PIOMBINO: CONSIGLIO SPACCATO SU «CITTA’ ANTICA»

Dopo una lunga e tesissima discussione che si è protratta per tutta la mattina, il consiglio comunale, con una risicatissima maggioranza, ha adottato il Piano di recupero di Città Antica, relativo alla realizzazione del polo culturale nell’ex Ipsia di piazza Manzoni e alla riqualificazione degli ex licei e di piazza dei Grani.

Alla base della rottura con Sinistra Democratica, la richiesta iniziale da parte del presidente della IV Commissione Ilio Benifei, di rimandare la discussione in assenza dell’atto di convenzione che sarebbe dovuto essere allegato al Piano di recupero. Un atto che secondo Benifei rappresenta un elemento di valutazione fondamentale per capire i termini, i tempi e le caratteristiche del rapporto tra la parte pubblica e il soggetto privato che realizzerà le opere.
Messa in votazione, la richiesta di Sinistra Democratica è stata respinta con il voto contrario dell’Ulivo, dopo la replica dell’assessore Francardi, il quale ha espresso la volontà dell’amministrazione di discutere in maniera approfondita i termini della convenzione in un percorso non affrettato e riservato in maniera esclusiva a questo argomento, non necessariamente contemporaneo alla discussione del piano di recupero.

A favore del progetto si sono alla fine espressi solo il gruppo dell’Ulivo e il gruppo Misto, mentre una parte della maggioranza, rappresentata da Sinistra Democratica e Nuova Piombino ha pronunciato voto contrario insieme a Rifondazione Comunista e Verdi. Astenuta AN.

Il progetto, illustrato dall’assessore Francardi porterà, secondo gli ideatori, alla riqualificazione di una parte pregiata della città, con la ristrutturazione dell’ex Ipsia e la sua destinazione a polo culturale, con la valorizzazione di un asse storico importante, comprendente via Cavour e l’antistante piazza dei Grani, la realizzazione di oltre 50 alloggi di edilizia convenzionata, due nell’ex liceo scientifico e gli altri a Montemazzano.

Un’operazione senza precedenti, secondo l’amministrazione comunale e i partiti favorevoli, che ha l’obiettivo di rivitalizzare e recuperare alla vita sociale una zona attualmente degradata, attraverso finanziamenti pubblici e privati che prevedono quindi una sintesi e un equilibrio tra interesse generale e interesse privato.

Tra gli argomenti contrari sollevati dalle opposizioni, la presentazione di una Variante al Piano Regolatore, che accompagna il piano, con la quale si prevede la demolizione degli ex licei e la loro ricostruzione con un incremento dei volumi. «Una variante che non cambia comunque le condizioni del bando con il quale è stata assegnata la gara – come ha detto il sindaco nel suo intervento finale – e che interviene su strutture che non hanno alcune pregio storico, in una realtà urbana degradata e poco vissuta dai cittadini».

Altre perplessità di tipo architettonico, in merito alla struttura turistico alberghiera che andrà a sostituire i licei, sono state avanzate soprattutto da Rifondazione Comunista, insieme a dubbi sulla opportunità di realizzare 140 parcheggi interrati sotto la ricostruita piazza dei Grani. Altri dubbi, sempre secondo Rifondazione riguardano la legittimità del progetto proposto, che ha come committente la società realizzatrice, il consorsio Etruria e la CIC e non il comune di Piombino.

Sollevata inoltre anche una questione di metodo per l’eccessiva compressione dei tempi che penalizzano una discussione più ampia.

Un limite che è stato riconosciuto dal sindaco Anselmi il quale ha però ribadito con forza l’enorme interesse pubblico che riveste l’intervento nella sua interezza.

Dopo questa prima adozione, si apre a questo punto il periodo delle osservazioni da parte di cittadini, singoli e associati, imprese ecc., che per un periodo di 45 giorni dal 17 al 30 novembre prossimo, potranno visionare il piano e proporre eventuali modifiche motivate. Nel mese di dicembre si prevede l’approvazione definitiva e la nuova discussione in consiglio comunale.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 2.10.2007. Registrato sotto politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 19 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it