TIRRENICA: I «NO PEDAGGIO» SODDISFATTI PER INTERESSE POLITICA

Il gruppo Facebook “No pedaggio sull’Autostrada Aurelia” che da mesi insiste sulle problematiche interconnesse alla trasformazione della variante Aurelia in autostrada e soddisfatto del fatto che, dopo le liste civiche, anche il PD abbia preso coscienza dei rischi per il nostro territorio legati a questa operazione. Riportiamo integralmente l’intervento. Chi fosse interessato ad iscriversi al gruppo può premere su questo link: http://www.facebook.com/#!/group.php?gid=152358878122230

« Siamo molto soddisfatti – inizia il comunicato –  che dopo più di due mesi di impegno per sensibilizzare cittadini, liste civiche e partiti politici, anche il Partito Democratico abbia compreso il rischio che stanno correndo le popolazioni della Val di Cornia se l’autostrada sarà realizzata come presentato da SAT.

Ancora troppi pochi cittadini sanno che tutto il percorso dell’autostrada sarà realizzato sull’attuale variante Aurelia, e che se sarà realizzato il progetto di SAT,  i caselli saranno posti a San Vincenzo nord e dopo Riotorto a sud, rendendo di fatto tutto a pedaggio anche per i residenti, e la ss398 a pedaggio per i non residenti.

Ricordiamo anche, per quei pochi che considerano la vecchia Aurelia una possibile complanare all’autostrada, che tra La California e San Vincenzo nord negli ultimi 10 anni (e quindi con la variante aperta) sono morte in quei 19 km ventiquattro persone. Senza considerare che la strada è stata pedonalizzata o resa difficilmente percorribile nei comuni di Venturina, San Vincenzo, Cecina e Rosignano.

Inoltre, come ricordava il consigliere di Suvereto Giuliano Parodi, Riguardo alla Tirrenica ci sono tutta una serie di conflitti d’interessi in atto sull’amministratore delegato della Sat (concessionaria per la costruzione della Tirrenica) Antonio Bargone, uno e trino (contemporaneamente Presidente di SAT, collaboratore dell’ex Assessore regionale Conti e Commissario straordinario del governo per l’autostrada Tirrenica). Conflitto che già di per sé dovrebbe essere oggetto di discussione su un’opera di questa importanza per l’Italia.

Lo stesso dicasi per la procedura d’infrazione per la mancata gara europea che garantisce la trasparenza negli appalti pubblici e la regolarità delle gare in sede comunitaria che il commissario per il mercato interno ha aperto nei confronti dell’Italia. Il ministro Altero Matteoli doveva spiegare la natura della concessione data alla SAT senza alcuna gara, ma anche di questo a noi cittadini non è stata più data notizia.

Quindi  – concludono i No Pedaggio sull’Autostrada Aurelia – oggi viaggiamo da Piombino a Livorno gratis, fra qualche anno ci vorranno 10 euro all’andata e 10 euro al ritorno, e tanti saluti ai soldi pubblici usati per realizzare la variante Aurelia che sarà acquisita a costo zero dalla “Autostrade per l’Italia” controllata dal gruppo Benetton (quello del franchising d’abbigliamento).

GRUPPO NO PEDAGGIO

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.3.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 20 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it