BANCHE, LA CRISI NON C’E’, MA QUESTO SOLO PER LORO

banca_salvadanaioDa ormai più di venti giorni, le uniche parole che mi girano per la testa del fallito vertice di Copenhagen del dicembre scorso sono le parole del Presidente del Venezuela  Hugo Chavez: «Se il Clima fosse una banca, i governi già l’avrebbero salvato!», e il fatto che il denaro, sia ormai l’unico metro rimasto per valutare cose e persone. E che le Banche, gli istituti del Credito, siano ormai più importanti del clima del pianeta e delle persone che ne fanno parte.

Chavez: Se il Clima fosse una banca…

Tornando a noi in Italia, nel piccolo della Val di Cornia, il messaggio comunque non cambia, anche se, con una recente lettera ai suoi correntisti, una importante banca con filiali anche in Val di Cornia, chiarisce ancora di più un concetto, quello che qualcun’altro pagherà per le azioni delle banche, che anche se ormai metabolizzato dai più, alle volte si digerisce mal volentieri quando espresso in modo così “schietto”.

«Gentile cliente,

le illustriamo la proposta (che può essere solo approvata altrimenti l’alternativa è la chiusura del conto, per chi può farlo… ndr.)  di modifica unilaterale di una delle condizioni in oggetto a seguito del “Cambio del service informatico” (alla fine è colpa sempre dei computer è risaputo. ndr.), nonché dell’ “incremento del costo del rischio creditizio correlato al deterioramento dello scenario macroeconomico” (le virgolette sono proprio nel testo, non so perché, ma contraddicono palesemente ciò che dice il governo da mesi e che cioè la crisi è finita e che stiamo ripartendo. ndr.)».

E ora pronti alla “modifichina” del contratto. «In caso di utilizzo fuori dall’affidamento concesso ovvero in assenza di affidamento saranno applicate (sempre per colpa del computer) le seguenti modalità:

Indennità di 3 euro al giorno per sconfinamenti entro i 5.000 euro;

Indennità di 5 euro al giorno per sconfinamenti fino a 25.000 euro;

Indennità di 8 euro al giorno per sconfinamenti oltre i 25.000 euro.

Tradotto per gli ignari utenti: Se prendi i soldi al bancomat e non ti hanno ancora accreditato lo stipendio e sconfini di 50 euro per 3 giorni questi “signori” si prendono, oltre ai costi di tenuta conto, bolli e altre amenità, 9 (nove) euro. Con i tassi di usura bloccati hanno trovato questo escamotage, che chiamano “indennità” ma che comunque è un interesse su quanto prestato e che viene calcolato su un importo che va da -1 a -5000 euro.

E così se tu dai i tuoi soldi a loro, l’interesse praticato è zero o giù di li, ma  loro intanto li possono prestare agli altri. Ma se vai in scoperto anche per motivi tecnici, e loro prestano soldi a te, loro prendono tre euro al giorno (di interessi o indennità poco conta).

Chi sa se qualche garante o associazione di consumatori leggerà questo articolo, oppure se anche questa volta i “furbetti del quartierino” l’avranno vinta…

Il Grillo Parlante

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.1.2010. Registrato sotto grilloparlante, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 20 giorni, 10 ore, 24 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it