NOTIZIE DALLA VAL DI CORNIA DEL 4 NOVEMBRE 2006

Vediamo insieme le notizie di oggi dalla Val di Cornia.
Premi su: Leggi Tutto…

ASIU: ROSA NEL PUGNO SODDISFATTA PER NOMINA MURZI

La lista «Insieme per lo Sviluppo» e la «Rosa nel Pugno» esprimono la loro soddisfazione per la nomina di Fulvio Murzi ad ASIU e TAP ed augurano al neo presidente un sincero augurio di buon lavoro.

«Esprimiamo – commentano Ferrini e Mazzocchi delle due liste – soddisfazione per la nomina di Fulvio Murzi all Presidenza di Asiu e Tap, crediamo che Fulvio sia una risorsa importante per il territorio per le qualita’ manageriali dimostrate in maniera efficace nella gestione delle Farmacie Comunali e durante la guida dell Cooperativa l’Ormeggio nella quale si e’ distinto per equilibrio e lungimiranza».

«Daremo come Lista Insieme per lo Sviluppo e come Rosa nel Pugno, il massimo appoggio politico nella gestione delle aziende che riteniamo strategiche per il futuro di questo territorio.
Cogliamo l’occasione per ringraziare l’operato del Presidente dimissionario Lorenzo Banti che crediamo abbia posto le basi per un futuro sviluppo e rilancio delle due societa’».


INTERCULTURA AL PEGASO CON CORTOMETRAGGIO E SPETTACOLO TEATRALE

L’Azienda Agricola Bulichella, organizzatori Hidejuki Mijakawa e Cinzia Bartalini, con l’amministrazione comunale di Piombino propongono per il giorno 7 novembre alle ore 11.30 alla Pegaso la proiezione del cortometraggio “Un sorriso per tutti” di Ogawa Kazuya e la performance “Grazie” di D. Pennac interpretata da Roberto Marini.

«Si conclude così la prima parte del progetto realizzato lo scorso anno con il liceo scientifico e l’istituto tecnico commerciale di Piombino. Filo conduttore del percorso è stato il sorriso che ha tessuto i colori di una tela con sfumature diverse, sorriso come terapia, giustizia, solidarietà e comunicazione narrato da protagonisti che quotidianamente vivono sulla propria pelle l’utilizzo di questo strumento per risolvere problematiche o attenuare frustrazioni umane e sociali.

Gli studenti si sono lasciati coinvolgere positivamente mostrando accettazione delle teorie espresse, riconoscendo la validità dei contenuti nei percorsi proposti e la loro lontananza dai temi trattati.
I giovani sono il nostro presente, come ha detto don Ciotti e gli adulti sono co-responsabili insieme a loro di questo tempo. La sfida, allora, è quella di costruire strade che vedano l’entusiasmo e la creatività dei giovani uniti alla conoscenza e al patrimonio culturale del mondo adulto per essere co- protagonisti e diventare co-operatori per il domani.

“La seconda parte del progetto vedrà il sorriso come collegamento ed espressione tra le varie culture – dicono gli organizzatori – un ponte sul quale salire per andare alla scoperta dell’altro/a e avvicinare paesi e popoli. Crediamo che il sorriso debba e possa diventare metodo per: la risoluzione dei conflitti, l’ascolto attivo, la disponibilità reale all’incontro e l’inerculturalità.
Ringraziamo la disponibilità delle scuole nelle figure dei presidi, dei docenti e degli studenti che ci hanno permesso di realizzare all’interno delle loro strutture questi eventi, Koinè che li ha ha inseriti nel proprio programma e l’amministrazione comunale di Piombino per la disponibilità dimostrata e il sostegno dato.”


PIOMBINO: ZTL, ACCORDO TRA COMUNE E ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA?

Confronto positivo sull’ampliamento della zona a traffico limitato in centro storico. Giovedì 2 novembre si è svolta una riunione in sala consiliare su questo tema tra le associazioni di categoria (Cna, Confcommercio, confesercenti), il sindaco Anselmi e gli assessori Elisa Murzi, Carlo Barsi e Andrea Fanetti, che ha avuto un esito favorevole in termini di dialogo e di raggiungimento di un’intesa comune.

La giunta ha infatti proposto un percorso graduale che parte dalla elaborazione di un protocollo d’intesa tra associazioni, comune e circoscrizione, in cui siano fissati obiettivi, azioni e modalità per promuovere una mobilità sostenibile nel centro storico di Piombino.
Nei prossimi giorni, tramite la circoscrizione Porta a Terra Desco saranno promossi incontri e assemblee con la cittadinanza, per arrivare alla costruzione di un quadro il più possibile condiviso, sulla base di dati e informazioni messe a disposizione dall’amministrazione comunale.

