NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 30 LUGLIO 2011

PIOMBINO: VOUCHER PER CAMPI SOLARI E ATTIVITÀ EDUCATIVE ESTIVE

Contributi per le attività educative estive per campi solari, campi estivi residenziali, centri di aggregazione anche con finalità sportiva, culturale, sociale, centri gioco educativo e asili nido.

I Comuni della Val di Cornia, Comune di Piombino capofila, pubblicano un bando che prevede la concessione di contributi alle donne lavoratrici che hanno problemi di conciliazione dei tempi tra vita familiare e vita professionale, con figli al di sotto dei 13 anni che frequentino durante l’estate questo tipo di attività.

“E’ la prima volta che avviamo questo tipo di iniziativa – spiega l’assessore Anna Tempestini –  che consideriamo molto importante  in relazione ai cambiamenti degli stili di vita, per garantire  la conciliazione dei tempi lavorativi e familiari per le donne anche nel periodo estivo. In  questi anni si è formata sul territorio una rete di servizi educativi per bambini e ragazzi, sia di tipo individuale che collettivo,  molto importante anche per la crescita progettattuale e di servizio delle organizzazioni della comunità”.

L’iniziativa è nata nell’ambito del progetto “Comunità educante”, un intervento sociale di zona approvato dalla giunta provinciale e regionale con le risorse per i piani provinciali per la cittadinanza di genere.

Possono beneficiare dei voucher le donne residenti nei Comuni della Val di Cornia che abbiano responsabilità di cura nei confronti di figli minori di 13 anni, siano occupate con regolare contratto di lavoro di qualsiasi tipologia o siano lavoratrici autonome che dimostrino di lavorare nel periodo estivo 2011 (30 maggio-30 settembre), che presentino una certificazione ISE/ISEE con il valore ISEE non superiore a 20.000 euro.

L’assegnazione dei voucher verrà effettuata per importi uguali, determinati in funzione del fabbisogno rilevato, per periodi di servizio, fino a esaurimento delle risorse disponibili, fino al rimborso massimo ammissibile del 100% della spesa sostenuta.

Le donne in possesso dei requisiti possono presentare domanda al proprio Comune di residenza entro le ore 13 del 19 agosto 2011. I Comuni della Val di Cornia che riceveranno le domande provvederanno ad istruirle trasferendole poi al Comune di Piombino, capofila del progetto, per la formazione della graduatoria.

Info: www.comune.piombino.li.it; tel. 0565 63388 servizio politiche sociali Comune di Piombino, Urp Comune di Piombino tel. 0565 63274.

__________________________

COLDIRETTI: A PICCO PREZZI FRUTTA

In calo vertiginoso i prezzi di cocomeri (-47%) e pesche (-22%). Anche fino al 500% in più tra produzione e consumo. Il duro attacco di Coldiretti: filiera distorta e speculazione nel mirino. Simone Ferri Graziani, Presidente Provinciale Coldiretti: “Prezzi aumentanti anche del 500%. Danneggiati produttori e consumatori”.

A picco i prezzi della frutta di stagione. Si va dal meno 47% dei cocomeri al 22% delle pesche. Il rapporto, elaborato dalla Coldiretti Provinciale (info su www.livorno.coldiretti.it) in occasione della diffusione dei dati Istat sull’inflazione, si riferisce allo stesso periodo dello scorso anno. “Mentre i prezzi della frutta riconosciuti al produttore in campagna crollano – denuncia Simone Ferri Graziani, Presidente Provinciale Coldiretti – per i consumatori sugli scaffali della distribuzione aumentano. Si tratta del risultato delle distorsioni e delle speculazioni che si verificano nel passaggio della frutta dal campo alla tavola. A causa delle inefficienze e delle eccessive intermediazioni nel passaggio della frutta dall’azienda agricola al carrello della spesa – sottolinea Ferri Graziani – i prezzi almeno triplicano, ma possono aumentare anche di 5 o 6 volte. Quest’estate si è allargata senza giustificazioni la forbice dei prezzi della frutta fresca tra produzione e consumo. Una situazione che danneggia gli agricoltori costretti a lavorare in perdita ma anche i consumatori che potrebbero acquistare maggiori quantità e a condizioni più vantaggiose”.

