LUCCHINI: NUOVA PROPOSTA ALLE BANCHE PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO

Il Gruppo Lucchini ha reso noto oggi di aver inviato al pool di banche creditrici – tramite il proprio advisor Lazard – una nuova proposta di rinegoziazione del debito che tiene conto delle osservazioni e dei rilievi ricevuti nelle scorse settimane. Una prima proposta era stata consegnata agli Istituti lo scorso 6 settembre.

La nuova bozza d’accordo inviata alle banche, migliorativa rispetto alla precedente e fortemente sostenuta dagli azionisti, mantiene l’impianto della proposta originaria, che prevedeva nuove scadenze dei rimborsi, l’iniezione di liquidità da parte degli azionisti e la conversione di parte dei crediti in azioni Lucchini.

“Stiamo ora entrando nella fase finale delle negoziazioni”, ha detto Marcello Calcagni, presidente e amministratore delegato di Lucchini SpA. “Con questa nuova proposta, riteniamo di esserci sensibilmente avvicinati alle richieste avanzate dalle banche”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.11.2010. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    47 mesi, 12 giorni, 22 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it