NOTIZIE DALLA VAL DI CORNIA DEL 7 NOVEMBRE 2006

Vediamo insieme le notizie di oggi dalla Val di Cornia.
Premi su: Leggi Tutto…

CAMPIGLIA: BANDO PER FARE DOMANDA PEI I NUOVI ALLOGGI

Sarà pubblicato il 13 novembre il bando per la presentazione delle domande per poter entrare nella graduatoria che dà diritto all’assegnazione, da parte del Comune di Campiglia, di alloggi d’edilizia residenziale pubblica.

L’uniche due ovvie limitazioni, sono non vantare diritti di proprietà su case sfitte (in qualsiasi Comune si trovino) e su quelle abitate in loco. Per quest’ultime, inoltre, è necessario non possedere il diritto di usufrutto. Importante verificare anche la grandezza dell’appartamento in questione, perché se l’appartamento che si possiede è piuttosto piccolo, allora la domanda la si può presentare ugualmente. Per maggiori informazioni ci si potrà rivolgere all’ufficio casa del Comune a partire dal 13 novembre prossimo, dove si troveranno anche i moduli necessari per presentare la domanda.

11° EDIZIONE DI EXPOMODEL A VENTURINA 2006

Il Comitato Cittadino Venturina ha presentato l’11° EXPOMODEL VENTURINA 2006, rassegna annuale di modellismo e cultura, che avrà luogo a Venturina (Livorno) il prossimo sabato 11 e domenica 12 Novembre nell’area fieristica della Ce.Val.Co spa.

Le cifre caratterizzanti l’11a edizione: 300 espositori in 130 stand, numeri che hanno reso necessari tutti gli spazi espositivi a disposizione nonché l’acquisto di gazebo mobili da sistemare nelle aree esterne. La mostra si articola su una superficie coperta e aperta di circa 10.000 metri quadrati. All’interno l’esposizione di eccellenti modelli navali, auto, aerei e plastici ferroviari con annessa “borsa scambio” e “Concorso di modellismo statico”. Da citare la partecipazione del Gruppo Fermodellistico Francese de L’Union Modelistes Chalonnais con i modelli dei Treni TGV dell’alta velocità francese, a dare carattere di internazionalità alla manifestazione, e l’imponente plastico Ferroviario del Gruppo GFP fermodellisti Piombino e Val di Cornia ormai famoso ed apprezzato in tutta Italia ed all’estero.

L’area esterna sarà invece dedicata all’esposizione di auto, trattori, mezzi d’epoca e alle esibizioni dinamiche di aerei ed elicotteri. Ricca la rassegna di gloriose auto d’epoca rappresentata dall’associazione CASM club auto storiche e moto della Val di Cornia .
Nello spazio esterno, nell’area dedicata ai trattori d’epoca, verrà preparato anche un circuito per abili trattoristi piloti per lo svolgimento di gare a cronometro con tanto di giuria e premiazione finale. Tra le molte Associazioni modellistiche e culturali partecipanti, saranno nuovamente presenti la Croce Rossa Italiana con i mezzi di soccorso d’epoca e moderni, il Corpo dei Vigili del Fuoco di Livorno con una imponente collezione di modelli autocostruiti in metallo di mezzi antincendio che hanno fatto la storia dei Vigili. Da segnalare per la prima volta anche una rappresentanza dell’Esercito Italiano con la partecipazione del Nucleo RAP del 3° Reggimento Savoia Cavalleria.
Nella sola giornata di apertura Sabato 11 Novembre 2006 e con la partecipazione delle Poste Italiane sarà previsto anche un servizio filatelico per l’annullo postale delle cartoline ricordo di questa edizione .

ANNA MARROCCO: BENE I FONDI PER LA DIFESA DEL SUOLO

L’assessore provinciale all’ambiente Anna Marrocco illustra lo sforzo fatto dall’attuale governo per la difesa del suolo.

