REGIONE: TRASPORTO LOCALE, RAGGIUNTO L’ACCORDO

FIRENZE – Nuove risorse per il trasporto pubblico locale per il 2011, congelamento delle azioni unilaterali sul personale da parte delle aziende, sospensione delle mobilitazioni sindacali, condivisione del percorso per la riforma del sett ore nel 2012. Sono questi i punti principali dell’accordo siglato al tavolo regionale sul trasporto pubblico toscano. Regione, enti locali (Anci e Upi), aziende di trasporto e sindacati (Cgil, Cisl, Uil, Asstra e Anav) hanno firmato un accordo sul futuro del trasporto pubblico locale che affronta in modo congiunto e con soluzioni condivise la fase transitoria del 2011 e getta le basi per la riforma del trasporto pubblico locale nel 2012.

“La cabina di regia coordinata dalla Regione ha dato i primi risultati sperati – ha spiegato l’assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao – Alla fine  ha prevalso la volontà di lavorare tutti assieme per superare un momento critico nato dai drastici tagli del Governo al trasporto pubblico locale. La Regione mette nuove risorse, 4 milioni, così come dagli altri soggetti arrivano impegni concreti per salvaguardare e rilanciare il settore”.

Per il 2011, anno di transizione verso la riforma globale del servizio, la Regione si è impegnata a destinare al trasporto pubblico locale ulteriori quattro milioni di euro, ed a procedere quanto prima alla ripartizione dei circa cinque milioni di euro già a bilancio per la premialità del 2,5%. Interventi che vanno ad aggiungersi ai 188 milioni trasferiti agli enti locali per i servizi minimi e già stanziati dal bilancio regionale a fine 2010, per fronteggiare il taglio dei finanziamenti statali al trasporto pubblico.
Le aziende di trasporto hanno accettato di non procedere ad azioni unilaterali nei confronti del personale nei prossimi trenta giorni, e si sono impegnate a razionalizzare le proprie spese e i costi di gestione per risparmiare almeno 4,5 milioni rispetto al 2010. Inoltre altri 500.000 euro dovranno arrivare dal recupero dei biglietti evasi.

Le organizzazioni sindacali hanno accettato di sospendere ogni forma di agitazione e sciopero per i prossimi trenta giorni e di collaborare con la regione, gli enti locali e le aziende per migliorare la qualità del servizio. Sindacati e aziende hanno inoltre accettato di collaborare per valutare insieme eventuali forme di incentivo all’esodo volontario del personale.

Infine Province e Comuni hanno accettato di migliorare e ottimizzare il servizio attraverso il recupero dei chilometri e per garantire politiche per i lavoratori. Inoltre si sono impegnate a far corrispondere ai tagli dei trasferimenti una riorganizzazione equilibrata della rete.

L’accordo firmato getta inoltre le basi per la riforma generale del servizio di trasporto pubblico per il 2012. Comuni, Province, aziende di trasporto e sindacati hanno accettato la proposta della Regione di riorganizzare tutto il settore e procedere verso un’unica gara per l’affidamento del servizio di trasporto su gomma, come peraltro già previsto in finanziaria regionale. E’ stato ribadita, inoltre, la necessità di qualificare il serv izio attraverso la massima integrazione ferro-gomma ed introducendo costi standard.

In questa prospettiva Regione, Province e Comuni si sono impegnati a ridefinire una rete di servizi minimi maggiormente integrata con i servizi ferroviari ed a mettere a disposizione, compatibilmente con le possibilità del bilancio regionale, le somme necessarie. Dal canto loro aziende e sindacati si impegneranno per raggiungere livelli di maggiore efficienza del servizio, anche per consentire forme di aggregazione in vista della futura gara regionale.

L’accordo prevede che adesso si attivino immediatamente tavoli provinciali con Enti locali, aziende e organizzazione sindacali per la definizione degli accordi lotto per lotto, da sottoscrivere entro 30 giorni dalla firma di oggi in Regione. Al termine del confronto territoriale, si procederà ad una verifica complessiva a livello regionale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.2.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 21 ore, 59 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it