NOTIZIE DALLA VAL DI CORNIA DEL 9 NOVEMBRE 2007

Vediamo insieme le notizie di cronaca di oggi dalla Val di Cornia.

PROTEZIONE CIVILE: IN ARRIVO MAREGGIATE SU COSTA E ISOLE

Stato di allerta, sulla costa e sulle isole dell’Arcipelago, dalle 10 di venerdì, alla mezzanotte di sabato.

L’avviso di criticità, a causa di possibili mareggiate, è stato emanato dalla sala operativa unificata permanente della Protezione civile della Toscana e riguarda in particolare le isole dell’Arcipelago toscano, la Val di Cornia e la foce dell’Arno.

Dalla mattina di sabato è previsto un rinforzo del vento sino ad arrivare a violente raffiche e burrasche; ciò provocherà mareggiate e possibili disagi alla circolazione nei tratti stradali vicini alla battigia, rischio di danneggiamenti agli stabilimenti balneari, ritardi nei collegamenti marittimi, problemi alla navigazione e alle attività marinare. Il forte vento porterà con sé anche il rischio di blackout elettrici e telefonici, problemi alla circolazione stradale e possibilità di caduta di alberi, cornicioni e tegole e danneggiamenti alle strutture provvisorie.


VENTURINA: SE FARE UNA FIERA COSTA 5 MILIONI

Riportiamo un comunicato del Cantiere della Democrazia sulla nota vicenda CEVALCO.

«Tramite un apposito gruppo di lavoro costituito alcuni mesi fa, il Forum della democrazia prosegue l’analisi delle aziende pubbliche partecipate, con l’obiettivo di elaborare una mappa del potere e delle criticità in Val di Cornia. Ora l’attenzione si concentra sulla Cevalco, su cui il Comune di Campiglia vuole spendere un sacco di soldi.

Dopo svariati esercizi chiusi in costante perdita, dopo un intervento di ricapitalizzazione dei comuni soci della CE.VAL.CO (a spese dei contribuenti), dopo l’ennesimo esercizio chiuso in perdita, il socio principale, cioè il comune di Campiglia, si appresta ad acquistare ciò che è già suo per il 47%. Sta facendo un leasing per 3 milioni e 242.000 euro che per 15 anni costerà 350.000 euro l’anno più anticipazioni e riscatto finale: un’operazione che complessivamente costerà alla collettività oltre 5 milioni di euro. In questo modo dopo aver accollato sulle finanze pubbliche un peso di circa 200.000 euro annui per le gestioni passate della Cevalco, ci si appresta ad accollare, sempre alla collettività, il costo del leasing per gli anni a venire.

Due domande nascono spontanee. La prima è: quante volte i cittadini del Comune di Campiglia e della Val di Cornia devono pagare la Cevalco? Una per acquisire il capitale iniziale, una per ripianare le perdite, una per fare il leasing…. Sembra una salata novella dello stento.

La seconda domanda è “Per fare cosa?” la risposta nota è: “una fiera all’anno, simile ad un grosso mercato paesano, e quest’anno anche una mostra di modellismo.” Un po’ poco in rapporto a tutti i soldi che si spendono per la Cevalco. Ora si apprende che malgrado una gestione fallimentare che ha visto dissolversi nel nulla centinaia di migliaia di euro di denaro pubblico, senza che mai gli amministratori della società abbiano pagato per le proprie responsabilità, si propone un altro investimento enorme di denaro pubblico, per tenere in piedi una società che non svolge alcun servizio pubblico essenziale.

Questa operazione serve solo per continuare a sorreggere la pessima gestione di Cevalco con una operazione finanziaria su cui la Corte dei Conti avrà forse qualcosa da dire: la società vende al Comune beni immobili e con l’incasso pagherà i consistenti debiti, una girandola di milioni che non porterà nessun beneficio al servizio pubblico. Ciò avviene in un modo non chiaro e discutibile: attraverso il leasing viene eluso il patto di stabilità, che è legge dello Stato, come ha platealmente dichiarato alla stampa un assessore comunale di Campiglia: “la scelta del leasing è dettata dal vincolo del patto di stabilità, che ci impedisce di accendere nuovi mutui”. In pratica una confessione di aggiramento delle regole. È una decisione che va anche contro la raccomandazione del governo Prodi, che ha invitato i comuni ad uscire dalle società che non svolgono servizi pubblici essenziali. Si continua a spendere inutilmente denaro pubblico mentre a parole si dice di voler ridurre il costo della politica».


Forum della democrazia


PIOMBINO: DONNA E SCIENZA, INCONTRO IN CITTADELLA

“Il tè delle cinque”, la rassegna di incontri tematici organizzata dalla Commissione Pari Opportunità, prosegue venerdì 9 novembre alle ore 17 presso la sala del museo archeologico di Cittadella con Elisabetta Palagi.

