PS: IL MINI TOUR DELLE PROVETTE E’ COMUNQUE A RISCHIO

I socialisti non ci stanno al mini tour delle provette. E mentre la direzione dell’ASL, tramite un comunicato spiega che «Il trasferimento a Livorno di una piccola parte delle analisi oggi effettuate a Villamarina è un intervento coerente, lungamente ponderato, teso a migliorare l’efficienza generale della sanità piombinese, di cui l’argomento è stato lungamente trattato anche in sede di Società della salute della Val di Cornia.

Un intervento che, continua il comunicato dell’ASL 6 «rientra negli interventi generali individuati dalla Regione per mantenere l’efficienza organizzativa della sanità regionale», i socialisti proprio non ci stanno a questo analisi paventando rischi di errori che a detta dell’ASL con la gestione di qualità non ci saranno, ma che nei fatti sono sempre possibili. Leggiamo insieme.

«Riparte, anche se in forma cosiddetta “mini”, il tour delle provette – commenta Stefano Ferrini dei Socialisti piombinesi – proprio mentre pochi giorni fa si è letto sulla cronaca livornese che l’ASL ha scoperto, dopo un anno, degli errori compiuti su esami oncologici per la prevenzione del tumore al colon retto e che cento livornesi, di età compresa tra i 50 ed i 70 anni, hanno ricevuto risposte di esami sbagliate. Addirittura su questa vicenda di errori è intervenuto anche il Direttore Sanitario richiamando il dolo e la magistratura è intervenuta per accertare i fatti. Con quale serenità quindi possiamo accettare che questo tour, seppur in formato mini perché dovrebbe riguardare il 6% delle analisi che attualmente si svolgono a Piombino, riparta? Ce lo chiediamo e lo chiediamo alle altre forze politiche, all’On. Silvia Velo, al Presidente della Società della Salute Giampaolo Pioli, al Sindaco di Piombino Gianni Anselmi.

Sappiamo che i rapporti con la Asl non sono facili e che ogni volta siamo sulla difensiva per evitare che sempre nuovi servizi vengano dirottati su Livorno, ma è evidentemente proprio questa impostazione che va cambiata. C’è un’emergenza sanità che deve essere affrontata. E la situazione peggiora nel periodo estivo in molti reparti, dal pronto soccorso alla pediatria a medicina, per le presenze dei turisti. Occorre allora una strategia concreta di rilancio su cui concentrare le forze e ricercare le alleanze con altre realtà interessate, piuttosto che pensare a futuribili idee di trasferimento dell’ospedale in altra posizione che, anche se interessanti, sono sicuramente di lungo periodo e non risolvono i problemi dell’oggi.

Chiediamo quindi – conclude il Partito Socialista – che al più presto le Istituzioni locali organizzino una conferenza provinciale sulla sanità dove si affronti, coinvolgendo la Asl, tutti gli operatori, i sindacati, le associazioni varie ed i livelli regionali di governo, il tema del futuro ed ancor di più del presente della nostra sanità».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.9.2008. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 19 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it