SAN VINCENZO: APPROVATA LA VARIANTE PER RIMIGLIANO

Il Consiglio comunale approva la Variante al Piano Strutturale per la Tenuta di Rimigliano, contraria l’opposizione che chiede la ripubblicazione dell’avviso.

Via libera definitivo del Consiglio comunale sanvincenzino alla Variante al Piano Strutturale per la Tenuta di Rimigliano. Tra gli argomenti in discussione nella seduta di ieri pomeriggio, la Variante, l’atto di panificazione urbanistica forse più dibattuto negli ultimi dieci anni a San Vincenzo, ha concluso il suo percorso normativo dopo poco più di tre anni dal suo avvio, avvenuto il 2 agosto del 2005, sempre con il voto del Consiglio Comunale.
Nel merito i contenuti dell’atto rimangono gli stessi portati in adozione nel febbraio scorso, visto che le 11 osservazioni pervenute sono state tutte respinte.

Il dibattito in Consiglio si è però concentrato sulla pubblicazione dell’avviso di apertura delle osservazioni alla Variante sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Le minoranze Forum di Centro Sinistra e Cambiare San Vincenzo hanno denunciato la presenza di un errore formale all’interno dell’avviso, che secondo loro costituisce un motivo sufficiente per procedere alla pubblicazione di un nuovo avviso, con ulteriori 45 giorni di tempo per presentare le osservazioni. In particolare, il passo dell’avviso oggetto di contestazione da parte delle minoranze è il seguente:

“…RENDE NOTO che lo strumento della pianificazione territoriale, in oggetto è depositato nella sede Comunale – ufficio urbanistica (stanza n. 31), – per quarantacinque giorni consecutivi, a partire dalla data di pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana del presente avviso, durante i quali chiunque può prenderne visione. Entro e non oltre il termine perentorio di quarantacinque, decorrenti dalla data di inizio del deposito, coincidente con la data di pubblicazione sul B.U.R.T. chiunque può presentare le osservazioni che ritenga opportune. Le osservazioni dovranno pervenire al protocollo generale del comune in duplice copia.”

Manca in sostanza l’unità di misura (giorni) dopo la parola quarantacinque, anche se tre righe sopra c’è scritta.

In particolare il Forum di Centrosinistra rimane convinto, anche per evitare possibili ricorsi al TAR, della necessità di una ripubblicazione dell’avviso, come già accaduto del resto con questa pubblicazione, che segue la prima avvenuta a marzo di quest’anno e che l’Amministrazione ha deciso di ripetere riportando l’atto in Consiglio comunale, perché anche quella conteneva un errore di carattere formale.

Questa volta però il sindaco e la maggioranza hanno approvato l’atto, dichiarando di non avere intenzione di procedere a una nuova pubblicazione dell’avviso. Secondo il sindaco Biagi, infatti, “bisogna chiedersi se nonostante la mancanza di una parola, per chi legge l’avviso siano comunque chiari i termini entro cui era possibile presentare le osservazione e a noi, leggendolo, sembra proprio di sì.” Il Consiglio ha dunque proceduto con l’approvazione della Variante.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.9.2008. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 16 giorni, 23 ore, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it