PIOMBINO ESCLUSO DAL PIANO DI SVILUPPO DEI PORTI?

E’ questa la domanda che si fanno Riccardo Marzucchi e Stefano Ferrini del Coordinamento Insieme per lo Sviluppo – Rosa nel Pugno dopo l’uscita del Dpef (Documento di programmazione economico e finanziaria) del governo che esclude il porto piombinese dagli scenari di sviluppo nazionali.

«È un fatto gravissimo – commentano i due esponenti della Rosa nel Pugno – che il porto di Piombino sia escluso nel Dpef (Documento di programmazione economico e finanziaria) del governo dagli scenari di sviluppo delle reti logistiche nazionali perché questo comporterà l’esclusione dalla ripartizione delle risorse presenti e future, nonché dalle grandi arterie di collegamento internazionali.

E’ pertanto necessario – continua la Rosa nel Pugno – che tutte le istituzioni, a cominciare da quelle locali con il Sindaco in testa, per arrivare sino al Presidente della Provincia ed a quello della Regione, si mobilitino per far modificare questo testo che esclude il sito piombinese dallo sviluppo delle reti di collegamento e di interconnessione via terra e via mare per il prossimo futuro.

Per parte nostra – conclude il comunicato – abbiamo già attivato il parlamentare eletto con la Rosa nel Pugno in Toscana Lanfranco Turci perché si affronti al più presto la questione nelle opportune sedi romane. Rivolgiamo un appello perché tutte le forze politiche, le associazioni di categoria ed i soggetti privati che hanno a cuore lo sviluppo del porto di Piombino facciano la loro parte per modificare questo documento del governo nazionale. In questo senso, bene ha fatto il Presidente della Autorità Portuale Luciano Guerrieri a scrivere al Ministro Di Pietro affinché si corregga il provvedimento».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.10.2006. Registrato sotto cronaca. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 12 giorni, 0 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it