L’estensione della Ztl e di nuove aree pedonali farà parte comunque di un progetto più ampio di valorizzazione della parte storica, da realizzare con la dovuta gradualità legata all’estensione e a un migliore utilizzo dei parcheggi in tutto il centro.
“Partendo dalla consapevolezza che il centro storico di Piombino, insieme all’intera costa urbana, costituisce un elemento strategico per la costruzione dell’offerta turistica della città e di tutta la Val di Cornia – spiega il sindaco – e che la pressione antropica su questa parte della città è aumentata notevolmente negli ultimi anni, pensiamo sia necessario provvedere ad un’adeguata valorizzazione e vivibilità degli spazi urbani, limitando il traffico veicolare nella città antica, che rappresenta tra l’altro un’area di pregio di dimensioni piuttosto ridotte.”

Attualmente la zona a traffico limitato del centro storico è circoscritta a corso Vittorio Emanuele II, che nella parte iniziale dal Torrione fino al palazzo comunale è area pedonale urbana, e alle vie che si diramano da questo (via Garibaldi, via Cavour, via Arsenale, via Cairoli, una parte di via XX settembre, via del Fossato, piazza Micheletti, via Ferruccio ecc).
La proposta dell’amministrazione è quella di estendere l’area a traffico limitato (normalmente aperta solo agli autorizzati) a via Mazzini (zona di Palazzo Appiani) fino all’area di Cittadella, e includere lo spazio di piazza Bovio antistante palazzo Appiani tra le aree pedonali, vietandolo completamente al traffico come il resto della piazza. Un progetto da concretizzare parallelamente alla ricerca e alla realizzazione di nuovi ambiti di parcheggio nelle aree più vicine al centro storico.


VELO RINGRAZIA I FAMILIARI DELLE VITTIME DELLA STRADA

Il sindaco di Campiglia Silvia Velo ha risposto all’Associazione Europea Familiari e Vittime della Strada che avevano chiesto la chiusura del locale venturinese “Los Panineros” dicendosi “fortemente colpita nello scoprire la vergognosa pubblicità che un locale che opera sul territorio comunale di Campiglia Marittima ha distribuito per attrarre clienti in occasione dell’apertura” e ringraziando l’associzione per “l’impegno che profonde quotidianamente nella promozione speciale per la tutela della vita e la sicurezza nelle strade”.

“la vostra denuncia – afferma il sindaco – sarà senz’altro d’aiuto a me e alle altre istituzioni per affrontare con determinazione questa vicenda. Vi garantiamo – aggiunge Silvia Velo – che l’Amministrazione comunale di Campiglia Marittima ha subito intrapreso tutte le iniziative necessarie , naturalmente nel rispetto dei limiti imposti dalle leggi vigenti, al fine di rimuovere tale situazione”.

Non ci sono quindi le condizioni per imporre la chiusura del locale ma sia la Polizia Municipale di Campiglia sia, le altre forze dell’ordine con le quali il sindaco ha preso contatto, hanno già messo in piedi tutti i controlli necessari per prevenire situazioni che tale pubblicità porrebbe indurre, sia che tali forme pubblicitarie non si ripetano, in quanto non rispettose della vita umana e in palese contrasto con azioni di tutela verso di essa.


CAMPIGLIA: SPORT E SCUOLA UN BINOMIO DA VALORIZZARE

Lo sport a scuola. Dalla fine di ottobre ha avuto inizio il progetto di promozione delle attività motorie in ambito scolastico, nato dalla collaborazione tra il comune di Campiglia Marittima, l’Istituto scolastico comprensivo “G. Marconi” e alcune delle associazioni sportive praticanti il Calcio Giovanile, Basket, Bocce, Equitazione, Tennis, Pallavolo, Arti Marziali e Rugby.

Da sottolineare che tutte le associazioni hanno apprezzato il progetto ma sono impossibilitate all’adesione per motivi organizzativi. Le classi coinvolte nel progetto sono le quarte e le quinte delle scuole elementari Altobelli, Amici e Marconi. Per i prossimi anni c’è l’intenzione di allargare l’esperienza a tutto il ciclo elementare. Grande soddisfazione è stata espressa per l’avvio del progetto dagli assessori allo sport e alla scuola del comune di Campiglia Sandro Nocchi e Michele Mazzola, che lo ha inserito nel programma dei finanziamenti richiesti a alla Regione Toscana. Il progetto, che parte da quest’anno per giungere al 2010, avrà anche un contributo da parte del Coni e, ovviamente del Comune di Campiglia.

La finalità del progetto è quella, attraverso il sostegno dell’amministrazione comunale, di creare un interscambio tra il ruolo della scuola e quello delle associazioni sportive nel seguire i ragazzi nelle loro pratiche motorie, nell’intento che l’attività divenga un momento educativo più consistente. In effetti, nel sistema italiano l’educazione motoria è demandata alla scuola e all’associazionismo sportivo. Si verifica che, mentre la scuola lavora con poche ore destinate al movimento, ma sulla totalità della popolazione infantile e giovanile, le associazioni offrono attività molto specializzate, ma hanno un seguito numericamente molto minore e a un certo punto un abbandono netto, spesso conseguente ad una selezione dovuta all’agonismo. Ciò comporta una serie di problemi, i quali sfociano spesso nell’abbandono, da parte dei ragazzi, dell’attività sportiva che invece è fondamentale poter seguire nell’arco della vita per il miglior sviluppo e mantenimento del benessere psicofisico.

