VAL DI CORNIA: RISULTATI DEFINITIVI REGIONALI 2010

Riportiamo i risultati delle regionali 2010 nei comuni della Val di Cornia.  L’affluenza ai seggi, in provincia di Livorno, è stata del 57,1%, in Toscana del 61,3%.

Totale votanti a Piombino regionali 2010: 15818 voti (62,13% degli aventi diritto).

LISTA N.1 – PARTITO DEMOCRATICO 8429  voti pari al 53,29%
LISTA N.2 – RIFONDAZIONE-COMUNISTI ITALIANI-VERDI 798  voti pari al 5,04%
LISTA N.3 – SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ 684 voti    pari al 4,32%
LISTA N.4 – ITALIA DEI VALORI 1575 voti    pari al 9,96%
LISTA N.5 – UNIONE DI CENTRO 578 voti pari al 3,65%
LISTA N.6 – LEGA NORD 555 voti pari al 3,51%
LISTA N.7 – POPOLO DELLA LIBERTA’ 3199 voti pari al 20,22%.

Crescono ITalia dei Valori e Lega.
______________________________________

Totale votanti a Campiglia regionali 2010: 6849 voti (63,2% aventi diritto).

PARTITO DEMOCRATICO 3.055 voti pari al 51,4%
FEDERAZIONE DELLA SINISTRA E VERDI 304  voti pari al 5,1%
3 SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ 188  voti pari al 3,2%
4 ITALIA DEI VALORI 495 voti pari al  8,3%
5 UNIONE DI CENTRO 225  voti pari al 3,8%
6 LEGA NORD 208  voti pari al 3,5%
7 IL POPOLO DELLE LIBERTA’ 1.474  voti pari al 24,8%

________________________________________

Totale votanti a San Vincenzo regionali 2010: 3815 voti (64,26% aventi diritto).

Partito Democratico     1.706  voti pari al 52,28%
Federazione delle Sinistre e Verdi 128  voti pari al     3,92%
Sinistra Ecologica     120  voti pari al 3,68%
L’italia dei Valori     248  voti pari al 7,60%
Unione di Centro     96  voti pari al 2,94%
Lega Nord     125  voti pari al 3,83%
Popolo delle Libertà     840  voti pari al 25,75%

_______________________________________________

Totale votanti regionali 2010 Portoferraio: votanti 5058 voti pari al 50,6% degli aventi diritto.

LISTA N.1 Partito Democratico    1090 voti pari al 26,9%
LISTA N.2 Rifondazione Comunista-Comunisti Italiani-Verdi 185 voti pari al 4,57%
LISTA N.3 Sinistra Ecologia Libertà 286 voti pari al 7,06%
LISTA N.4 Italia dei Valori 319 voti pari al 7,87%
LISTA N.5 Unione di Centro 659 voti pari al 13,03%
LISTA N.6 Lega Nord 206 voti pari al 5,08%
LISTA N.7 Il Popolo della Libertà 1306 voti pari al 32,24%

__________________________________________

Riassunto risultati nei comuni minori:

Suvereto è il comune dove la coalizione di centrosinistra ottiene il miglior risultato della Val di Cornia (73,6%), il Pd col 54,3% conquista il primato della provincia di Livorno: nella lista che sosteneva Enrico Rossi Sinistra e Verdi arrivano all’8,9%, Italia dei Valori al 7,3%, Sel al 3,2%.
Sul fronte opposto il Pdl cede qualcosa come nel resto della Val di Cornia quando il simbolo del partito non viene associato direttamente a Silvio Berlusconi, fermandosi al 18,7%.
Invece  Sassetta è il comune con il risultato peggiore in zona da parte del Pd (36,6%), e per il migliore del Partito della libertà, che si attesta al 28,6%.

____________________________________

Regionali 2010, non votano (quasi) 4 toscani su 10
Alle urne il 10,48% in meno rispetto al 2005. Siena la provincia con maggiore affluenz a

Si sono chiusi i seggi, 3.966 in tutta la regione, e i toscani che si sono recati a votare  per eleggere il nuovo presidente della giunta regionale e il nuovo consiglio regionale sono stati il 60,92%, ovvero 1.833.627 elettori. Non hanno votato quasi quattro toscani su quattro.

E’ il dato più basso dal 1970: il 10,48% in meno rispetto alle regionali di cinque anni fa. Alle Europee del 2009 aveva votato il 72,9%: alle politiche del 2008 si era recato alle urne l’88,03%, ma allora nelle liste elettorali dei comuni non c’erano i toscani residenti all’estero e il falso effetto ottico fu quello di un’affluenza superiore alla realtà, non confrontabile con quello delle elezioni precedenti né con le attuali regionali.

La provincia con la maggiore affluenza è stata Siena (65,1%), seguita da Arezzo (64,3%), Firenze (64,5%), Pisa (61,7% ), Prato (61,5%), Pistoia (60,2%), Grosseto (60,2%), Livorno (57,1%), Lucca (545,3%) e Massa-Carrara (52,7%).

Nel 2005, chiusi i seggi,  aveva votato il 71,35% dei toscani, ovvero  2.156.460 elettori. La provincia con la maggiore affluenza fu anche allora Siena (76,21%), seguita da Firenze (74,10%), Arezzo (73,77%), Grosseto (72,41%), Pisa (72,37%), Pistoia (70,85%) e Prato (70,63%). Agli ultimi tre posti nel 2005 erano le province di Livorno (69,73%), Massa-Carrara (64,35%) e Lucca (64,15%).

_______________________________________

Primi Commenti:

Massimo Zucconi. Capogruppo Comune dei Cittadini (Lista Civica di Campiglia Marittima)

«Quello che emerge dal voto regionale è la sfiducia nella  politica e nei partiti. Rispetto al 2005, in una regione come la Toscana, non sono andati a votare 305.396 cittadini:due città come Pisa e Livorno. In un piccolo Comune come Campiglia è andato a votare solo il 63,2% degli elettori, contro il 75,37% del 2005.   In cinque anni 1.268 elettori non hanno più trovato una motivazione per votare un partito. E’ un dato enorme, storico.

L’astensionismo, in queste proporzioni, ha un significato politico chiarissimo che sarebbe un grave errore scambiare per qualunquismo.  Credo riguardi destra, centro e sinistra.

Prima ancora di analizzare i voti attribuiti ai candidati e alle liste, i partiti dovrebbero chiedersi seriamente il perché del baratro che si sta scavando tra i cittadini e chi li rappresenta nelle istituzioni. E’ probabile che di questo si discuta per qualche giorno, ma è anche probabile che si faccia presto a dimenticare.  Già c’è chi invita a guardare alle percentuali del voto di lista, trascurando il pesante calo degli elettori.

Il primo atto di umiltà da compiere è considerare i cittadini titolari di diritti e non sudditi ai quali si può negare informazione, trasparenza, verità e conoscenza. Per invertire questa tendenza la politica dovrà tornare ad essere al servizio della gente e non viceversa».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 29.3.2010. Registrato sotto politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 4 giorni, 14 ore, 27 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it