SUVERETO: LA GERA, UN PROGETTO SENZA FINE?

Con una mozione che sarà presentata nel prossimo consiglio comunale, Uniti per Suvereto chiede una commissione d’inchiesta sul progetto dell’invaso della Gera, visto che un’altra estate è passata senza che sia stato possibile utilizzare l’opera a scopi irrigui per l’agricoltura. Come è noto il progetto, che risale a più di dieci anni fa, consisteva nella costruzione di un invaso riutilizzando la vecchia cava ubicata in località La Gera. Questo invaso, sempre richiesto e atteso dagli agricoltori della Val di Cornia, avrebbe dovuto assicurare acqua per l’irrigazione e favorire il ravvenamento della falda principale, anche come misura compensativa dei prelievi del nuovo impianto “anello”, cioè la serie di nuovi pozzi che venne realizzata nella pianura per alimentare gli acquedotti di tutti i comuni e dell’isola d’Elba compresa.

«Il progetto – inizia Uniti per Suvereto – passò dal Cigri al Consorzio di bonifica della Val di Cornia, il quale lo presentò nel 2004 alla Regione e alla Provincia e alla fine fu finanziato per un milione e centomila euro, oltre a 400.000 euro per interventi diretti del Consorzio di bonifica della Val di Cornia. I lavori sono cominciati nel 2005, ma l’opera non è mai entrata in funzione. Eppure nel 2006 il sindaco di Suvereto Pioli assicurava pubblicamente che in quello stesso anno ci sarebbe stata “l’inaugurazione dell’invaso della Gera”. Inaugurazione mai avvenuta. Anche il presidente del Consorzio di Bonifica prevedeva a giugno 2006 il collaudo dell’invaso, “necessario per il via libera definitivo alla messa in esercizio dalla prossima stagione irrigua”. Siamo arrivati al 2009 e non è successo niente, nonostante che nel 2008 il presidente del Consorzio Giancarlo Vallesi abbia confermato il pieno impegno del Consorzio per il completamento dei lavori nei tempi più rapidi possibile, predisponendo un nuovo progetto che prevede la realizzazione di un canale per portare l’acqua dal Fosso delle Gore alla vasca della Gera e un intervento di impermeabilizzazione del fondo e delle sponde della vasca con teli di nylon, per una spesa totale di altri 781.000 euro. Siamo in presenza di grosse somme di soldi pubblici finora spesi senza alcun risultato».

Di fronte a questo fallimento e ad un ulteriore progetto che non dà alcuna garanzia di successo, i consiglieri di Uniti per Suvereto chiedono di avviare una inchiesta comunale con lo scopo di chiarire come sono andate effettivamente le cose sul progetto dell’Invaso della Gera e quanti soldi sono stati spesi. La commissione dovrà esaminare e verificare il nuovo progetto per evitare nuovi fallimenti e un ulteriore dispendio di denaro pubblico, in particolare valutando la quantità e la stagionalità dell’acqua reperibile dal fosso delle Gore e l’opportunità della prevista impermeabilizzazione, peraltro parziale. Infine si invita il sindaco a promuovere al più presto una presentazione pubblica del nuovo progetto, coinvolgendo in particolare gli agricoltori delle zone interessate.

Uniti per Suvereto

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.9.2009. Registrato sotto ambiente/territorio, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 22 ore, 39 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it