PIOMBINO: REATI IN CALO MA AUMENTA L’INSICUREZZA

il prefetto Mannino ed i rappresentanti delle Forze dell'OrdineSi è riunito questa mattina, per la prima volta a Piombino presso la sala consiliare del palazzo comunale, il Comitato provinciale per la sicurezza pubblica in città, normalmente convocato a Livorno. Temi del confronto i recenti episodi di bullismo, vandalismo, di non rispetto degli spazi pubblici che aumentano la percezione di insicurezza sul nostro territorio.Nonostante il fatto che le statistiche sulla sicurezza per Piombino siano confortanti e migliori rispetto al dato nazionale – ha affermato il prefetto Mannino, presente all’incontro – dobbiamo comunque prendere in considerazione anche ciò che viene percepito dalle persone”

“Questa riunione – esordisce Anselmi ringraziando le Forze dell’Ordine presenti – ha avuto come scopo quello di fare il punto sulla sicurezza in città. I dati sui reati in calo sono confortanti ma resta una forte percezione di disagio all’interno della comunità”. Partendo dalla consapevolezza che alcune dinamiche evidenziate negli ultimi tempi non devono essere sottovalutate ma neanche minimizzate, il sindaco ha tracciato un quadro in cui si rilevano soprattutto episodi legati alla non correttezza delle relazioni sociali, di non rispetto dell’ambiente, effrazioni e danneggiamenti degli spazi pubblici, bullismo.

“Venire a Piombino e riunire per la prima volta il Comitato fuori da Livorno – prosegue Mannino – è la dimostrazione che le istituzioni sono vicine ai cittadini e non si dimenticano di loro”.

“La sicurezza non si realizza semplicemente aumentando il numero delle forze dell’ordine sul territorio ma creando una cultura del rispetto e dell’interazione reciproca con la comunità. La “divisa” non deve essere vista con timore ma come una opportunità per tutelare i diritti individuali ed il bene collettivo”.

il comitato per la sicurezza a PiombinoL’incontro è stato anche un buon punto di partenza per l’ideazione di nuovi strumenti volti a garantire la sicurezza della popolazione. Tra questi è importante ricordare: una maggiore sinergia delle varie centrali operative sul territorio, l’emanazione di ordinanze specifiche da parte del sindaco che disciplinino comportamenti legati anche al decoro urbano (uso del vetro ecc.), la prosecuzione degli interventi di riqualificazione degli spazi pubblici.

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.10.2010. Registrato sotto cronaca, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 10 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it