PIOMBINO: LA STORIA SULL’ANFORA D’ARGENTO AL MUSEO

S’intitola “Un’anfora da raccontare” il viaggio teatrale sulle tracce dei miti raffigurati sulla preziosa anfora d’argento, custodita nel Museo archeologico del territorio di Populonia, a Piombino. Una speciale visita guidata, in programma giovedì 28 agosto alle ore 21 in compagnia dell’attore Federico Guerri, che si propone di far scoprire, in chiave inedita, le storie delle divinità orientali, da Mitra e Attis, fino alla favola di Amore e Psiche, come la storia del recupero e restauro dell’anfora più sorprendente del Tirreno.

Fusa in argento massiccio del IV secolo dopo Cristo, il vaso, del peso di oltre sette chilogrammi, è impreziosito da 132 medaglioni in rilievo, con figure che sembrano dialogare tra loro, seguendo il filo del mito che intreccia le singole storie. Dai numerosi amori di Afrodite, a quello speciale di Dioniso per Arianna, al famoso giudizio di Paride, che fu all’origine della guerra di Troia. Ma tutto ciò che compare sulla preziosa anfora è evocativo, a partire dalle sette fasce decorate, che richiamano il sistema dei pianeti su cui gli antichi costruivano le loro liturgie e tentavano di interpretare la realtà. Una serie infinita di possibili storie, a cominciare dal suo fortunoso ritrovamento nelle acque del Golfo di Baratti. Recuperata nel 1968, dal relitto di una nave romana di età imperiale, ha passato anni in un laboratorio di restauro, poi è stata esposta al pubblico nel piccolo museo di Populonia.

Dal 2001, dopo un nuovo restauro che le ha donato una luminosità straordinaria, fa bella mostra di sé nel Museo archeologico di Piombino. La sagoma analoga a quella dei vasi prodotti nel Mediterraneo orientale, fa pensare che sia stata realizzata sulle rive del Mar Nero. Una nave diretta verso un porto sconosciuto l’ha portata sulla costa di Baratti.
Un viaggio teatrale alla scoperta di un antico percorso iniziatico verso l’immortalità, dal culto di Mitra, di Dioniso e della Grande Madre Cibele, con il suo compagno Attis, adatto anche a un pubblico di bambini. L’ingresso al costo di 5 euro, gratuito sotto i 6 anni. Per informazioni e prenotazioni telefonare allo 0565226445.

Dove e quando: “Un’anfora da raccontare” presso il Museo archeologico del territorio di Populonia, a Piombino, giovedì 28 agosto alle ore 21. L’ingresso al costo di 5 euro, gratuito sotto i 6 anni.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.8.2008. Registrato sotto cultura. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 13 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it