ANSELMI FAVOREVOLE A UNA GESTIONE PUBBLICA DELL’ASA

Come sempre quando si avvicinano le elezioni i politici sono sempre più ragionevoli, e finalmente si muove qualcosa sulla ripubblicizzazione di ASA, l’azienda che gestisce gli acquedotti in provincia di Livorno. Anche il sindaco di Piombino Gianni Anselmi interviene sulla questione e si dichiara in sintonia con il sindaco di Livorno Alessandro Cosimi sulla riacquisizione del 100% dell’azienda ai comuni. Speriamo bene…

«D’intesa con Cosimi, prendiamo atto dell’insoddisfazione circa la qualità dei rapporti con il socio semi-privato di ASA, AMGA, che attualmente detiene il 40% delle azioni. Per questo – annuncia Anselmi- saremo favorevoli a sostenere quanto prima nella conferenza dei sindaci, la volontà di riacquistare alla pubblica proprietà dei comuni la titolarità dell’intero capitale azionario di ASA, in modo da recuperare la possibilità di incidere al meglio sulla gestione dell’azienda e di garantire un servizio più vicino ai bisogni del territorio e dei suoi cittadini.

«Siamo consapevoli che il processo non sarà del tutto indolore – precisa il sindaco – perché porterà a una valutazione degli asset aziendali con evidenti implicazioni finanziarie per i comuni partecipanti. Tutti motivi per i quali un intervento sugli assetti, definiti nella fase finale della scorsa legislatura, ha sinora tardato.
Nel frattempo sono stati disdettati nei tempi previsti i patti parasociali con Amga, nella convinzione che anche gli equilibri all’interno degli organi di gestione debbano cambiare.

Non si può pensare infatti che a responsabilità eminentemente pubbliche – conclude il sindaco – corrisponda un consiglio di gestione a maggioranza privato, lasciando al pubblico la maggioranza solo nel consiglio di sorveglianza, che svolge funzioni di controllo formale e non direttamente operative».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.9.2008. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 4 ore, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it