«Con grande soddisfazione – dice l’assessore provinciale alla difesa del suolo Anna Marrocco – abbiamo accolto l’intervento del Ministro all’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare, Alfonso Pecoraro Scanio, che ha permesso di recuperare in finanziaria, per la difesa del suolo, 220 milioni di euro per il 2007, 265 milioni per il 2008 e 265 milioni per il 2009. A questi vanno aggiunti 150 milioni per il 2007 provenienti dai fondi che erano stati destinati al Ponte sullo Stretto. Un totale quindi di 880 milioni per i prossimi tre anni».

Tutti gli interventi, ed è una novità, sono infatti individuati nelle aree a rischio 3 e rischio 4, cioè le più elevate, a differenza di quanto è accaduto in passato quando i finanziamenti erano spesso destinati a comuni non a rischio”. Per la provincia di Livorno è stato destinato un primo stralcio di più di un milione di euro per la messa in sicurezza idraulica e la mitigazione del rischio idraulico di aree poste nel bacino del fiume Cecina.

Nel corso del convegno sulla difesa del suolo, organizzato dalla Regione Toscana in occasione del quarantennale dell’alluvione dell’Arno, sono state messe in evidenza le relazione tra i cambiamenti climatici, i rischi sul territorio e le politiche della prevenzione. E’ stata sottolineata la maggiore frequenza di fenomeni come quelli delle “bombe d’acqua” , temporali improvvisi, concentrati e violenti, che anche nella nostra provincia costituiscono eventi che mettono a dura prova la tenuta del reticolo minore e delle infrastrutture urbane. Occorre per questo attrezzarci alle nuove evidenze dei cambiamenti climatici con un assetto idrogeologico corretto, maggiori manutenzioni ed una protezione civile efficiente, efficace e coordinata.

«Su questi campi – prosegue l’assessore – stiamo lavorando nel pieno accordo con le direttive del Ministero dell’Ambiente e della regione Toscana. La difesa del suolo è l’opera pubblica più importante. Significa salvare vite umane, difendere l’ambiente, le città e salvaguardare le attività produttive sul territorio.

Il nuovo Piano Territoriale di Coordinamento (PTC) provinciale dovrà tener conto della centralità della difesa del suolo e della tutela delle acque se vogliamo veramente parlare di sviluppo nel nostro territorio. Senza sostenibilità salta l’economia stessa. Dobbiamo fare dei nuovi piani per adattarci al fatto che il clima e’ gia’ cambiato – ha aggiunto – e se vogliamo evitare che questo cambio climatico si traduca in danno permanente, occorre necessariamente ridurre le emissioni di Co2».
L’assessore Marrocco ha anche convocato l’Autorità di Bacino Arno ed il Comune di Collesalvetti per verificare lo stato di attuazione della messa in sicurezza della piana di Guasticce.

VAL DI CORNIA: INCONTRI DS SU FINANZIARIA E TEMI LOCALI


«La situazione politica nazionale – inizia il comunicato dei DS federazione Val di Cornia – richiede la crescita di una discussione sulle prospettive economiche e sociali del nostro paese e del nostro territorio. Per questo la Federazione DS insieme alle altre forze politiche organizzerà una tornata di appuntamenti di discussione sulla finanziaria, sulla situazione politica e sui principali temi che riguardano il territorio. I servizi pubblici locali, il rafforzamento del circondario, il rapporto con le piccole e medie imprese ed il lavoro autonomo ma anche con il mondo del lavoro dipendente, cosi come l’organizzazione della carovana antimafia, sui temi della legalità all’ Isola d’Elba.
Nel mese di Dicembre l’ assemblea dei DS della Federazione discuterà, a seguito di un lavoro in profondità con tutto il territorio, associazioni, categorie e forze sindacali, di Industria, Ambiente, Energia e Sapere in Val di Cornia».

