ANCHE GLI STUDENTI PIOMBINESI CONTRO IL DECRETO GELMINI

Anche gli studenti piombinesi dicono no al dl del ministro dell’istruzione Gelmini, dopo le grandi mobilitazioni che si sono succedute in altre parti d’Italia. I ragazzi del liceo Carducci e quelli dell’Itis Pacinotti hanno aderito allo sciopero nazionale promosso dall’Uds, l’Unione degli studenti, che si terrà venerdì mattina alle 8.30, proprio di fronte al liceo. Qui è previsto un Sit in.

A non convincere sono sia la forma sotto cui è stata presentata la legge –quella del decreto, che taglia le gambe a qualsiasi possibilità di confronto e di modifica- sia i suoi contenuti. Il Comitato studentesco piombinese sottolinea, infatti, la gravità delle norme volute dalla Gelmini: dai forti tagli alla scuola, a quelli alla ricerca universitaria, tutto concorre alla svalutazione dell’importanza dell’istruzione a tutti i livelli.

Giovedì 30 ottobre inoltre è stata fissata dai sindacati di categoria (Uil Scuola, Cisl Scuola, Flc-Cgil, Snals-Confsal e Gilda) come data per uno sciopero generale della scuola contro la riforma del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini. Dopo un ultimo, e fallito, tentativo di conciliazione presso il ministero di via di Trastevere – ”abbiamo registrato una risposta negativa rispetto alle nostre rivendicazioni”, si legge in un comunicato dei sindacati che hanno quindi annunciato compatti una manifestazione a Roma per l’ultimo giovedì di ottobre.

Intanto, il decreto Gelmini prosegue la sua corsa contro il tempo. Questo giovedì 9 ottobre, alla Camera è previsto il voto definitivo. Poi il provvedimento passerà al Senato. Il tutto entro e non oltre il 31 ottobre, data di scadenza del decreto.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.10.2008. Registrato sotto Giovani e Sapere. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 14 giorni, 20 ore, 57 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it