CASE POPOLARI, LA REGIONE ANTICIPA 36 MILIONI

La Lode di Livorno avrà 4 milioni e 238 mila euro, per 30 alloggi a Livorno, 3 a Rosignano e 4 a Piombino. Baronti: «Finanziamo gli interventi che doveva fare lo Stato». Sono in totale 36 milioni e 879 mila euro e serviranno per costruire o rendere assegnabili alcune centinaia di alloggi di edilizia popolare in Toscana.

E’ questo lo stanziamento che la giunta regionale della Toscana ha approvato ieri su proposta dell’assessore regionale alla casa Eugenio Baronti. Una riposta urgente ad una brutta notizia, ormai ufficiale, proveniente da Roma: il taglio drastico dei fondi stanziati con il “piano casa” del Governo Prodi.
Erano 550 milioni da ripartire fra tutte le Regioni – 31,5 milioni assegnati alla Toscana, diventano 100 milioni da ripartire fra tutte le Regioni.
«La situazione di emergenza sul fronte della casa in Toscana è ormai tale che non è più possibile aspettare ancora &nda sh; osserva l’assessore regionale alla casa, Eugenio Baronti – e questi progetti, che ora finanziamo con fondi regionali, sono tutti immediatamente cantierabili. Inoltre, trattandosi in gran parte di interventi di recupero e riqualificazione, con tempi realizzativi più brevi, potremo consegnare in tempi rapidi diverse centinaia di alloggi. E’ però innegabile che i continui rinvii del governo ci hanno fatto perdere tempo prezioso nell’attesa dell’arrivo dei finanziamenti. Di fronte a questa ulteriore, brutta, notizia, abbiamo deciso di intervenire con fondi regionali, grazie a risorse recuperate da vecchi piani di edilizia residenziale.»

Appena pubblicata sul bollettino ufficiale della Regione la delibera sarà operativa ed entro 6 mesi dovranno essere aperti i cantieri.
«Si tratta prevalentemente di interventi su edifici, già in mano pubblic a, ma non assegnabili perché in stato di degrado – spiega ancora l’assessore Baronti – per i quali avevamo già fatto tutta la trafila burocratica e che il Ministero aveva già approvato. Ora ci fanno sapere che ci sono solo 100 milioni, al posto di 550. A questo punto non so quanti soldi potranno essere attribuiti alla Toscana, so soltanto che non potevamo più aspettare. La delibera approvata dalla giunta regionale assegna alle LODE (i soggetti gestori delle case popolari) i finanziamenti nella misura già approvata dal Ministero, per un totale di 31 milioni e 426 mila euro con i quali sarà possibile realizzare 532 alloggi, ma oltre a questi abbiamo aggiunto altri 5 milioni e 452 mila euro, destinati ad interventi aggiuntivi, sempre con la condizione di fare presto.

Infatti gli alloggi dovranno essere assegnabili quanto prima. Alcuni, come nel caso degli interventi di recupero più semplici o di quelli ; di acquisto, saranno già disponibili nel 2010».
Ed ecco come sono ripartiti gli interventi Lode per Lode. Ad Arezzo saranno resi disponibili 30 alloggi, di cui 20 nel comune capoluogo, 6 a Castiglion Fiorentino e 4 a Civitella, per un totale di 1 milione e 338 mila euro. Nella Lode Empolese Valdelsa gli alloggi sono 14, per 873 mila euro. Nella Lode di Firenze ci saranno 149 interventi, per un totale di 8 milioni e 978 mila euro. 105 gli alloggi su cui si interverrà a Firenze, 9 a Scandicci, 8 a Campi Bisenzio, 9 a Signa, 3 a Calenzano, 5 a Bagno a Ripoli, 8 a Sesto Fiorentino e 2 a Lastra a Signa.

La Lode di Grosseto realizzerà interventi su 41 alloggi per un totale di 1 milione e 345 mila euro. La Lode di Livorno avrà invece 4 milioni e 238 mila euro, per 30 alloggi a Livorno, 3 a Rosignano e 4 a Piombino. La Lode di Lucca avrà 3 milioni e 742 mila euro per 35 alloggi, di cui 9 a Lucca, 3 a Camaiore, 16 a Viareggio, 5 a Capannori, 2 a Massarosa. Alla Lode di Massa e Carrara sono destinati 1 milione e 633 mila euro per 52 alloggi, di cui 27 a Massa e 25 a Carrara. Alla Lode di Pisa andranno 3 milioni e 420 mila euro per 94 alloggi. 58 interventi saranno realizzati a Pisa, 28 a Pontedera, 7 a San Giuliano e 1 a Cascina. Al Lode di Pistoia vanno 1 milione e 950 mila euro, per 19 alloggi a Pistoia, 5 a Quarrata, 3 ad Agliana, 2 a Montale, 2 a Serravalle. A Prato gli interventi saranno per 1 milione e 914 mila euro con 16 alloggi. Infine alla Lode di Siena andranno 1 milione e 991 mila euro, per 35 alloggi, dei quali 33 a Siena e 2 a Poggibonsi.

«Siamo consapevoli che ci vorrebbe molto di più – commenta l’assessore Baronti – e pensavamo di utilizzare le nostre risorse per interventi aggiuntivi, visto che questi dovevano essere finanzia ti con risorse statali già stanziate e tutta la procedura era stata già approvata dal Ministero. In ogni caso la delibera regionale vale come anticipazione e se i finanziamenti statali dovessero essere ripristinati, la Regione potrà dare il via ad ulteriori interventi. Intanto però – conclude l’assessore – evitiamo che si perda altro tempo prezioso. Inoltre, già dalle prossime settimane, l’azione di verifica, monitoraggio e rendicontazione che abbiamo portato avanti in questi mesi ci mette nella condizione di liberare nuove consistenti risorse che potranno essere reinvestite per dare il via ad ulteriori interventi».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.1.2009. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 10 giorni, 15 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it