PIOMBINO: 80 CITTADINI AI TAVOLI DI LAVORO SU BARATTI E POPULONIA

Venerdì 3 dicembre a Palazzo Appiani circa 80 cittadini si sono incontrati per il primo laboratorio del percorso  “Partecipiamo Baratti”.  Il sindaco Anselmi ha aperto il pomeriggio con un saluto ribadendo ancora una volta l’importanza che questo percorso ha per l’amministrazione.

L’evento visto dall’amministrazione comunale di Piombino:

Alla serata di lavoro – che è proseguita, come previsto, dalle 18 alle 22 – è intervenuto anche Massimo Morisi garante della comunicazione per il governo del territorio della Regione Toscana, il quale ha sottolineato l’importanza di dimensione regionale, e non solo, di Baratti, e di conseguenza la rilevanza di questo percorso di partecipazione. Morisi ha ringraziato tutti i cittadini intervenuti e l’amministrazione che ha voluto promuovere un percorso articolato, pur in presenza di una legge sul governo del territorio che sotto il profilo del coinvolgimento dei cittadini lascia ai comuni molta libertà nell’interpretare la nozione di “partecipazione”.

I partecipanti non solo erano numerosi ma anche molto eterogenei e rappresentavano in maniera piuttosto articolata sensibilità e interessi presenti sul territorio: si andava dai semplici cittadini agli  aderenti a comitati e associazioni, ai  rappresentanti delle categorie economiche e a studiosi di archeologia.

Suddivisi in cinque tavoli di lavoro nei quali sono state raccolte ulteriori domande ed esigenze di chiarimento, i cittadini hanno discusso dell’identità di Baratti e dei criteri che essi reputano più indicati per valorizzare e tutelare quell’area.

L’esito della prima giornata di discussione sarà riportato in un rapporto che verrà pubblicato sul sito web del comune nel corso dei prossimi giorni, prima del prossimo incontro.

Il lavoro proseguirà ancora venerdì 10 e venerdì 17 dicembre.

_________________________________________________

L’evento visto dal comitato “Giù le mani da Baratti”:

Il percorso partecipativo per decidere sulle sorti di Baratti e Populonia ha coinvolto molte persone, che speriamo tornino anche le prossime volte: cittadini singoli e organizzati, tecnici sparsi tra i tavoli, funzionari comunali, le facilitatrici di Sociolab, l’agenzia incaricata dal Comune per guidare il percorso partecipativo.

Il confronto ai tavoli inizia verso le 18.30, dopo il discorso introduttivo del Sindaco Gianni Anselmi.  Inizialmente, il lavoro tavolo per tavolo appare interessante sennonché, in corso d’opera, si sono riscontrate carenze  di tipo conoscitivo da parte di molti cittadini, tanto è vero che è emerso un dislivello di conoscenza dei fatti tale che la discussione ne ha risentito molto, sia dal punto di vista del tenore del confronto sia per la adeguatezza  di osservazioni e proposte  emerse, in quanto fondate su conoscenze minime delle previsioni contenute nel piano.

Sarebbe stata opportuna una adeguata presentazione del piano particolareggiato prima di cominciare il lavoro ai tavoli, così da assicurare più omogeneità possibile sul livello di conoscenza dei partecipanti; questo ha generato molti dubbi e interrogativi che sono rimasti senza risposta, dal momento che le facilitatrici curano il metodo e si limitano alla raccolta dei dati emersi nella discussione.

Certo non è imputabile ai cittadini la mancanza di approfondimento, dal momento che il materiale distribuito ai partecipanti consta solo di un opuscolo dove sono sintetizzati  a grandi linee gli orientamenti del piano particolareggiato e un documento sintetico che riassume le opinioni della Confesercenti. Abbiamo chiesto se ci sono altri documenti che illustrano gli interventi su Baratti e sul regolamento urbanistico. La procedura vorrebbe infatti che il piano particolareggiato seguisse – e non precedesse – il regolamento urbanistico.

Nella pausa tra le due tornate di discussione è intervenuto anche il Garante Regionale  della Comunicazione Massimo Morisi, il quale ha dato atto al Comune di Piombino di averlo contattato allo scopo di  rafforzare  la terzietà come elemento di correttezza del percorso.

In molti continuano a domandarsi quale sarà effettivamente la possibilità di incidere sulle decisioni, specialmente in merito agli aspetti principali della destinazione d’uso del Casone, della concessione di un altro tratto di litorale a favore della struttura turistica di Poggio all’Agnello, dell’intervento alla cosiddetta Porta del Parco e della sistemazione di Populonia alta.

Come si diceva all’inizio, speriamo che al prossimo incontro la partecipazione non si riduca, visto che in diversi se ne sono andati dicendo che non sarebbero più venuti. E anche a noi è restato un interrogativo: ci avranno detto tutto?

Giu’ le mani da Baratti

5 dicembre 2010

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.12.2010. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 27 giorni, 4 ore, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it