PARLAMENTARI A TUTELA DELLE INFRASTRUTTURE TOSCANE

In questi giorni amministratori e parlamentari sono intervenuti in merito all’incontro che il prossimo 6 settembre, il ministro delle infrastrutture Antonio Di Pietro, avrà con il presidente della Regione Claudio Martini, nell’ambito della ricognizione sulle Grandi Opere e sulla definizione delle priorità infrastrutturali toscane.

«Come è già stato detto – inizia il comunicato – il presupposto da cui si parte è che, a fronte di circa 173 miliardi di euro, necessari per la realizzazione del Programma delle Grandi Opere approvato dal precedente governo, sono ad oggi disponibili solo 58 miliardi di euro circa; quindi il tanto pubblicizzato Programma di Investimenti necessari per l’ammodernamento infrastrutturale del Paese, è tale solo sulla carta. Occorre quindi scegliere e concordiamo le tre priorità definite dal presidente Martini e dall’assessore Conti: la TAV di Firenze, il Corridoio Autostradale Tirrenico e la Due Mari Grosseto-Fano».
Premi su: Leggi Tutto…


«Tale situazione finanziaria – continua il comunicato – nota comunque a tutti, è servita ad alcuni, in questi giorni, a riaprire una discussione sulla tipologia del completamento del corridoio tirrenico;(autostrada, adeguamento della Aurelia) che ritenevamo ormai chiusa e superata. Come è possibile infatti far finta che in questi anni non sia successo nulla, non sia avvenuta un’ampia concertazione che ha coinvolto Comuni, Province, Regione e Governo ed alla fine ha prodotto una scelta, quella di un percorso autostradale ad elevata sostenibilità ambientale largamente condiviso e coerente nell’asse di collegamento fra l’Italia ed il Nord Europa.

Riaprire una discussione oggi, significherebbe fornire alibi e rinviare una scelta necessaria per la Toscana costiera, per lo sviluppo della portualità, un collegamento necessario all’Italia ed ai suoi collegamenti con l’Europa.. Prendere poi a pretesto la scarsezza di risorse finanziarie per accantonare la soluzione autostradale per ritornare al progetto ANAS, risulta davvero singolare. Infatti se una possibilità di realizzare l’opera esiste, è proprio rappresentata dalla possibilità di attivare risorse aggiuntive a quelle pubbliche attivabili solo con l’opzione autostradale. E’ utile inoltre ricordare che nei mesi scorsi è già iniziato l’esame della proposta progettuale avanzata dalla società autostradale SAT. Per tutte queste ragioni ci auguriamo che si possa procedere rapidamente sulla strada delle decisioni già prese e questo è ciò che si aspettano il mondo produttivo ed i cittadini toscani».

Firmato:
Onorevoli: Silvia Velo, Raffaella Mariani, Elena Cordoni, Marco Filippeschi, Claudio Franci (Gruppo Ulivo – Camera dei Deputati)
Senatore Marco Filippi (Gruppo Ulivo – Senato della Repubblica).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.8.2006. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    44 mesi, 0 giorni, 1 ora, 22 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it