WWF: BONUS AUTO PRO CLIMA SOLO SOTTO 120G CO2/KM

Sostituire un’auto vecchia con una nuova non è necessariamente una scelta ecologica secondo il WWF, e con i bonus per la rottamazione delle auto elargiti a random, senza una vera strategia, secondo l’associazione ambientalista non si fa ripartire l’economia né si imbocca la strada dell’economia sostenibile.

«Mentre negli USA – commenta il WWF – il presidente Obama sta seguendo un piano che lega investimenti e sovvenzioni a una precisa visione del futuro (5 milioni di posti di lavoro), investendo 150 miliardi di dollari nei prossimi 10 anni per costruire un futuro energetico pulito e limitare la dipendenza energetica dall’estero, nel nostro Paese si procede ancora una volta alla “donazione” per l’acquisto di nuove auto, senza standard adeguati né obiettivi precisi. Un ingente sperpero di risorse pubbliche per giocare alla lotteria della crisi, mentre la stragrande maggioranza dei cittadini non crede che così si risolva nulla, né dal punto di vista economico né da quello ambientale. Anche provvedimenti di per sé sostanzialmente giusti, come quelli legati all’efficienza degli elettrodomestici, perdono di efficacia complessiva perché non inseriti in un contesto strategico».

«Per capire se e quando la rottamazione comporta effettivamente un beneficio per l’ambiente, vanno considerati i reali bilanci energetici e di carbonio. Infatti non è detto che un’auto di ultima generazione (euro 4 o 5) consumi meno di un’auto di 8-10 anni fa, a meno di non scegliere veicoli di cilindrata e peso più piccoli, con emissioni specifiche inferiori rispetto a ciò che si va a sostituire. Tra l’altro seppure la scelta di un’auto nuova determina alcuni benefici in merito alla riduzione di determinate emissioni nocive, poco sposta proprio per quanto riguarda la CO2, il principale gas serra responsabile dei cambiamenti climatici. Infine va considerato il ciclo di vita del prodotto (Life Cycle Assessment), comprese la quantità di energia complessivamente richiesta per realizzarla, le risorse – tra cui anche l’acqua – utilizzate nel ciclo produttivo, i rifiuti prodotti nel processo di smaltimento. Il costo energetico medio di un’automobile è stato calcolato in almeno 15-18.000 kWh, cui corrisponderebbe l’emissione di circa 8.000-9.500 kg di CO2, un valore molto significativo, che equivale a quanto emetterebbe un’auto di medio-picola cilindrata nel percorrere tra 57.000 e 68.000 km».

«Oggi in Italia si sta pensando di concedere agevolazioni a automobili che emettono meno di 140g di CO2 per Km, ma la UE ha già stabilito un limite di emissione entro il 2012 di 120g di CO2 per km: va quindi assunto questo limite, se non uno addirittura inferiore, per fare in modo che l’incentivazione pubblica rappresenti una vera e propria catalizzazione in senso ambientale del parco auto italiano, iniziando finalmente una politica strategica di riduzione delle emissioni a livello nazionale, almeno nel trasporto privato».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.2.2009. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 3 ore, 40 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it