SAN VINCENZO: TUTTI PAZZI PER LA PALAMITA?

Sotto la regia di Fulvio Pierangelini torna il 24 e 25 maggio la Festa della palamita. Evento clou il pranzo per le sanvincenzine di una certa età.

L’arrivo in piazza della Vittoria delle signore nate prima del 1 gennaio 1945 è previsto per le 12 e 30 di domenica 25 maggio. Alle 13 saranno loro, signore di una certa età che cucinano da una vita, ad essere servite dai volontari del nuovo Comitato per la promozione di San Vincenzo. A cucinare per loro sarà Fulvio Pierangelini, che quest’anno torna da protagonista ad occuparsi della manifestazione enogastronomica più importante del Comune, curandone la direzione artistica e l’organizzazione.

L’edizione 2008 della Palamita si apre sabato 24 in quei ristoranti di San Vincenzo che hanno aderito e che presenteranno ai clienti sia a pranzo che a cena un menù dedicato al pesce azzurro. E’ consigliata la prenotazione. Domenica 25, invece, dopo il pranzo per le signore, a partire dalle 15 e 30 lo scenario della festa si sposta nella zona compresa tra la Torre di San Vincenzo e piazza della Vittoria, con un vero e proprio percorso gastronomico da seguire. Si partirà dai cibi da strada, quelli cioè che una volta si trovavano nelle bancarelle, piatti popolari rivisitati per l’occasione. Protagonista il polpo lesso, in onore del Nini, il pescatore sanvincezino scomparso alla fine del 2007 che per decenni ha cucinato e servito il polpo lesso nelle feste e sagre del paese. Ci sarà anche la pitta, una focaccia ripiena di acciughe e verdure, il cappon magro e come dolce la schiaccia alla campigliese. L’Arci Pesca di San Vincenzo cucinerà invece le sardine alla brace e presso il suo stand e ospiterà il semiologo Giovanni Manetti che sarà a disposizione dei visitatori per raccontare storie, tradizioni e spiegare i significati delle parole legate al mondo della pesca. Tutti i cibi da strada saranno offerti gratuitamente ai visitatori.

Nel giardino della Torre, infine, i ristoratori che hanno aderito alla manifestazione presenteranno per la degustazione piatti a base di pesce azzurro accompagnati da abbinamenti con i vini locali e nazionali proposti dall’AIS, l’Associazione Italiana Sommelier. Il laboratorio artigianale Gusto Etrusco di San Vincenzo e le Pescherie La Bancarella e Martin Blue, cureranno una parte espositiva dei vari tipi di pesce azzurro e delle varie tecniche di lavorazione. Spazio anche ai produttori locali di alimenti biologici che proporranno i loro prodotti in uno stand a loro dedicato. Le degustazioni offerte dai ristoratori in abbinamento con i vini sono a pagamento.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 10.5.2008. Registrato sotto sagre_feste. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 13 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it