Gli esempi non mancano secondo le elaborazioni Coldiretti su dati del servizio Sms consumatori del Ministero delle Politiche Agricole. Le pesche gialle vengono pagate agli agricoltori 35 centesimi al chilo, ma ai consumatori costano in media 1,9 euro al chilo con un ricarico del 413% (più di cinque volte), i cocomeri passano da 0,12 euro al chilo in campo a 0,60 euro al chilo sulla tavola con un aumento del 400% (cinque volte) e i meloni da 0,39 euro al chilo a 1,3 euro con un ricarico del 233% (triplicano).

Per Coldiretti è “una situazione insostenibile – come ribadisce Aniello Ascolese, Direttore Provinciale dell’organizzazione – A determinare la crisi hanno concorso numerosi fattori di carattere congiunturale, ma soprattutto strutturale; sotto accusa ci sono soprattutto l’inadeguatezza delle normative comunitarie per la prevenzione e la gestione delle crisi di mercato e la distribuzione commerciale. Al di la dei fattori congiunturali – conclude Ascolese – occorre intervenire sulle strozzature e distorsioni che si verificano nel passaggio dell’ortofrutta dal campo alla tavola che sottopagano il nostro prodotto su valori insostenibili al di sotto dei costi di produzione e rendono troppo onerosi gli acquisti per i consumatori”.

Ora il prossimo step si sposta sul livello sindacale portando a conoscenza degli organi direttivi la situazione reale così da valutare le azioni più opportune da intraprendere sul piano sindacale.

_______________________________

RIUNIONE PER MIGLIORARE LE EMERGENZE SANITARIE SULLE ISOLE

FIRENZE – Un accordo per migliorare i trasporti sanitari e l’assistenza in caso di emergenza sulle isole dell’Arcipelago toscano. Lo sottoscrivono lunedì 1 agosto l’assessore regionale al diritto alla salute Daniela Scaramuccia e  C.A Ilarione Dell’Anna del Corpo delle Capitanerie di Porto- Guardia Costiera.  L’intesa sarà illustrata subito dopo la firma nel corso di una conferenza stampa alle ore 13.00 presso la sala stampa Cutuli di Palazzo Strozzi Sacrati, piazza Duomo 10.

 

__________________________

 

NUOVO LIBRO SULLA STORIA DI SAN VINCENZO

Presentazione il 2 agosto alla Torre di San Vincenzo del nuovo libro di Rossano Pazzagli, pubblicato da Nexmedia edizioni.

I primi alberghi, la comparsa degli stabilimenti balneari, i villini sul mare, il moltiplicarsi delle attività commerciali tra l’800 e il 1940. Descrivendo questi aspetti il libro di Rossano Pazzagli, appena pubblicato da Nexmedia Edizioni, getta luce sulle origini del turismo balneare a San Vincenzo, offrendo interessanti spunti per interpretare l’identità del luogo attraverso la storia.

Il volume è il frutto di in un progetto di ricerca sostenuto dal Comune di San Vincenzo, intitolato “Terra di mare” e portato avanti dall’Istituto di ricerca sul territorio e l’ambiente “Leonardo” di Pisa diretto da Pazzagli e a cui hanno collaborato i giovani ricercatori Guido Cionini e Francesco Camerini. Ricerche originali, condotte negli archivi storici e sul materiale della Camera di Commercio di Livorno e del Touring Club Italiano, hanno permesso di ricostruire la situazione alberghiera e le prime attività balneari, tra i quali spiccano gli alberghi Moderno e Centrale dei fratelli Melai e i bagni di Vittore Frati e Alessandro Federici aperti negli anni ’20, fino all’intervento della Solvay per la realizzazione del Paradisino a partire dal 1936.

“L’itinerario seguito da San Vincenzo per diventare una località turistica – afferma l’autore Rossano Pazzagli – riflette lo sviluppo del turismo balneare in Italia, che ha segnato il destino di molte zone costiere. Grazie alla nascita del turismo, un piccolo borgo legato essenzialmente alla terra, cominciò a guardare sempre di più verso la spiaggia e il mare, avviando un processo che come sappiamo trasformerà profondamente l’economia, la società e il paesaggio del luogo”.

