CAVE E LOTTIZZAZIONE BORGO NUOVO: VA DAVVERO TUTTO BENE?


A gentile richiesta pubblichiamo un comunicato del Comitato per la difesa di Campiglia:

«Cave e lottizzazione Borgo Nuovo: per la Sindaca di Campiglia on. Velo va tutto bene. Nella conferenza di fine anno nessun dubbio sull’operato della sua giunta nonostante siano eclatanti i danni e le contraddizioni del suo operato».

«Sulle cave assicura che “mai come in questi anni sono state oggetto di severo controllo”, ma tace sui gravi episodi degli ultimi due anni: due incidenti mortali sul lavoro e una mina che ha scagliato pietre nel parco di San Silvestro, mettendo a repentaglio l’incolumità dei visitatori e costringendo lo stesso Comune a chiudere una parte del parco. Tace sulle difficoltà nella gestione dei servizi del parco, come l’ostello di Palazzo Gowett (100 posti letto) e il centro di documentazione di Villa Lanzi, realizzati con soldi pubblici e ora costretti a ridurre le attività per le polveri, i rumori, le esplosioni di mine.

Assicura, il Sindaco, che a Monte Calvi tutto procede come previsto nei piani approvati 10 anni fa, omettendo di dire che quei piani sono stati modificati, prorogati nei termini fino al 2018 e soprattutto che è stata “liberalizzata” la vendita del calcare ben oltre le esigenze delle industrie locali per le quali la cava di Monte Calvi era stata autorizzata: una scelta che ha provocato un’enorme accelerazione delle escavazioni e dei problemi ambientali.
Sui ripristini ambientali il sindaco assicura che tutto procede come nei piani approvati. Se è così ci chiediamo come sia stato possibile approvare piani che in decenni di attività non hanno prodotto neppure un metro quadro di ripristino ambientale, come la cava di Monte Valerio, o interventi irrisori sul crinale nella cava di Monte Calvi. Siccome quella cava deve cessare nel 2018 con il completo ripristino dei gradoni, chiediamo alla Sindaca se non si sia posta il problema che mancano solo 10 anni al termine e che forse è necessario accelerarli.

Prendiamo invece atto dalle dichiarazioni della Sindaca che “si sono rese necessarie solo due variazioni per anticipare la coltivazione in una zona”. Sarebbe opportuno che spiegasse meglio queste decisioni perché da quanto sta accadendo nelle cave sembra che l’amministrazione manifesti molta sensibilità ai problemi delle escavazioni ma molto meno a quella dei ripristini ambientali e al funzionamento del parco comunale di San Silvestro.
In realtà sulle colline campigliesi si sta consumando uno scempio ambientale che non si ferma neppure di fronte ai beni culturali e al paesaggio che il Comune aveva inteso salvaguardare, investendo risorse finanziarie proprie e dell’UE. Un esempio di cattiva amministrazione che getta un’ombra pesantissima sui propositi di tutela e di sviluppo turistico. Uno scempio denunciato da associazioni ambientaliste e da decine di personalità della ricerca e della cultura, dal compianto Prof. Riccardo Francovich, padre del parco, fino alla recente denuncia del Prof. Settis dalla pagine del Sole 24 ore.

Che questa sensibilità manchi è confermato dalla determinazione con la quale la stessa Sindaca intende procedere per la lottizzazione di Borgo Nuovo: nessun ripensamento. Ne prendiamo atto e registriamo che a nulla valgono neppure le cose che si dicono nei convegni organizzati dallo stesso Comune, in particolare sugli evidenti limiti della normativa che regola le RTA e che ne favorisce la trasformazione in seconde case; a nulla valgono i richiami alla tutela dei beni culturali, del paesaggio collinare e dello stesso centro storico: risorse che rappresentano un bene straordinario per la comunità e per la stessa qualificazione turistica di Campiglia.
Nonostante le chiusure dell’amministrazione comunale, il Comitato per la difesa di Campiglia proseguirà nell’opera di sensibilizzazione verso la tutela di questo patrimonio, alla quale non è per nulla estranea questa comunità. Crescono, infatti, le adesioni di cittadini locali e di persone che hanno scelto di vivere o di trascorrere le proprie vacanze in una terra che amano e che vorrebbero vedere valorizzata: cosa che a Campiglia non sta accadendo come sarebbe possibile».


Comitato per la difesa di Campiglia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.1.2008. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 10 giorni, 15 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it