WWF: GRAN BRETAGNA, SESTA MAGGIORE IMPORTATRICE DI ACQUA AL MONDO

150 litri d’acqua al giorno è la quantità d’acqua che una persona in Gran Bretagna consuma per bere e per l’utenza domestica. Ma il consumo ‘virtuale’, quello cioè nascosto nel cibo, nell’abbigliamento e in altri beni è 30 volte superiore ed equivale a 58 vasche da bagno piene d’acqua ogni giorno.

Nel dossier “UK Water Footprint: the impact of the UK’s food and fibre consumption on global water resources” lanciato oggi dal WWF, in occasione della Settimana mondiale dell’acqua in corso a Stoccolma, Stuart Orr, esperto di impronta ecologica dell’acqua del WWF afferma che la Gran Bretagna è la sesta maggiore importatrice di acqua al mondo.

“Lo studio ci dimostra che solo il 38% dell’acqua usata dai cittadini britannici proviene dai fiumi, dai laghi e dal sottosuolo del Regno Unito – commenta Michele Candotti, Direttore generale del WWF Italia – Il resto è importato e si nasconde nei beni primari e di largo consumo che il paese compra dall’estero. Il paradosso è che moltissimi di questi prodotti provengono da aree del mondo in cui le risorse idriche sono già sotto stress o lo diventeranno presto”.

Per coltivare un pomodoro importato dal Marocco servono 13 litri d’acqua, in una tazzina di caffè se ne nascondono 140, in una camicia di cotone del Pakistan o dell’Uzbekistan 2.700, provenienti dal fiume Indo o da altri corsi d’acqua che alimentano il Lago di Aral nell’Asia Centrale. Gli eccessivi prelievi per l’irrigazione dei campi di cotone hanno significato per il Lago di Aral una perdita d’acqua del 60% in estensione e dell’80% in volume. negli ultimi 40 anni, con conseguenti danni alle comunità locali e alla biodiversità (il delfino d’acqua dolce presente nell’Indo corre il serio rischio di estinguersi).

Volendo restare in Europa si può fare il caso della Spagna: comprare uva e arance spagnole significa farlo in un paese dove, all’inizio di quest’anno, l’acqua potabile è stata importata via nave dalla Francia.

“Non è intuitivo pensare che ci voglia più acqua per nutrirsi e vestirsi, di quanta non sia necessaria per dissetarsi o lavarsi. – prosegue Candotti – Eppure in ciò che mangiamo, negli abiti che indossiamo sono contenuti incredibili quantità di prezioso oro blu. Per questo è necessario che governi e aziende private identifichino presto le regioni del Pianeta a rischio di stress idrico e adottino soluzioni adeguate per un uso sostenibile dell’acqua”

Il WWF UK incoraggia alcune delle maggiori aziende britanniche, come Marks and Spencer, a calcolare la propria impronta ecologica dei consumi d’acqua. Un calcolo che stabilisca quanta acqua viene consumata sia per i processi produttivi che per lo stoccaggio e l’approvvigionamento.
Questo include l’acqua prelevata dai fiumi britannici e quella dei fiumi dove le materie prime crescono o sono lavorate.

In India e Pakistan il WWF sta lavorando con gli agricoltori che coltivano piante con grossi fabbisogni idrici quali il riso, il cotone e la canna da zucchero per mettere a punto pratiche agricole che riducano la necessità d’acqua pur mantenendo elevati livelli di produzione. Per la canna da zucchero, ad esempio, si è raggiunta una riduzione dell’uso di acqua del 40% con un aumento della produzione di un terzo.

Note:
Dossier disponibile, in inglese su http://www.wwf.org.uk/freshwater
Per saperne di più sui consumi d’acqua: http://www.waterfootprint.org/

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.8.2008. Registrato sotto grilloparlante. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 25 giorni, 5 ore, 8 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it