Il libro, già in libreria, sarà presentato al pubblico durante un incontro che si svolgerà nel giardino della Torre di San Vincenzo il 2 agosto alle ore 21,30. La serata sarà coordinata da Maria Antonietta Schiavina e interverranno il sindaco Michele Biagi, l’Assessore alla cultura Fabio Camerini, l’assessore provinciale Fausto Bonsignori, l’editore Guido Cionini e il prof. Rossano Pazzagli, docente di storia moderna e di storia del turismo presso la Facoltà di Economia dell’Università del Molise.

______________________________

A  CAMPIGLIA “LE AVVENTURE DI CRISELLA”

Una favola ricca di personaggi magici e di creature mostruose, ambientata nei luoghi simbolo della Val di Cornia: il castello di Populonia, la miniera del Temperino, passando per il bosco incantato di Rimigliano. Mercoledì 3 agosto, alle 21.30, nella Piazza del Mercato di Campiglia Marittima, va in scena “Le avventure di Crisella”, divertente spettacolo per bambini prodotto dal Teatro dell’Aglio in collaborazione con la FIDAPA di San Vincenzo (Federazione Italiana Donne Arte Professioni e Affari), il Centro Commerciale Naturale La Rocca e il Comune di Campiglia Marittima.

La trama nasce da un intreccio di fiabe scritte dagli alunni delle scuole elementari di Piombino, Campiglia, Suvereto e San Vincenzo nell’ambito del progetto “Il racconto delle Carte”, promosso dalla FIDAPA di San Vincenzo per trasmettere ai bambini l’amore per il proprio territorio. Scritto e diretto da Delia Demma e interpretato da Fernando Giobbi, Chiara Migliorini, Fiorenza Rafanelli e Claudia Ridella, lo spettacolo vedrà inoltre la partecipazione dei bambini del laboratorio estivo organizzato dal Teatro dell’Aglio. INGRESSO LIBERO

 

______________________________

 

UDC: COMPLANARI, NO PEDAGGIO E SS398 RICHIESTE INDEROGABILI

Riceviamo e pubblichiamo.

«Premesso  – inizia il comunicato UDC – che non vogliamo intrometterci nelle polemiche interne alla maggioranza, osserviamo solamente che si può anche uscire dai governi, quando non se ne condivide più l’azione politica o si ritiene che non ci siano più le condizioni per mantenere stabili le alleanze.

Certamente questa situazione è sintomo di un malessere che più volte si è manifestato nell’ambito consiliare, nonostante i continui tentativi di ricucitura e gli sforzi delle colombe dei diversi schieramenti.

Le continue forzature da parte del PD e del Sindaco da un lato e la vocazione da lotta di piazza da parte di Sel ed IDV hanno portato a questa lacerazione, che tuttavia per volontà supreme, dovrà comunque essere sanata.

Noi siamo saldamente all’opposizione, ma con la convinzione che si debba seguire un percorso amministrativo costruttivo senza pregiudizi e senza preconcetti, soprattutto quando si parla di infrastrutture.

Per noi la priorità per il rilancio del nostro territorio è il prolungamento della 398 fino al porto; sosterremo tutte le iniziative che possono permettere di raggiungere questo obbiettivo.

Il Consiglio comunale ha votato quasi all’unanimità un Ordine del Giorno che impegna il Sindaco in modo preciso in merito all’Autostrada Tirrenica, pertanto non devono esserci alibi per nessuno, quel documento è il punto di partenza per qualsiasi trattativa con tutti i soggetti preposti.

Complanari, esenzione pedaggio e 398 sono richieste inderogabili, chiaramente capiremo strada facendo quali saranno gli spazi di manovra per ottenere quello che vogliamo, anche se siamo scettici che possano essere accolte tutte le istanze avanzate.

Il Sindaco dovrà fare la sua parte nelle sedi preposte; auspichiamo che lo faccia secondo il mandato conferitogli dal Consiglio Comunale.

Per tranquillizzare coloro che sono preoccupati e che credono che tutto sia già deciso, facciamo rilevare che la vicenda dell’autostrada Tirrenica è iniziata 43 anni fa, non credano che la conferenza dei servizi del 3 agosto possa essere l’atto conclusivo, sarà solo un beve passaggio di un percorso ancora molto lungo.

Luigi Coppola (Coordinatore Provinciale UDC Livorno)

Simone Verucci (Presidente UDC Piombino)

Massimo De Stefano (Coordinatore UDC Piombino)

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 30.7.2011. Registrato sotto cronaca, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 0 ore, 37 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it