IL PROGETTO PER CITTÀ FUTURA E COTONE-POGGETTO

Restituire alla città un restyling del suo ingresso, con la Porta Urbana, completare il processo di riconversione urbanistica dell’area a diretto contatto con lo stabilimento siderurgico, creare spazi aperti che possano svolgere la funzione di “filtro” rispetto agli stabilimenti industriali esistenti, valorizzare la memoria storica e produttiva della città e del territorio. Sono questi gli obiettivi che l’amministrazione comunale ha elaborato per il Programma di sviluppo urbano sostenibile (PIUSS), presentato nella sua versione definitiva giovedì 26 febbraio, in sala consiliare nell’ambito della conferenza di concertazione che ha concluso il processo avviato nel luglio scorso.

La procedura si concluderà con la presentazione della proposta definitiva del Piuss alla Regione entro il prossimo 8 marzo.
Un ambito strategico per Piombino, come è stato definito dall’assessore all’urbanistica Luciano Francardi, e un’ interfaccia importante tra città e fabbrica.

«I mesi di discussione e di lavoro sul piano – ha spiegato l’architetto Camilla Cerrina Feroni nel corso della conferenza – ci hanno condotto a una rimodulazione dei progetti con alcuni correttivi importanti. In questi mesi abbiamo provato a elaborare il Piano particolareggiato di Città Futura e parallelamente i progetti preliminari degli interventi. Il risultato finale è stata la messa a punto di cinque progetti fondamentali (Parco scientifico tecnologico, Parco del Ferro e dell’Acciaio, Parco della musica e della danza, un nuovo centro civico al Cotone e realizzazione di un mercato rionale). A questi cui si aggiunge anche un sesto sulla viabilità che serve a riconnettere l’ambito di Cotone/Poggetto con la città consolidata e a realizzare parcheggi all’entrata della città. Un insieme di progetti che ammontano a 46 milioni di euro, di cui si chiede alla Regione un cofinanziamento del 50%, attingendo a fondi comunitari».

Parco scientifico-tecnologico:
si tratta di un’area che dovrebbe connotarsi come parco produttivo, scientifico e tencologico, volto alla promozione di aziende ad alto contenuto tecnologico in connessione con centri di ricerca e con l’industria locale. I lavori consisteranno nel recupero del capannone “siviere”, attualmente non utilizzato e situato nell’area industriale Lucchini che dovrà far parte del recupero di Città Futura. Qui saranno collocati i servizi, tra cui ristorazione, sale convegno di varie dimensioni che saranno a disposizione anche della attività connesse al Parco del Ferro e dell’Acciaio, il museo archeo-industriale dotato anche di uno spazio espositivo, un deposito di archivi, la sede della Parchi Val di Cornia, altri servizi di tipo ludico-ricreativo. Nell’area del parco è prevista inoltre la costruzione di capannoni a vocazione produttiva e la realizzazione delle opere di urbanizzazione funzionali alla messa in opera del parco stesso (viabilità, parcheggi, aree a verde).

Parco del ferro e dell’Acciaio, si configura come elemento di ricucitura di due parti del territorio storicamente separate, la città e la fabbrica, che trovano, nella realizzazione di un parco naturalistico tematico un’occasione di riunire due aspetti importanti, l’ambiente naturale, attraverso la realizzazione di una importante zona filtro con piante di alto fusto, e la cultura della produzione, con il progetto di archeologia industriale. Nel parco, in stretto collegamento con il parco scientifico tecnologico e con il capannone “siviere”, è prevista la realizzazione di un percorso attrezzato in cui saranno collocati i reperti di archeologia industriale siderurgica piombinese, con l’intenzione anche di incrementare l’offerta turistica della città.

Parco della Musica e della Danza.
Sarà un complesso edilizio destinato a promuovere sia la pratica del ballo, molto apprezzata dalla terza età, che l’avvicinamento e l’ascolto della musica nelle sue varie espressioni, in modo da integrare le diverse generazioni. Il centro potrà facilmente colloquiare con il vicino Centro Giovani di recente apertura.
Centro Civico al Cotone. In questo caso, per accrescere l’effetto “città” di Piombino, riconoscendone il ruolo di centro urbano, sarà realizzata una struttura, a completamento dell’area lungo la via Provinciale, in angolo con la piazza del Cotone. Le funzioni che vi verranno svolte spaziano dall’associazionismo alle attività sociali e ricreative del quartiere

Mercato rionale.
Insieme al centro civico sarà realizzato anche un mercato rionale coperto, con una pensilina metallica.

Informazioni e documenti sui progetti sono disponibili sul sito internet: CITTA’ FUTURA PIUSS

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.2.2009. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 12 giorni, 1 ora, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it