TOSCANA: PORTI, BARCHE MA MANCANO ANCORA I PARCHI

Dettaglio del Porticciolo di Piombino

Riportiamo un commento di Renzo Moschini a riguardo del dilagare dei porti. Interessante anche il richiamo alle Pro Loco, associazioni tutelate dalla regione Toscana attraverso la legge 42/2000 (testo unico in materia di turismo) che spesso non vengono dotate, proprio dagli amministratori locali, per arroganza o peggio ignoranza,  di strumenti di pianificazione adatti ad operare efficientemente negli interessi del cittadino.

«Dopo una partenza impacciata il dibattito e gli impegni della nostra regione per rimettere a punto una programmazione regionale specie ma non solo costiera registra finalmente delle interessanti e importanti novità. Gli impegni dell’assessore Marson ed ora anche dell’assessore Ceccobao preludono a modifiche normative ma anche programmatiche e operative specialmente sulla nautica e i porti turistici di cui abbiamo avuto qualche primo assaggio a Portoferraio.

Il tutto all’insegna di una precisa volontà di concertazione e non di prevaricazione tra i molteplici livelli istituzionali e non, interessati al governo del territorio. Sottolineo ‘governo del territorio’ che fatica ancora –nonostante stia scritto in Costituzione dal 2001- ad emergere in una discussione in cui permangono reticenze e più d’una ambiguità.

Tra queste metterei innanzitutto il perdurante silenzio o quasi sui parchi e i bacini idrografici riguardanti peraltro due leggi nazionali entrambe lesionate da Roma che ha trovato ben scarse reazioni quando non più d’una ‘complicità’ tra le regioni ora più che mai alle prese con tagli rovinosi e disastri ricorrenti anche recenti. Tornando al contesto toscano a me pare che il dibattito positivamente avviato non possa tardare a rimettere in gioco i nostri parchi che non sono pro-loco ma organi di pianificazione quasi tutti già dotati di strumenti di pianificazione approvati dalla regione che riguardano direttamente o indirettamente anche i porti, la nautica, la costa come i boschi e i fiumi.

Legge che deve proprio rimettere a fuoco e bene in chiaro il loro ruolo appannato e ridimensionato poco saggiamente già da quella legge regionale del 2005 che ora va rivista anche attraverso una nuova legge regionale sui parchi che non può più essere rinviata dopo i già troppi e ingiustificati rinvii. A mettere in un canto i parchi per meglio strapazzarli ci pensano già a Roma e noi non possiamo certo dargli una mano».

Renzo Moschini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.9.2010. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 12 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it