TESTAMENTO BIOLOGICO. PIOMBINO SI PRONUNCIA A FAVORE

firmaPiombino si pronuncia a favore del testamento biologico. Nella seduta di ieri, 22 dicembre, il consiglio comunale ha votato un ordine del giorno presentato dal Partito Democratico che impegna il sindaco e la giunta a istituire nel Comune di Piombino il “Dat”, il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento, già istituito da diversi enti locali in Toscana e in tutta Italia.  Si sono espressi a favore PD, Sinistra e Libertà, Italia dei Valori, Rifondazione Comunista, Gruppo Misto. Contraria UdC, astenuto il Popolo della Libertà.

Presente alla discussione anche Dario Cambi, coordinatore di “Libertà e Giustizia”, promotrice della petizione popolare a favore dell’istituzione del registro, con una raccolta di firme depositate recentemente in Comune. E oggi pomeriggio è prevista una riunione della terza commissione consiliare per cominciare a discutere delle delibera che dovrà essere approvata nel prossimo consiglio comunale.

Il documento permetterà ai cittadini di esprimere anticipatamente la propria volontà sui trattamenti medico-sanitari ai quali desidera o non desidera essere sottoposto nel caso in cui, a causa di gravi infortuni o di patologie invalidanti, non fosse più in grado di esprimere il proprio consenso o il proprio dissenso informato all’atto medico.

Allo stato attuale non esiste una legge che dia valore legale al testamento biologico.  Esistono però norme fondamentali nell’ordinamento giuridico italiano che sanciscono il diritto alla salute e stabiliscono alcuni principi di efficacia rispetto alle dichiarazioni anticipate.

Un riferimento fondamentale a questo diritto è contenuto nell’art. 32 della Costituzione, dove si stabilisce che «nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizioni di legge» e che «la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.12.2009. Registrato sotto sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 5 ore, 47 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it