CAMPIGLIA: MA COSA STA SUCCEDENDO DENTRO LE CAVE?

Manrico Gasperini, segretario del circolo Prc Campiglia-Venturina, rinnova ancora una volta l’allarme per quanto sta accadendo alla cava di Monte Calvi. Leggiamolo insieme.

«La situazione della cava di Monte Calvi è sempre più grave. Il già enorme fronte di cava si allarga a vista d’occhio nonostante l’avvio degli interventi di ripristino ambientale siano nei tempi previsti dal piano di coltivazione. Intanto le polveri coprono i lavoratori – continua Gasperini – i boschi e imbiancano mezza montagna, un sito d’interesse comunitario per la protezione della flora che pare non interessi più a nessuno, nemmeno al presidente della Parchi che, se non altro per una questione di credibilità, dovrebbe almeno far finta di preoccuparsi».

Invece per Gasperini «si ha l’impressione che gli impianti di frantumazione di Botramarmi siano del tutto fuori controllo con seri disagi per i lavoratori e per chi vive in quelle zone. Nella notte si vedono potenti riflettori in cava, segno evidente dell’aumento dei ritmi di lavoro e di escavazione come mai era accaduto in passato. I camion transitano nel parco fino a tarda ora provocando le legittime proteste del gestore dell’ostello. Dopo i gravissimi incidenti del 2006, il sindaco di Campiglia aveva promesso tempestivi interventi per regolare l’attività di cava, fare riaprire i territori chiusi al pubblico e mettere in sicurezza la strada che attraversa il parco: un intervento essenziale per la sicurezza dei lavoratori e per l’incolumità del pubblico. Chiediamo, intanto, cosa sia stato fatto per riportare la situazione alla normalità e per tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori e gli interessi del territorio».

Per il Prc inoltre è da rilevare «la non opportuna presenza dell’attuale presidente della Parchi come consulente del Comune nella commissione cave per il controllo dell’attività estrattiva. La cosa appare ancora più grave se si considera che questi episodi sono avvenuti dopo il passaggio della cava dalla proprietà Lucchini al gruppo presieduto dall’ex sindaco Banti, che in qualità di allora sindaco ebbe un ruolo di primo piano nello sviluppo delle cave. Un brutto esempio di commistione pubblico-privato. Banti, esponente di primo piano dei Ds, è infatti diventato presidente della Società cave di Campiglia come espressione della pubblica Asa, di cui era amministratore. Però, quando Asa è uscita dalla Società cave di Campiglia, Banti è rimasto presidente con i soli soci privati».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 3.10.2007. Registrato sotto Economia. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    40 mesi, 28 giorni, 13 ore, 31 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it