A GIUGNO L’OK PER LA CENTRALE A BIOMASSE DI CAMPIGLIA?

Si è chiusa con un rinvio a data da destinarsi la conferenza dei servizi della Provincia che giovedì 3 aprile scorso si è riunita per pronunciarsi sul sì o sul no all’impianto, della potenza elettrica di 17 Mw, proposto dalla Er Energia rinnovabile Campiglia Marittima srl di Occimiano (Alessandria).

L’impianto dovrebbe nascere nella zona di Casalpiano, area agricola di confine tra Campiglia e Suvereto, nella piana di Cafaggio, impianto che deve anche riscaldare le serre della Floricoltura Magnani di Viareggio su una superficie di circa 7 ettari.

Il supplemento di informazioni però sembra che non interessino i temi delle emissioni ma gli aspetti idrici, strutturali dell’impianto e la connessione alla rete elettrica, che dipende anche dall’esproprio dei terreni per raggiungere il nodo di Suvereto.

Tutto rimandato a non prima dell’estate, ma siamo sicuri che in questi mesi molte saranno le pressioni politiche che agiranno sulla provincia di Livorno. Vediamo intanto il comunicato del Partito della rifondazione comunista.

«Il progetto di una grande centrale a biomasse sta, a ragione, attraendo l’attenzione e la preoccupazione di molti e diversi soggetti – commenta il comunicato del PRC.

Con la stessa preoccupazione il Comune di Campiglia Marittima è stato il primo, diversi mesi fa, a farsi portavoce della necessità di rendere coerenti i temi della produzione di energia da fonti rinnovabili e del buon governo del territorio. Sul progetto di una centrale a biomasse di tali dimensioni nella pianura del Cornia il Comune ha già espresso con vigore la propria contrarietà. In merito agli interventi apparsi sulla stampa locale ci sorprende l’apparente carenza conoscitiva sulla normativa nazionale e regionale vigente in materia.

Ad esempio – continua il comunicato – le leggi nazionali e regionali affidano alle province la competenza del procedimento unificato mentre il ruolo dei comuni è limitato all’espressione di un parere di conformità urbanistica. Attualmente è in corso la fase istruttoria del progetto della centrale e dal confronto con i tecnici della Provincia di Livorno è emersa la necessità di un’integrazione documentale della pratica.

La legge regionale demanda al programma di miglioramento aziendale la dimostrazione del possesso dei requisiti oggettivi e soggettivi per la trasformazione del territorio rurale, compreso quindi la realizzazione di serre fisse che vengono considerate al pari di annessi agricoli. Il programma aziendale è stato approvato dal Comune previa acquisizione del parere agronomico rilasciato dall’ufficio agricoltura del Circondario della Val di Cornia.

Una volta rispettati i parametri agronomici stabiliti dalla normativa regionale e dal PTC provinciale – conclude il PRC – il Comune non alcuna possibilità di negare la realizzazione di serre, essendo queste considerate al pari di qualunque annesso agricolo, cantina o frantoio».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.4.2008. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 20 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it