Biologa con un dottorato di ricerca in biologia evoluzionistica e curatrice della sezione vertebrati del Museo di storia naturale dell’università di Pisa, Elisabetta Palagi conclude il ciclo di incontri dedicati al rapporto tra donna e scienza, avviati lo scorso 12 ottobre.

Gli appuntamenti proseguiranno poi nelle prossime settimane, dal 16 novembre al 14 dicembre, su temi legati alla famiglia direttamente con le operatrici del consultorio.

La Commissione, nata a Piombino nel 1995 allo scopo di diffondere e attivare i principi di pari opportunità tra uomo e donna, è aperta a tutte le donne che hanno voglia di confrontarsi e di lavorare insieme sulle tematiche femminili.

Per contatti, commpariopportunita@comune.piombino.li.it tel. 0565 226346, via Cavour 56.

VENTURINA: IN PARTENZA IL 12°EXPO MODEL

Anche quest’anno il Comune di Campiglia Marittima ha assicurato il proprio patrocinio all’Expo Model, la rassegna di modellismo statico e dinamico giunta alla 12° edizione che si svolgerà nell’area fieristica di Venturina il 10 e l’11 novembre prossimo. A tagliare il nastro sabato 10 novembre alle 10.00 sarà l’assessore provinciale alla cultura Monica Giuntini.

L’Expo-Model Venturina, giunge quest’anno, dopo un più volte confermato e sempre crescente successo, alla sua dodicesima edizione. L’impegno che il Comitato Cittadino Venturina rivolge con entusiasmo a questa manifestazione, ha lo scopo di promuovere l’attività sociale anche attraverso il modellismo, e fa di quest’evento uno tra i più importanti appuntamenti a livello nazionale.

La manifestazione riceve consensi da parte di un vasto pubblico che ogni anno esprime positivi giudizi per l’iniziativa, così come da parte dei modellisti più affermati che provengono ormai un po’ da tutta Italia e dall’estero. Molto apprezzati sia la borsa scambio, sia il concorso di modellismo, resi noti anche attraverso la stampa specializzata ed i siti internet che trattano questo settore.

Lo spettacolo offerto al visitatore dall’Expo è caratterizzato dalla presenza di piccoli e grandi plastici ferroviari in movimento, esibizioni dinamiche di modelli radiocomandati quali aerei, elicotteri ed auto, ma anche dalla presenza di originali e rari pezzi da collezione di reali auto, moto e trattori agricoli d’epoca che quest’anno caratterizzeranno più che mai l’edizione 2007.

In particolare i Trattori e Mezzi d’Epoca assieme al Museo del Lavoro, visitabile nella stessa area fieristica, rappresentano un importante periodo della storia locale e del nostro territorio.

La 12° ExpoModel Venturina 2007 si svolgerà nell’area fieristica della Cevalco spa a Venturina in via della Fiera, il prossimo sabato 10 e domenica 11 Novembre 2007 con apertura al pubblico dalle ore 10,00 alle 19,00.

L’archivio della manifestazione delle passate edizioni e le news, sono visitabili sul sito del Comitato Cittadino Venturina alla pagina: www.comitatocittadinoventurina.li.it/expomodel.html


PARCHI VAL DI CORNIA VERSO IL TURISMO SOSTENIBILE

Un passo deciso e concreto verso la sostenibilità. Centrata dalla società Parchi la certificazione Iso 14001, ovvero lo standard internazionale (Uni En Iso 14001:2004) che attesta l’impegno per conseguire un miglioramento ambientale nell’esercizio delle proprie attività.

A rilasciare la prestigiosa certificazione Rina, organismo indipendente accreditato, che ha verificato come in concreto la Parchi Val di Cornia Spa intende minimizzare l’impatto ambientale dei propri processi, prodotti e servizi, nell’intero sistema dei parchi distribuiti sul territorio, attestando l’affidabilità del sistema di gestione ambientale applicato, che è basato sulla conformità legislativa, il miglioramento continuo delle proprie performance ambientali e la prevenzione dell’inquinamento.

“È il segno di un rinnovato impegno per fare dei parchi, uno strumento per perseguire, direttamente e indirettamente, lo sviluppo sostenibile del nostro territorio, in armonia con il processo di Agenda 21 locale, gestito dal Circondario della Val di Cornia, ed il relativo Piano d’Azione Locale recentemente approvato. – afferma Luca Sbrilli, presidente Parchi Val di Cornia Spa – La rete dei Parchi, infatti, è parte fondamentale di un sistema territoriale integrato di valorizzazione culturale, ambientale e di fruizione turistica”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 9.11.2007. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 16 giorni, 5 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it