CAMPIGLIA: LA MUSICA ANNI ’70 VISTA DAL PROF. TABASSO

L'assessore , il Prof. Tabasso e pippo

Ass Bertocchi, Edoardo Tabasso, Fabio Canessa

In Italia non siamo bravi a raccontare il nostro passato recente: si tende sempre a volerlo spiegare, interpretare, invece è meglio riflettere, e per farlo è necessario il racconto. Operazione, la riflessione sulla contemporaneità, che gli americani hanno la capacità di fare con assiduità, magari non sempre bene, ma ci provano. E’ stata questa la premessa del prof. Edoardo Tabasso alla lezione “1975-1980: cinque anni tra militanza e disco”, nell’ambito del ciclo d’incontri sulla contemporaneità “A passo d’uomo” organizzati dal comune di Campiglia M.ma.

Il professore ha poi ricordato, a parte le grandi conquiste sociali e premettendo di non voler denotare i fatti in senso politico, che il decennio degli anni ’70 ha visto la modifica dell’acquisizione della maggiore età da 21 anni a 18 anni, il passaggio della Tv dal bianco e nero al colore e la storia misconosciuta – ripresa recentemente da una riuscita fiction televisiva – di Franco Basaglia e della legge che porta il suo nome sulla cancellazione dei manicomi psichiatrici.

Prima che in Francia, Inghilterra e Germania l’Italia in quegli anni si attrezzò permettendo la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa: radio e televisioni cominciarono la loro ascesa (la deriva successiva è un’altra storia, come quella della deriva terroristica della contestazione giovanile e sociale che coinvolse, pur dirompente, piccole frange) e nacquero due nuovi quotidiani: La Repubblica di Eugenio Scalfari e Il Giornale di Indro Montanelli.

Un periodo di fermenti dove la musica fu la colonna sonora in cui i giovani si identificavano: una considerazione da sociologo, non da musicologo, ci ha tenuto a sottolineare Tabasso che ha accompagnato le sue riflessioni con video e musica che hanno spaziato dal Tg del rapimento di Aldo Moro (annotando che nei luoghi della reclusioni tra i dischi ascoltati dai terroristi c’erano quelli di Battisti) al concerto torinese di Bob Marley al festival di Sanremo; inoltre ha consegnato in sala i testi delle due canzoni di Finardi e Dalla, i cui protagonisti portano gli stessi nomi: Anna e Marco lette come due facce di un cambiamento. Il dibattito ha poi virato sul tema giovani di ieri e giovani di oggi: è vero che negli anni ’70 si era più impegnati, che si leggeva di più, che l’orizzonte di valori era più solido? Oggi i ragazzi devono fronteggiare una realtà più complessa che richiede di essere più pronti è quanto ha osservato il prof. Fabio Canessa. Con i mezzi di comunicazione attuali i ragazzi ascoltano indifferentemente  l’ultimo disco del gruppo in voga o musica classica, o qualsiasi altro abbiano scaricato da internet e sia stato ritenuto meritevole d’attenzione.

Quanto alla lettura gli stimoli di oggi fanno sì che i giovani leggano di più rispetto ai loro coetanei degli anni ’70. E si potrebbe continuare con tante altre citazioni poiché le due ore di lezione sono state molto intense e ricchissime di spunti che chi ha partecipato potrà approfondire personalmente. Intanto si attende il prossimo incontro, 6 maggio con Nando Dalla Chiesa sul tema “Mafia e antimafia”. Dopodiché questi primi tre incontri saranno disponibili in video sul sito web del comune di Campiglia.

Andrea Fabbri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.4.2010. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 7 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it