GIOBBE COVATTA INEDITO RECITA LA CARTA DEI DIRITTI DELL’UOMO

Claudio Neri, Giobbe Covatta, Battista Ceragioli

Teatro Verdi a San VIncenzo esaurito in ogni ordine di posti e grande successo di pubblico per lo spettacolo di Giobbe Covatta dal titolo “Trenta”. L’attore napoletano ha incantato, con la sua bravura e professionalità, gli spettatori per due ore consecutive interrotto soltanto dagli applausi della sala.

In scena uno spettacolo ispirato alla carta dei diritti dell’uomo. Trenta sono infatti gli articoli di cui è composta la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani adottata dall’ONU il 10 dicembre 1948; trenta articoli che sanciscono i diritti individuali, civili, politici, economici, sociali, culturali di ogni persona. Vi si proclama che nessuno può essere fatto schiavo o sottoposto a torture, che nessuno dovrà essere arbitrariamente arrestato, incarcerato o esiliato. Vi si sancisce anche che tutti hanno diritto ad avere una nazionalità, a contrarre matrimonio, a possedere dei beni, a prendere parte al governo del proprio paese, a lavorare, a ricevere un giusto compenso per il lavoro prestato, a godere del riposo, a fruire di tempo libero e a ricevere un’istruzione.

Giobbe Covatta, in questo spettacolo che ha ottenuto lo speciale patrocinio di Amnesty International, ha voluto coniugare la sua ironia e il suo sarcasmo con una profonda riflessione sui diritti fondamentali dell’uomo sottolineando che molte persone questi diritti li hanno soltanto sulla carta. Per far questo in alcuni passaggi si è tolto l’abito del comico puro per sensibilizzare il pubblico, presentando una veste inedita che ha colpito, e un po’ stupito, le persone in sala.

Al termine della serata gli organizzatori hanno donato ad ogni signora un pensiero molto gradito: una rosa all’uscita dal teatro per ricordare la bella serata.

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.11.2010. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 18 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it