PARLAMENTARI A TUTELA DELLE INFRASTRUTTURE TOSCANE

In questi giorni amministratori e parlamentari sono intervenuti in merito all’incontro che il prossimo 6 settembre, il ministro delle infrastrutture Antonio Di Pietro, avrà con il presidente della Regione Claudio Martini, nell’ambito della ricognizione sulle Grandi Opere e sulla definizione delle priorità infrastrutturali toscane.

«Come è già stato detto – inizia il comunicato – il presupposto da cui si parte è che, a fronte di circa 173 miliardi di euro, necessari per la realizzazione del Programma delle Grandi Opere approvato dal precedente governo, sono ad oggi disponibili solo 58 miliardi di euro circa; quindi il tanto pubblicizzato Programma di Investimenti necessari per l’ammodernamento infrastrutturale del Paese, è tale solo sulla carta. Occorre quindi scegliere e concordiamo le tre priorità definite dal presidente Martini e dall’assessore Conti: la TAV di Firenze, il Corridoio Autostradale Tirrenico e la Due Mari Grosseto-Fano».
Premi su: Leggi Tutto…


«Tale situazione finanziaria – continua il comunicato – nota comunque a tutti, è servita ad alcuni, in questi giorni, a riaprire una discussione sulla tipologia del completamento del corridoio tirrenico;(autostrada, adeguamento della Aurelia) che ritenevamo ormai chiusa e superata. Come è possibile infatti far finta che in questi anni non sia successo nulla, non sia avvenuta un’ampia concertazione che ha coinvolto Comuni, Province, Regione e Governo ed alla fine ha prodotto una scelta, quella di un percorso autostradale ad elevata sostenibilità ambientale largamente condiviso e coerente nell’asse di collegamento fra l’Italia ed il Nord Europa.

Riaprire una discussione oggi, significherebbe fornire alibi e rinviare una scelta necessaria per la Toscana costiera, per lo sviluppo della portualità, un collegamento necessario all’Italia ed ai suoi collegamenti con l’Europa.. Prendere poi a pretesto la scarsezza di risorse finanziarie per accantonare la soluzione autostradale per ritornare al progetto ANAS, risulta davvero singolare. Infatti se una possibilità di realizzare l’opera esiste, è proprio rappresentata dalla possibilità di attivare risorse aggiuntive a quelle pubbliche attivabili solo con l’opzione autostradale. E’ utile inoltre ricordare che nei mesi scorsi è già iniziato l’esame della proposta progettuale avanzata dalla società autostradale SAT. Per tutte queste ragioni ci auguriamo che si possa procedere rapidamente sulla strada delle decisioni già prese e questo è ciò che si aspettano il mondo produttivo ed i cittadini toscani».

Firmato:
Onorevoli: Silvia Velo, Raffaella Mariani, Elena Cordoni, Marco Filippeschi, Claudio Franci (Gruppo Ulivo – Camera dei Deputati)
Senatore Marco Filippi (Gruppo Ulivo – Senato della Repubblica).

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.8.2006. Registrato sotto ambiente/territorio. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 12 giorni, 1 ora, 2 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it