«La Direzione dei DS – continua il comunicato – ritiene opportuno affrontare una stagione di discussione sui temi veri del Governo Nazionale di quello Regionale e di questo territorio E’ questo il modo migliore per parlare ai cittadini lasciando le polemiche personali al proprio arido campo di appartenenza. Polemiche la cui natura, è stata chiaramente valutata in questi giorni da tutti i cittadini. In questo senso insieme a ciò che si muove nella Regione Toscana vogliamo ribadire i due assi su intendiamo muoverci: rafforzare il nucleo riformista e di governo con la Margherita, lo SDI e le espressioni civiche che fanno riferimento a questo campo e contestualmente rilanciare i rapporti e il profilo dell’ Unione di centro sinistra, anche con Rifondazione Comunista e Verdi la dove non fanno parte delle maggioranze di governo».

ROSA NEL PUGNO: SÌ ALLA ZTL CON I PARCHEGGI ADEGUATI

Insieme per lo Sviluppo-Rosa nel Pugno è favorevole alla realizzazione di una ZTL che può essere un forte elemento di attrazione e valorizzazione della parte antica della città di Piombino.

«Dobbiamo però inquadrare questo progetto – commente Stefano Ferrini – non solo da un punto di vista meramente estetico-conservativo, ma anche dentro un quadro più complessivo che veda insieme le istanze di un’area urbana pregiata con il supporto di viabilità, organizzazione dei movimenti di mezzi e persone e la realizzazione di aree di sosta, segnaletica, gestione del traffico e soprattutto di parcheggi adeguati. Ci sembra quindi che la strada scelta dall’Amm.ne Com. le con il protocollo d’intesa sia giusta, poiché si rinvia l’attuazione e l’ampliamento della ztl alla contestuale ricerca di nuovi parcheggi e perché si è scelto il metodo della concertazione con Circoscrizione ed associazioni di categoria. In particolare, ci pare positivo che si rinvii anche la prima parte dell’attuazione della ztl alla ristrutturazione del parcheggio dell’ex fonderia Bernardini per massimizzarne le potenzialità in termini di capienza, alla trasformazione in parcheggi degli spazi della parte alta di Viale del Popolo ed alla realizzazione di una segnaletica adeguata ad orientare i veicoli verso le suddette aree di sosta.

Dobbiamo infatti – continua l’ex assessore – ammettere che si impone un cambiamento culturale su come “vivere Piombino” che non è solo riferito a come deve essere una città da usare, ma soprattutto all’uso che si fa della città stessa. Forse esiste una nostra “monocultura” anche in questo. Dovremo quindi domandarci se siamo disposti ad andare di più a piedi o in bicicletta e se siamo favorevoli a “muoversi” non solo con le auto. Noi pensiamo che ciò sia non solo auspicabile, ma anche necessario, basti pensare al minor accumulo di gas di scarico che avremo in zone molto ingolfate o ai ritardi che possiamo provocare verso i mezzi di soccorso; oppure allo spirito che il progetto della “città dei bambini” ha, senza che debba rimanere filosofia. Non ultimi i mezzi pubblici, magari di dimensioni modeste, che possano servire zone della città meno coperte da questo servizio, come, ad esempio, la Tolla Alta. Quindi sì alla ZTL, ma anche tutto ciò che ad essa è collegato per fruire di una parte di città che è patrimonio di tutti e non solo di chi vi abita. Sarà importante però arrivare per tappe alla realizzazione di questo insieme di interventi, programmando e realizzando in contemporanea ad una ZTL che si allarga gradualmente nuovi parcheggi ed un uso più razionale di quelli attuali, senza danneggiare così la frequentazione del centro storico per tutti i cittadini ed i possibili turisti, così come il protocollo propone. Importante naturalmente sarà attivare, così come l’Assessore Fanetti ha proposto, un percorso di confronto attraverso la Circoscrizione con i cittadini ed i commercianti per condividere questa importante scelta con chi nel centro storico ci vive e ci lavora».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.11.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 14 giorni, 10 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it