VENTURINA: CAPANNONI VUOTI, MA SI VUOLE COSTRUIRE ANCORA

Campiglia: “Scheletri” di capannoni non completati e capannoni vuoti popolano sempre di più Venturina, ma il Regolamento  Urbanistico li ignora. Su questo argomento interviene  la lista civica “Comune dei Cittadini” che chiede di non consumare ulteriore territorio di fronte ad una evidente “saturazione del mercato”.

«Se ne vedono da tempo – inizia la lista civica –  alla stazione e nella zona industriale di Campo alla Croce, con le scritte  “vendesi e affittasi”. Sono il segno della crisi, ma anche delle scelta del Comune di assegnare terreni pubblici non alle imprese che utilizzano i capannoni per conto proprio, come è accaduto alla Monaca, ma a società immobiliari che costruiscono per vendere ad altre imprese.

Si è così formato uno stock di capannoni invenduti, ai quali si aggiungono quelli chiusi come l’ex fabbrica CST-NET a Campo alla Croce. Per noi nei prossimi anni la priorità deve essere quella di utilizzare quelle costruzioni.

Il Comune, invece, sembra ignorare la realtà e, dopo aver previsto nel 2006 e nel 2007 altre decine di ettari per nuovi insediamenti produttivi a Campo alla Croce e alla Monaca ancora non utilizzati, con il Regolamento Urbanistico prevede ora altri 25 ettari per capannoni nelle aree private di Campo alla Croce e delle Coltie. Una scelta che consideriamo sbagliata dal punto di vista urbanistico e dannosa economicamente, in quanto non considera le conseguenze di investimenti finanziari che non sono giunti a buon fine.

Con le osservazioni al Regolamento Urbanistico abbiamo chiesto al Comune di fare una ricognizione attenta sui capannoni inutilizzati e, conseguentemente, di cancellare dannose previsioni espansive, come quelle a sud di Coltie (sullo svincolo per la SS.398) e sul lato est di Via della Monaca, verso Montioncello, dove altri nuovi capannoni trasformeranno una strada che ora ha funzioni di tangenziale in una strada urbana, con conseguenze negative sulla viabilità di Venturina.

Anche a Campo alla Croce, prima di impegnare nuovo suolo, si propone al Comune di favorire l’utilizzo dei capannoni già costruiti e di completare le aree ancora disponibili. Su questo, come su altri temi, si misurerà la responsabilità e l’autonomia decisionale del Comune e la volontà di perseguire davvero politiche di riuso anziché di espansione».

Comune dei Cittadini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.9.2010. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 23 giorni, 17 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it