FANGHI: VELO PREOCCUPATA, «MA UN PO’ TARDI»

Esprime preoccupazione l’on. Velo – parlamentare de l’Ulivo – in una interrogazione presentata alla Camera dei deputati, con la quale chiede garanzie a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente e quali misure saranno adottate per assicurare che gli interventi siano svolti nel rispetto della normativa vigente.

«L’operazione “Fanghi di Bagnoli” – prosegue l’on. Velo – è regolata da un Accordo di Programma, in corso di formazione, che prevede interventi funzionali a programmi di sviluppo sostenibile, capaci di incidere positivamente sull’ambiente e sul processo di sviluppo economico-sociale, in un contesto di programmazione integrata delle risorse e di un più generale sviluppo dei rapporti di collaborazione istituzionale ed operativa;

Tale Accordo di programma stabilisce il recupero dei materiali provenienti dalle operazioni di rimozione della colmata dell’area ex industriale di Bagnoli-Coroglio e il dragaggio dei sedimenti presenti nell’area marina antistante per la realizzazione delle opere necessarie alla infrastrutturazione dell’area portuale di Piombino e la realizzazione del comparto viario ad essa necessario.

Per la realizzazione dei banchinamenti portuali è possibile, per effetto di quanto stabilito dal comma 996 dell’articolo 1 della legge finanziaria 2007, utilizzare vasche di colmata, refluendo nelle stesse sedimenti provenienti da interventi di dragaggio, purché non pericolosi, evitandone così lo sversamento in mare.

In considerazione delle questioni su esposte – conclude l’on. Velo – si può cogliere da un lato l’opportunità di addivenire ad una soluzione sinergica tra due importanti interventi di risanamento ambientale e di sviluppo territoriale di rilevanza nazionale, e allo stesso tempo la preoccupazione della comunità locale di fronte ad una operazione sicuramente complessa sotto il profilo ambientale e dei processi gestionali ad essa connessi».

Ma subito alcune perplessità sono sorte dal Forum della democrazia, che in un comunicato dice che…

«Se è vero che l’on. Silvia Velo ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla questione dei fanghi di Bagnoli – commenta il Forum della Democrazia – allora siamo alla farsa, riprova del degrado della politica.
Con questa interrogazione la Velo chiede quali siano le motivazioni dell’accordo di programma Piombino-Bagnoli e quali garanzie il Ministero potrà offrire per l’ambiente e la sicurezza dei cittadini. Questo lo dice a settembre, a luglio insieme agli altri sindaci della Val di Cornia aveva dato l’ok all’operazione; sempre a luglio Anselmi ed il partito al quale appartengono tutti e due avrebbero voluto firmare un accordo nel quale c’erano addirittura rifiuti pericolosi senza nessun impianto a Piombino per trattarli.

La Velo si dice preoccupata a Roma – continua il Forum della Democrazia – mentre nel consiglio comunale e alle assemblee pubbliche ha sostenuto senza problemi la posizione di Anselmi: firma subito! E avrebbero certamente firmato se non ci fosse stato un movimento crescente di cittadini contro l’operazione Bagnoli.
Sono comportamenti come questi che spingono molti cittadini a seguire Beppe Grillo: l’inaffidabilità e l’arroganza del ceto politico, associato a incompetenza. Non hanno nessun rispetto neppure per l’intelligenza di chi li ha eletti. Forse si sono accorti di essersi cacciati in un vicolo cieco e, ora che i cittadini sono realmente preoccupati, cercano di riprendere in mano la situazione cavalcando il malcontento».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 22.9.2007. Registrato sotto politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 14 giorni, 21 ore, 45 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it