TAV: CONDANNA AL PROCESSO ALTA VELOCITA’ BOLOGNA-FIRENZE

Soddisfazione per la sentenza da parte del WWF Italia parte civile al processo sull’alta velocità Bologna-Firenze che si è chiuso oggi con 26 condanne.

Un territorio di 50 chilometri quadrati ha subito impatti ambientali significativi. Intercettazione di falde acquifere, inquinamento chimico-fisico, mala gestione delle terre di scavo e dei rifiuti prodotti dai cantieri, decine di chilometri di corsi d’acqua essiccati o danneggiati, decine di pozzi scomparsi.
Questi sono stati i danni subiti dal territorio del Mugello secondo l’accusa, che hanno portato il WWF a costituirsi parte civile guidati dall’avvocato Eraldo Stefani.

Troppo spesso per le grandi opere in Italia la progettazione si rivela lacunosa.
Questa sentenza dovrebbe essere un ulteriore monito per una corretta valutazione dell’impatto ambientale di queste opere».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.3.2009. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 3 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it