PIOMBINO: IMPORTANTE ASSEMBLEA SULLA VARIANTE URBANISTICA

Recentemente, nel mese di ottobre, il Consiglio Comunale di Piombino ha adottato una Variante al Piano Strutturale del 2007 e al P.R.G. del ’94 (ancora vigente), riguardante le aree della grande industria, le aree portuali, le aree per la nautica e le relative infrastrutture.
L’associazione “Democrazia e territorio” ha aperto un forum sul proprio sito www.democraziaeterritorio.it per iniziare a parlarne e organizza per il giorno 2 Dicembre un INCONTRO PUBBLICO alle ore 21 presso il centro Giovani a Piombino. Leggiamo insieme i temi che saranno trattati.

«L’ “Accordo di Programma Quadro Piombino-Bagnoli” (APQ), sottoscritto il 21 dicembre 2007 – commenta l’associazione – prevedeva che prima di dar corso alle “casse di colmata”, l’Autorità Portuale dovesse adottare un nuovo Piano Regolatore del Porto; successivamente veniva sottoscritta un’intesa di pianificazione tra il Comune di Piombino e l’Autorità Portuale nella quale si decideva di variare di conseguenza anche il Piano Regolatore Comunale ed il Piano Strutturale per adeguarli alle nuove previsioni.

La “Variante al PRG e al PS, portualità, distretto della nautica, riassetto delle aree industriali, infrastrutture connesse”, è di fatto l’essenza della pianificazione territoriale della città di Piombino.
Una Variante urbanistica che, una volta approvata, determinerà le direttrici di marcia dell’intera economia di Piombino e della Val di Cornia.
La fase ormai dichiaratamente recessiva che caratterizza le economie mondiali e segnatamente i paesi “strutturalmente” più deboli ed esposti come l’Italia, impone più che mai oggi, anche alla pianificazione territoriale degli enti locali, quando si affrontano temi strategici e di ampia portata, di compiere le necessarie verifiche preliminari con chiarezza negli obiettivi, coerenza e realismo nelle scelte, certezza nelle coperture finanziarie. Tale atteggiamento di responsabilità deve per altro correlarsi direttamente con la partecipazione delle comunità locali e con la trasparenza degli atti amministrativi.

Come è noto, la legge consente ai cittadini, prima dell’approvazione di un atto urbanistico, di formulare su di esso osservazioni volte ad adeguarlo, perfezionarlo ed anche modificarlo prima che divenga definitivo. Nel nostro caso i termini per formulare le osservazioni alla Variante scadono il 22 dicembre 2008. “Democrazia e Territorio” ha ritenuto importante approfondire proprio in queste settimane (prima cioè dell’approvazione della Variante), la conoscenza dei contenuti e degli effetti di queste previsioni, facendone occasione di confronto e di dibattito collettivo.

I risultati, le acquisizioni e le consapevolezze che emergeranno dallo scambio delle idee e delle differenti posizioni potranno costituire materiale utile per la messa a punto di osservazioni alla Variante, condivise e partecipate, da sottoporre all’attenzione del Comune di Piombino.
L’associazione – conclude il comunicato di “Democrazia e Territorio” ha aperto un forum sul proprio sito www.democraziaeterritorio.it per iniziare a parlarne e organizza per il giorno 2 DICEMBRE INCONTRO PUBBLICO alle ore 21 presso il centro Giovani a Piombino».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.11.2008. Registrato sotto sociale. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 22 giorni, 5 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it