacente al mercato coperto sono fermi i camion per le normali operazioni di carico e scarico delle merci (vedi foto).

-Preso atto, quindi, che la segnaletica verticale, istallata per indicare il divieto di accesso alla zona a traffico limitato, non essendo “libera da ostacoli” non permette “una corretta visibilità”;

-Considerato che la segnaletica orrizzontale indica solo che a destra c’è una zona Ztl, mentre la linea bianca continua, che delimita la zona invalicabile, è impossibile da rispettare per gli utenti che, dopo avere segnalato il cambio di direzione, iniziano la manovra per immettersi nella piazza;

Visto che il Regolamento stabilisce che, per la segnaletica, la responsabilità è dell’Ente Proprietario della strada e dice: “Siffatta responsabilità è comunque riconducibile al predetto Ente se la insufficiente segnaletica induce l’utente a comportamenti scorretti che non avrebbe tenuto in presenza di segnaletica idonea”.

Al fine di evitare – conclude Amerini –  che qualcuno sia indotto a pensare che quella segnaletica sia stata messa per “fare cassa” (ipotesi questa avvallata dal numero elevato di multe, mai registrato in altre zone), che potrebbe dare un’immagine “non troppo simpatica” della nostra amministrazione».

Il Consigliere comunale chiede quindi al sindaco e alla giunta di spostare l’attuale limite in modo da rendere libera la circolazione in piazza Umberto I; di disporre l’annullamento di tutte le multe effettuate nell’orario di carico e scarico delle merci davanti al mercato coperto prima dell’istallazione del segnale di preavviso (fine luglio 2011) e di disporre il rimborso delle multe effettuate in quel periodo e già pagate.

Giampiero Amerini.

Futuro e Libertà per l’Italia

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.8.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “AMERINI: IL COMUNE RIMBORSI LE MULTE DELLA ZTL”

  1. In riguardo alla vostra attenzione sulla ztl v. Umberto 1 vi metto al corrente della mia assurda situazione.Verso Giugno 2011 mi arrivano 2 multe di 90 euro l’una per passaggio davanti la videocamera di v. Umberto con data una 14/2/2011 e l,altra poco prima.Vado in Comune a Piombino e gli spiego al comandante che non ho soldi perche disoccupato con una figlia e un mutuo.mi acconsente di pagarne uno al mese.Ne pago uno ma non ce la faccio col secondo,tuttora dopo 2 anni sono sempre disoccupato.Due giorni fa mi è aarivata per posta la seconda lettera di Piombino Patrimoniale la multa da 90 è andata a 233 E in 1 anno.Meglio Equitalia allora

  2. Sempre riguardo a Piombino Patrimoniale vorrei mettervi al corrente che 2 mesi fa mi è arrivata una ingiunzione di pagamento per una ici che non avrei pagato 3 anni fa .Fotunatamente ho ritrovato il bollettino pagato. Credo che questa patrimoniale alla piombinese sia un modo solo per far cassa a tutti i costi.Alla cosca dei poteri forti di Piombino non frega nulla se alla fine rimarranno solo loro padroni di una Piombino che ha ormai quasi perso la fiducia e la speranza di cambiare nei loro cittadini

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 19 giorni, 19 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it