BIOMASSE: LO SDI CHIEDE LE DIMISSIONI DI GARUFFO

Anche lo SDI di Piombino torna sull’argomento biomasse, e lo fa chiedendo le dimissioni dell’assessore provinciale Rocco Garuffo che la scorsa settimana si era visto bloccare dal consiglio provinciale di Livorno l’iter autorizzativo della centrale a biomasse che la Seca ha progettato a Montegemoli. Uno stop sicuramente non indolore, visto che la conferenza dei servizi aveva già pronunciato il suo ok tecnico al progetto.


Lo SDI pone le stesse domande che hanno chiesto recentemente anche altri partiti, prima fra tutte Rifondazione Comunista in una recente interpellanza al consiglio comunale di Piombino.

«È vero o no – commentano Ferrini e Marzucchi – che a novembre è stato assegnato dal Comune il terreno alla società che costruirà la centrale, pur non essendoci ancora l’autorizzazione dalla Provincia per la sua costruzione ed il suo esercizio? È vero o no che questa decisione è avvenuta senza alcuna discussione politica preventiva? È vero o no che pur avendo noi sollecitato a fine febbraio un dibattito su questa nuova centrale dopo aver appreso dell’assegnazione del terreno solo dalla stampa, si è comunque andati avanti senza un minimo confronto nemmeno tra i partiti della maggioranza? È vero o no che lo stesso metodo si è usato in Provincia, non informando neppure i consiglieri che la Provincia avrebbe rilasciato l’autorizzazione e presentando loro la questione nell’ultimo consiglio provinciale come cosa ormai già fatta? È vero o no che come coalizione abbiamo sempre detto di volere uno sviluppo basato sulla qualità delle produzioni, delle imprese che si devono insediare e dello stesso lavoro che si crea?»

«Visto ciò che ha recentemente commentato l’assessore regionale Artusa sulle filiere corte nei processi a biomasse – continuano i due rappresentanti dello SDI – vogliamo aprire uno scontro con la Regione? E vogliamo davvero spaccare la maggioranza come è successo in Provincia con SDI, Sinistra Democratica, PdCI e Verdi insieme a Rifondazione ed il costruendo partito democratico dall’altra? Il ripensamento è quindi necessario – concludono – e con questa gestione le dimissioni di Garufo, cui va comunque la nostra stima al di là di questa vicenda e che paga per responsabilità non solo sue, diventano però un atto dovuto, a meno che non modifichi la sua posizione».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.6.2007. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 10 giorni, 15 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it