RIFONDAZIONE: «BUGIE E CHIAREZZA SUL PIANO STRUTTURALE»

Piombino – Il Comitato Esecutivo Val di Cornia-Elba del Partito della Rifondazione Comunista commenta la recente intervista all’architetto Vezio de Lucia apparsa sulla stampa locale.

«Ora è chiaro – commenta Rifondazione Comunista – perché non si è voluto fare un piano strutturale partecipato, aperto al confronto vero con i cittadini: la luce del sole avrebbe dissolto la nebbia che è stata versata intorno a questa complessa vicenda per coprire corposi interessi immobiliari.

L’intervista all’architetto Vezio De Lucia – continua Rifondazione – pubblicata dal Tirreno, colma molte reticenze degli amministratori comunali, che hanno nascosto la verità perfino ai loro Consigli comunali. Ora sappiamo che il rapporto tra i Comuni e De Lucia è stato interrotto per dissensi sulle scelte di fondo del piano (portualità, aree industriali, strada Fiorentina-Ghiaccioni) e che lo stesso urbanista non è stato neanche interpellato sulle osservazioni e sulle controdeduzioni.

L’intervista consente quindi di arrivare ad alcune conclusioni:
1. Il sindaco Anselmi ha nascosto la verità e ha raccontato bugie al Consiglio comunale e ai cittadini. Questo costituisce un grave comportamento per un sindaco.
2. Il rapporto qualificante con l’architetto De Lucia (che è uno dei più noti e competenti urbanisti) è stato interrotto dai sindaci perché volevano un piano strutturale più gli interessi immobiliari che per lo sviluppo sostenibile.
3. Caso unico e anomalo nella pratica urbanistica, le osservazioni al piano strutturale non sono state neanche fatte vedere all’autore del piano. A noi questo sembra gravissimo e lo abbiamo già denunciato in Consiglio.
4. Emerge ormai chiaramente la discontinuità con le scelte urbanistiche di tutela del territorio. Invece di arginare l’invadente presenza industriale, togliendo aree all’industria, si preferisce occupare altro suolo rurale in direzione della collina.

Per tutti questi motivi – continua il comunicato di Rifondazione – il nostro partito è passato da un voto favorevole al momento dell’adozione del piano di De Lucia ad un voto contrario ad un piano riscritto essenzialmente negli uffici comunali, accogliendo osservazioni (come quella della strada sul promontorio e dello spostamento del limite urbano) che ne hanno snaturato lo spirito e i contenuti. Ora che i fatti sono più chiari, presenteremo un ordine del giorno al Consiglio comunale di Piombino e chiederemo al sindaco che il professor De Lucia venga subito formalmente interpellato sui cambiamenti apportati al piano strutturale di cui è stato l’estensore. La stessa chiarezza – conclude il comunicato – la chiederemo anche agli altri Comuni coinvolti nel processo di pianificazione».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.5.2007. Registrato sotto politica. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 20 ore, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it