In concreto il progetto prevede l’intervento a scuola di esperti nelle varie discipline sportive affinché, attraverso la pratica, i bambini possano conoscere le attività sportive. I risultati attesi sono un minore abbandono dell’attività sportiva in età giovanile, una maggiore partecipazione alle attività sportive giovanili, la disponibilità di offerta motoria e la partecipazione allo sport dei bambini diversamente abili. Nel corso dell’anno oltre alla pratica sportiva gli alunni saranno anche stimolati degli insegnanti attraverso un lavoro interdisciplinare per affrontare lo sport visto da diversi punti di vista quali quello letterario e grafico.


CONTINUA «IL BELLO DI CAMPIGLIA» ANCHE SABATO E DOMENICA

Sabato 4 novembre pomeriggio “in compagnia del fornaio…” giochi per bambini con la Ludoteca Comunale . Domenica 5 novembre Mercato artigianale con “i Dolci della tradizione toscana e Spettacoli di artisti di strada”. Gli Arcieri del Drago saranno a disposizione per far provare al pubblico i loro archi in Piazza Dogali.

All’Osteria della Pro Loco in Piazza Mazzini domenica 5 novembre alle 12.00 e alle 19.00 si potranno degustare i migliori piatti della gastronomia locale innaffiati con ottimi vini. Il 4 novembre invece l’osteria sarà aperta sono la sera dalle 19.00.

Un ricco panorama di mostre temporanee e gli spazi espositivi permanenti faranno da corollario alla festa. In via della Libertà si visita il Museo d’arte Sacra, nel vicolo delle Donne la Mostra del Minerale, Mostre d’Arte si incontreranno in via Buozzi, nella Galleria Artecontemporanea, al Palazzo Pretorio, e ancora in via Roma la Mostra del Tombolo e in via Buozzi la Mostra Fotografica.Per informazioni è possibile rivolgersi all’ufficio turistico 0565837201.


DOMENICA 5 NOVEMBRE «BANDARROSTE» INSIEME ALLA MASCAGNI

Domenica 5 novembre giornata densa d’impegni per la Filarmonica Mascagni di Venturina.

La filarmonica la mattina parteciperà al corteo in memoria dei caduti per la ricorrenza del 4 novembre, giorno dell’Unità nazionale e il pomeriggio, organizza nella propria sede, la Sala della Musica in via della Corniaccia, a partire dalle 15.30, un incontro tra gusto e musica, la seconda edizione di “Bandarroste” fortunata formula che prevede brevi concerti della stessa orchestra e di un gruppo ospite, il Corpo musicale G. Verdi di Fognano (Pistoia), mentre il pubblico gusta al tavolo caldarroste e vino nuovo toscano.


VENTURINA RICORDA I 40 ANNI DALL’ALLUVIONE DEL 1966

Venturina come Firenze, nelle dovute proporzioni, ma anche qui, quarant’anni fa, le acque del fiume invasero il paese seminando sgomento e danni tra la popolazione. Non c’erano opere d’arte da salvare, ma la vita quotidiana delle persone, i beni comuni, le infrastrutture, le case, gli animali domestici.

Alle 5 mezzo del mattino del 4 novembre 1966 il Cornia strappò gli argini in destra in due punti, tra Cafaggio e Venturina e alla rampa Merciai. Il sindaco Aldo Montomoli, avvertito dagli operai che si trovavano di servizio all’acquedotto – allora le pompe non erano controllate automaticamente come adesso e gli oprerai facevano i turni giorno e notte – fece chiamare attraverso il posto pubblico del ristorante Pizzica di Campiglia il geometra Giampiero Vincenti che coordinò i soccorsi per il comune di Campiglia. “Pensavo quasi che fosse uno scherzo per tirarmi giù dal letto – ricorda Vincenti – ma capii subito che non poteva esserlo perché per uno scherzo nessuno si sarebbe azzardato a tirare in ballo il sindaco e così mi precipitai da Pizzica chiedendo che cos’era successo.

Il padre di Renzo, il vecchio Venturelli, mi indicò di guardare verso la vallata: al posto dei campi coltivati c’era un immenso lago che arrivava quasi in Colmata”. Da lì partì la macchina dei soccorsi. Nell’abitato di Venturina l’acqua da Cornia arrivò fino in via Gorizia, dove sono le attuali scuole medie. Per tirare in salvo molta gente ci vollero le barche. Il Comune stanziò 1.500.000 di lire per riparare i danni che furono stimati in 400 milioni.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.11.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 24 giorni, 3 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it